Advertisement

 

Continuano pesanti bombardamenti azeri sulla popolazione civile dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) che ancora non è fuggita. Bombe al fosforo bianco lasciano effetti devastanti

Advertisement

Le forze dell’Azerbaigian nel loro attacco all’Artsakh hanno usato munizioni al fosforo bianco come accertato dalle organizzazioni internazionali.

Si tratta dell’ennesimagrave violazione del diritto internazionale umanitario, delle norme e dei principi del diritto consuetudinario, delle Convenzioni di Ginevra, nonché delle disposizioni pertinenti delle convenzioni e dei documenti delle Nazioni Unite.

Tali ordigni dovrebbero essere usati solo a scopo illuminante ma nella pratica vengono usati dagli azeri non solo a causare danni alle forze armene, ma anche per provocare enormi incendi boschivi.

Il “Consiglio per la comunità armena di Roma” denuncia l’ennesima violazione delle convenzioni internazionali da parte dell’aggressore azero e invita le autorità italiane ed europee a condannare tale utilizzo che si aggiunge a quello delle bombe a grappolo già utilizzate dalle forze azere sulla popolazione di Stepanakert.

In Artsakh (Nagorno Karabakh) si sta consumando una catastrofe umanitaria e ambientale che non può rimanere sotto il silenzio indifferente dell’Europa e dell’Italia

 

CONSIGLIO PER LA COMUNITA’ ARMENA DI ROMA

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteCIPRIANO (M.E.S.). SULL’IMMIGRAZIONE
Articolo successivoRinnovo contratto di lavoro, equo trattamento e più garanzie per i dipendenti: l’appello del sindacato a tutela dei Medici degli Ospedali Religiosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui