La Fiorentina Baseball (3-2 e 4-10 contro il Longbridge 2000), il Comcor Engineering Modena (10-5 e 10-0 contro Metalco Dragons Castellana) e Nettuno BC 1945 (12-4 e 1-0 contro il Jolly Roger Grosseto) festeggiano la conquista di un posto alla Final Four del campionato di Serie A2 Baseball, che deciderà le due squadre promosse al campionato di A1 Baseball 2021. Ancora nulla da fare invece nel girone A, dove Bollate Baseball e Cagliari Baseball subiscono il “cappotto” rispettivamente dal Senago Milano United e dall’Ecotherm Brescia Baseball. Tutto aperto quindi nel girone A che vede adesso cinque squadre racchiuse in sole due lunghezze.

Girone A

Nuovamente tutto in discussione nel girone A, dove, tra sabato 19 e domenica 20, Bollate Baseball e Cagliari Baseball falliscono ancora una volta la possibilità di chiudere il discorso qualificazione alla Final Four, perdendo due partite a testa contro il Senago Milano United e l’Ecotherm Brescia Baseball che adesso, assieme al BC Settimo, tornano in corsa per il primo posto. Al “Comunale” di Bollate la squadra di casa perde due partite: 5-4 gara uno e 7-5 gara due. Nella prima sfida parte subito forte il Senago Milano United che segna tre punti nel primo inning contro José Castro grazie ad una serie di errori difensivi (3) ed alle valide decisive di Giuseppe Betti e Matteo Giordana. La squadra milanese si ripete al quarto inning dove si porta sul 5-0 parziale con un fuoricampo da due punti di Bryan Sheldon, che nel settimo inning mette a segno la salvezza. Non basta quindi alla squadra bollatese un big inning da quattro punti nel sesto, che porta le firme di Daniel Monti (singolo con basi piene), Angelo Torrelas (base su ball) e Gabriele Chimenti (sac fly). Decisamente più combattuta gara due che ha visto la squadra di casa rispondere colpo su colpo allo United fino all’ottavo inning, dove ai tre punti ospiti (lancio pazzo con basi piene di Dalberto Polo e singolo da due punti di Alexander Hernandez contro Lorenzo Ambrosioni) il Bollate risponde soltanto con una battuta da un punto di Niccolò Angeloni. Domenica a Bollate si gioca anche la sfida tra Cagliari Baseball e Ecotherm Brescia, con il campo milanese che sorride alla formazione bresciana, vittoriosa con i risultati di 3-2 e 7-0. La prima sfida ha visto il Cagliari Baseball passare in vantaggio per prima con un singolo da due punti nel primo inning battuto da Gabriele Ebau. Ma nel quarto inning un Gabriele Angioi fino a quel momento dominante entra in difficoltà, permettendo al Brescia Baseball di segnare i punti necessari al 3-2 finale con un doppio a basi piene di Milko Jaramillo ed un lancio pazzo che permette l’arrivo a casa di Reinaldo Pestana mentre Federico Virgadaula e Matteo Coletti sigillano il monte di lancio. In gara due si assiste invece al dominio della squadra lombarda che approfitta delle prestazioni dei lanciatori Javier Fandino (5IP, 3H, 7K), Nicolò Bonetti (1IP, BB) e Kevin Pittari (1IP, H, 2BB), che lavorano forti anche di un big inning da cinque punti nel primo inning (doppio da due punti per Jaramillo) a cui si aggiungono altri due punti segnati nel sesto grazie ad un paio di errori e lanci pazzi.

CALENDARIO E RISULTATI GIRONE A

CLASSIFICA GIRONE

Girone B

Il Comcor Engineering Modena Baseball (11-2) di Marcello Malagoli completa lo sweep ai danni del Metalco Dragons Castellana (6-9) e conquista la qualificazione alla final four nonostante tre partite ancora da disputare. I gialloblu hanno vinto entrambe le partite segnando dieci punti. In gara uno, vinta con il risultato di 10-5, la squadra emiliana è stata capace di rimontare due volte: sotto 2-0 al secondo inning, segna tre punti nella parte bassa con un singolo di Simone Campazzi ed un doppio per regola di campo di Juan Carlos Infante. I veneti tornano avanti con due punti nel quarto inning (punti battuti a casa da Alessandro D’Angelo e da Davide Novello) ma la squadra di casa pareggia nel sesto con un doppio di Romolo Pompilio per poi prendere il largo con sei punti nel settimo frutto di cinque valide, tra cui un doppio di Luca Martone, ed un errore difensivo. Diverso il discorso di gara due, che il Comcor Engineering Modena vince con il risultato di 10-0. I Dragons hanno battuto sette valide ma non sono mai stati in grado di attraversare il piatto di casa base. Inarrestabile invece il Modena, che colpisce 16 valide con 5 battitori capaci di prestazioni da almeno due valide. Da incorniciare quella di Simone Campazzi, che chiude 3-4 con un doppio, due singoli e due punti battuti a casa.

Un pareggio nella serie tra Bolzano Baseball (7-9) e Tecnovap Verona (5-9). Gara uno finisce al decimo inning e viene vinto dal Bolzano Baseball, squadra di casa, con il risultato di 4-3 grazie al walk-off frutto di un singolo di Luca Gaiga, già protagonista di un punto battuto a casa nel primo inning per il momentaneo 3-0, rimontato dagli scaligeri tra il quarto (punto su singolo di Alberto Castagna e errore di tiro dell’esterno destro Jan Fragiacomo) ed il nono inning, dove Tommaso Scagnolari sparecchia le basi con un singolo. Non riesce la doppietta in gara due, che viene vinta dal Tecnovap Verona per 7-3. La squadra ospite, guidata sul monte da un dominante Julio Almora (7IP, 8H, ER, 5K), mette nei guai i lanciatori Divina e Troisi nel sesto e nono inning, dove entrano un totale di sei punti su altrettante valide ed un errore difensivo. Per il Tecnovap Verona si distinguono in modo particolare il prima base Alberto Castagna (3-5, 3 RBI) e il terza base Matteo Nifosì (3-5, 2 RBI).

CALENDARIO E RISULTATI GIRONE B

CLASSIFICA GIRONE B

Girone C

La Fiorentina Baseball archivia il discorso qualificazione play-off in gara uno al “Pier Paolo Cesare Vita”, dove la squadra di casa sconfigge per 3-2 il Longbridge 2000. Per la formazione diretta da Marco Duimovich fondamentale la prestazione di Euridis Martinez, che lavora per tutti i nove inning di gioco registrando 11 strikeout ed un solo punto guadagnato a fronte di due punti entrati su tre valide ed una base su ball. A permettere alla squadra gigliata di vincere è stata anche una battuta con basi piene nell’ottavo inning da parte di Raffaele Bosi, che sacrifica in seconda Tommaso Gozzini ma permette a Gabriele Vincenti di attraversare il piatto di casa base. La Fiorentina aveva risposto al vantaggio del Longbridge 2000 (punto battuto a casa da Davide Marchi nella parte alta del terzo inning) nel terzo con Oregsis Martin, doppio da primo battitore e arrivato a casa su errore di tiro del ricevitore Tassoni, e con un doppio di Vincenti per spingere a punto Krasniqi. Il Longbridge 2000 impatta il risultato nel settimo su errore in seconda base di Es-Soufi, ma non basta. Va meglio gara due, che il Longbridge 2000 vince con il risultato di 10-4, dove Marc Civit (3.1IP, H, 2R, 3BB, 3K), Niccolò Clemente (3.2IP, R, 8K) e Andrea Nanetti (2IP, 4H, ER, 2K) mantengono in vita il Longbridge che nell’ottavo inning esplode contro il giovane Menoni e l’esperto Raffaele Bosi segnando 10 punti su 4 valide, tra cui un singolo da due punti di Jacopo Ferri ed un triplo da due punti di Giovanni Ruzzu, e 6 basi su ball oltre ad un lancio pazzo, un colpito con basi piene ed una palla mancata.

L’Athletics Bologna continua l’operazione risalita in classifica grazie alla doppietta sul Salumificio Fontana Ermes Sala Baganza, battuto al “Pilastro” con i risultati di 9-5 e 6-4. In gara uno decisivo per il successo della squadra bolognese un ottavo inning da quattro punti che porta la firma di Alessio Napoli, protagonista di un grand slam. L’Athletics, avanti 5-1 dopo il primo terzo di gara, si era fatto raggiungere dalla squadra salese tra quarto e sesto inning (colpito a basi piene rimediato da Leonardo Fontana, triplo da due punti di Ruggeri e singolo da un punto di Carlo Tanara). In gara due l’Athletics Bologna festeggia un altro big inning, sempre da quattro punti, questa volta nel terzo inning con doppio di Luca Accorsi e triplo di Pablo Suarez. Il Sala Baganza prova a rientrare in partita con due punti nel sesto inning (singolo di Andrea Corsini), ma la squadra bolognese risponde nella parte bassa con altri due punti (sac fly di Del Priore e punto segnato su lancio pazzo di Thomas Belicchi). Inutile la risposta salese con i due punti firmati nel settimo da Edoardo Romanini.

CALENDARIO E RISULTATI GIRONE C

CLASSIFICA GIRONE C

Girone D

Festa anche per il Nettuno BC 1945, che conquista l’accesso ai play-off grazie al 12-4 di gara uno al “Roberto Jannella” di Grosseto contro il Jolly Roger. La squadra di Guglielmo Trinci vince con una manifesta all’ottavo inning grazie a sei punti segnati nella parte alta contro il rilievo Mirko Pancellini con un colpito (Origlia), una base su ball (Mazzanti), un singolo (Mineo) ed un lancio pazzo con basi piene, oltre ad un doppio da due punti di Oliver van der Wijst. Il Nettuno, trascinato sul monte da Pizziconi (6IP, 6H, 2ER, 11K), aveva già festeggiato un “big inning” nel primo inning, dove sono arrivati cinque punti con un doppio a basi piene di Ariel Soriano, un singolo da due punti di Vinicio Sparagna ed una base su ball a basi piene conquistata da Andrea Sellaroli. Più equilibrata gara due, che il Nettuno vince per 1-0 grazie al “one-hitter” di Rommel Gonzales (9IP, 10K) ed al fuoricampo di Ariel Soriano battuto nel quarto inning contro Kevin Sosa (6IP, 2H, ER, 2BB, 2K).

Tra Cso Panamed Lancers e WiPlanet Montefiascone finisce come l’ultima volta che le due squadre si sono affrontate: ovvero con un pareggio. I laziali si aggiudicano gara uno per 8-3 con l’ottima prova di Maurizio Andretta (8IP, 4H, 3R/ER, 3BB, 8K) e i punti segnati sfruttando 4 errori difensivi, 2 lanci pazzi e gli RBI di Faustino GomezStefano Pacchiarotti e Alessio Baldazzi. Risultato diverso invece quello di gara due, dove i toscani padroni di casa si impongono per 11-6 grazie a tre punti battuti a casa da Manuele Becattini, due da Antonio Parrini e uno a testa per Luca PasquiniSimone Baratella e Arberim Rudaj.

CALENDARIO E RISULTATI GIRONE D

CLASSIFICA GIRONE D

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui