Si è concluso oggi, 29 ottobre, il primo ciclo di webinar sui temi “Cooperazione e reti” e “Innovazione e sostenibilità”, organizzato dal Gal Terreverdi Teramane con la collaborazione della Partner Srl. I partecipanti, collegati via Zoom, hanno così avuto la possibilità di confrontarsi con operatori economici, esperti di settore ed imprenditori del panorama nazionale.

Tra i relatori, personaggi di spicco come Fabio Renzi, Segretario Generale di Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che ha parlato di come gli operatori economici del territorio possono districarsi tra crisi climatica e pandemia sfruttando nuove opportunità e strumenti finanziari: “il Recovery Fund sarà una spinta alla transizione ecologica, al digitale ed all’economia circolare”, ha commentato Renzi.

Tra i relatori, particolarmente apprezzato, l’imprenditore Giuseppe Savino che ha ideato in Puglia il primo hub rurale: “Và zapp’, ovvero vai a zappare”, spiega l’ideatore dell’hub, “era la risposta di mio padre, in dialetto foggiano, quando gli dicevo che sognavo un’agricoltura con nuove prospettive e innovativa. Su questo ho costruito il mio sogno e sono tornato a vivere e lavorare in Puglia.”

In un contesto di notevole gradimento da parte dei partecipanti, suggestivo il contributo portato da Arianna Giuliodori (Organizzazione Mondiale degli Agricoltori), Daniela Storti (del centro di Ricerche CREA), Giovanni Pergola (Boote), Deborah Piovan (Portavoce di Cibo per la mente), Francesco Torriani (Presidente del Consorzio Marche biologiche) e Mario Nucci (Responsabile dell’Organizzazione dei Produttori Covalpa).

Illuminanti e concrete, infine, le testimonianze di aziende leader a livello nazionale, come il Gruppo Fileni, di start up come la società agricola Monte Monaco e di realtà emergenti come la Orsini e Damiani. A moderare gli incontri, Pasquale Tritapepe, noto giornalista e profondo conoscitore del mondo agricolo.

Dopo questa prima fase di formazione e divulgazione, il progetto “Incubatore diffuso” proseguirà, per supportare i promotori di nuove idee ed iniziative nella strutturazione, nella simulazione d’impresa ed infine nella validazione del progetto imprenditoriale, grazie al supporto specialistico di consulenti ed esperti.

“Questa prima fase era fondamentale per gli operatori economici del territorio per comprendere gli scenari evolutivi, e capire come allenarsi ad avere una propensione all’innovazione tecnologica, organizzativa e di prodotto e siamo sicuramente soddisfatti dell’avvio” commenta Pasquale Cantoro, Presidente del Gal Terreverdi Teramane.

Il Direttore del Gal, Rosalia Montefusco ha sottolineato come “i contenuti e gli spunti forniti dai vari relatori sono stati allo stesso tempo concreti ed illuminanti e sono certa che il territorio saprà capitalizzarli al meglio, grazie anche al nostro supporto”.

Siamo soddisfatti del lavoro sinora svolto, per l’apprezzamento dei relatori e degli interventi da parte dei tanti partecipanti ai due webinar ed un primo riscontro tangibile è dato dalle 30 idee-progetto di impresa già pervenute in pochissimi giorni! Questa è la conferma che c’è chi ha voglia di mettersi in gioco e noi siamo pronti ad accompagnarli e supportarli”, commenta infine Fabrizio Luciani di Partner Srl. 

Il progetto ’“Incubatore diffuso” del GAL Terreverdi Teramane è nato con l’obiettivo di stimolare la cooperazione di filiera, sia orizzontale che verticale, e facilitare la creazione e lo sviluppo di filiere corte e mercati locali. La finalità principale è accrescere la cultura della cooperazione e del fare sistema tra gli operatori economici del territorio dell’area Gal, grazie alla formazione e al rafforzamento del capitale umano, guardando ai migliori esempi di distretti rurali e agroalimentari di qualità.

 

Per maggiori informazioni e per inviare ulteriori idee-progetto è possibile contattare la Segreteria organizzativa all’indirizzo mail incubatore@galterreverditeramane.it.

www.galterreverditeramane.it

www.facebook.com/galterreverditeramane/

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui