La polizia albanese ha annunciato sabato di aver arrestato un agente del Ministero dell’intelligence e della sicurezza (MOIS) del regime iraniano per attività di spionaggio contro i membri dell’opposizione iraniana, l’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (PMOI / MEK), ad Ashraf 3, Albania. Questo recente arresto rende necessaria un’azione decisiva contro gli agenti dei mullah in tutta Europa.

La Resistenza iraniana ha identificato l’individuo come Bijan Pooladrag, che il MEK aveva espulso nel settembre 2019.

Secondo una dichiarazione della polizia albanese, l’individuo era stato arrestato per “intercettazione illegale di dati informatici” e “interferenza nei sistemi informatici, interferenza nei dati informatici” e “uso improprio delle apparecchiature”. Secondo questa dichiarazione, Pooladrag ha commesso i crimini sopra menzionati “attraverso varie azioni” e lui stesso ha comunicato attraverso un’applicazione di messaggistica di rete, che ha utilizzato collegandola ai numeri di cellulare” per ascoltarli e rintracciarli.

A questo proposito, il Comitato per la sicurezza e l’antiterrorismo del Consiglio nazionale della resistenza iraniana (NCRI), in una dichiarazione dell’11 ottobre, ha scritto: “Diversi agenti del MOIS vivono in Albania. Il MEK li aveva precedentemente denunciati e fornito i loro documenti alle autorità competenti, tra cui Ehsan Bidi, Daniel Kasraei, Gholamreza Shekari, Gholam Ali Mirzaei e Hassan Heyrani “.

Il regime iraniano ha utilizzato individui espulsi dal MEK o che si sono allontanati dall’organizzazione perchè non riuscivano a proseguire la lotta per la libertà, per raccogliere informazioni sul MEK per pianificare attacchi terroristici. Questi agenti del MOIS operano anche sotto la bandiera dei cosiddetti “ex membri del MEK” per demonizzare la Resistenza Iraniana, giustificando così i successivi attacchi terroristici del regime.

Il regime utilizza molti dei suoi cosiddetti giornalisti “compiacenti” definendoli “esperti” sulla situazione iraniana, per spingere le fake news dei mullah sulla resistenza iraniana e tutte le accuse infondate contro il MEK, già respinte dalle alte corti degli Stati Uniti e dell’UE. ” Per accreditare ulteriormente i loro pezzi di successo, usano agenti del MOIS attualmente “impiegati”, travestiti da “ex membri” del MEK.

Esempio della campagna di demonizzazione fallita dei mullah

Sia nel marzo 2019 che nel luglio 2020, i tribunali tedeschi hanno emesso sentenze a favore delle denunce che l’NCRI presentate contro due “autorevoli testate” tedesche, Der Spiegel e Frankfurter Allgemeine Zeitung, che avevano pubblicato articoli “di successo” che demonizzavano il MEK.

In entrambi i casi, i tribunali hanno condannato questi due organi di stampa per aver diffuso informazioni false, provenienti dal MOIS (ministero dell’intelligence) e dai suoi agenti, e hanno ordinato loro di rimuovere queste accuse infondate.

Il recente arresto di un altro agente del MOIS in Albania scredita ancora una volta quegli agenti del regime che gli apologeti dei mullah cercano di promuovere come “ex membri” del MEK.

In che modo gli agenti dei mullah facilitano il terrorismo?

Il regime iraniano ha oppresso i suoi dissidenti sia all’interno che all’esterno dell’Iran. La lunga lista degli omicidi politici e degli atti di terrorismo dei mullah, compreso il complotto dinamitardo sventato contro il raduno annuale “Iran Libero” dell’NCRI nel 2018 in Francia, mostra che il regime non cesserà mai le sue operazioni terroristiche. Per facilitare i suoi assassini o attuarli, il regime usa le sue sedi diplomatiche come “nido” per le sue spie, come Pooladrag e Heyrani, e per i suoi mercenari, come Assadollah Assadi, il diplomatico-terrorista del regime che è sotto processo in Belgio per il 2018 per aver architettato la trama del tentato attacco terroristico sventato in Francia. Prima del suo arresto, quest’ultimo era il terzo segretario dell’ambasciata del regime a Vienna.

Le spie del regime sono anche supportate e lavorano in collegamento con le sedi diplomatiche dei mullah in vari paesi europei. A questo proposito, il governo albanese ha espulso in diverse occasioni l’ambasciatore del regime in Albania e diversi altri diplomatici e affiliati per il loro coinvolgimento in attività terroristiche contro il MEK. Queste attività includono il complotto terroristico sventato contro il capodanno persiano del MEK in Albania nel marzo 2018.

In una dichiarazione del 10 agosto, l’NCRI ha scritto: “Dopo che il governo albanese ha espulso Mohammad Ali Arz Peyma e Ahmad Hosseini Alast, due dei diplomatici terroristi del regime clericale, nel gennaio 2020, ha esercitato maggiore vigilanza sulle attività dei mullah. L’ambasciata, il Ministero dell’intelligence e della sicurezza (MOIS) del regime e le forze terroristiche Quds stanno svolgendo le loro attività e comunicazioni con i loro agenti indirettamente da Teheran, dai Balcani e dai paesi dell’Europa occidentale “.

L’ultimo arresto di un altro agente del MOIS ribadisce la necessità di perseguire ed espellere gli agenti dell’intelligence e delle Guardie rivoluzionarie (IRGC) dall’Europa, in particolare le ambasciate del regime iraniano che sono attive nel perseguire i complotti terroristici del regime nei paesi europei.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui