Con la consegna delle targhe-ricordo ai partecipanti ai corsi mascherati e alle varie attività collaterali previste all’interno della manifestazione carnascialesca, è calato definitivamente il sipario sulla 67^ edizione del Carnevale di Massafra.

Distanziati e “mascherati”, ovvero tutti con la mascherina, carristi, gruppisti, rappresentanti degli Istituti Comprensivi e addetti ai lavori ieri sera si sono ritrovati nella piazzetta davanti alla sede municipale di via Livatino, nei pressi dello Stadio Italia, per ricevere le targhe ricordo non consegnate a marzo a causa del lockdown, nonostante il rimborso-premio sia invece stato erogato nei previsti tempi.

Il sindaco Fabrizio Quarto ha ricordato che, nonostante il momento particolarissimo che stiamo vivendo, fosse giusto celebrare chi rende speciale il Carnevale di Massafra. Ovviamente non è mancato, neanche in questa occasione, l’appello del sindaco affinchè ognuno continui ad indossare la mascherina, gesto indispensabile per combattere la pandemia. Per quanto riguarda la prossima edizione, Quarto ha affermato che la 68^ ci sarà e saranno studiate le formule compatibili con le misure precauzionali imposte dal Covid-19, anche perché si dovrebbe finalmente “celebrare” l’arrivo dei tanto agognati capannoni.

L’assessore all’Istruzione Maria Rosaria Guglielmi, nel corso del suo intervento, ha parlato della bella esperienza vissuta con gli Istituti Comprensivi e del coinvolgimento dei giovani cartapestai che hanno trasmesso ai più piccoli il senso dell’attaccamento alla tradizione del carnevale, esempio di quanto si può realizzare credendo in un ideale.

L’assessore al Turismo e Spettacolo Michele Bommino, nel ringraziare i cartapestai, ha sottolineato come l’arte della cartapesta si legherà anche alla festività natalizia e, con l’arrivo delle strutture logistiche idonee, potrà spiccare il tanto atteso volo.

I vincitori nelle varie categorie, è opportuno ricordare, sono stati: per i carri allegorici: “Diversi … ma da chi?” dell’Associazione Pressis Charta; per i gruppi mascherati: “Siamo una Massa…(FRA) di Pagliacci” di Piero Locorotondo; per le maschere di carattere: “Il Vativano” di Angelo Cagliandro; per i Balconi e le Vetrine in Maschera: “Novecento Carnevale Vintage” del Team Novecento e “Benetton” di Massimo Marangi.

La serata è stata condotta da Antonello Giasi, anche lui premiato.

Nella foto i premiati del 67° Carnevale Massafrese

Nino Bellinvia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui