Nell’isola di Maiorca si decide quale sarà il miglior giocatore della stagione

La stagione del Challenge Tour si conclude, come lo scorso anno, nell’Isola di Maiorca in Spagna con il Challenge Tour Grand Final, ma si gioca sul percorso del T-Golf & Country Club, a Cala Figuera, diverso da quello del 2019 quando trionfò Francesco Laporta, che si impose nel torneo e nella money list. In campo 45 giocatori, in primi della Road To Mallorca (ordine di merito) a scalare per le defezioni, in rappresentanza di 17 nazioni, tra i quali due italiani Aron Zemmer, 48° in questa graduatoria, ed Enrico Di Nitto, 52°, entrati per la rinuncia di alcuni concorrenti che li precedevano.

Non vi saranno in palio le ‘carte’ per l’European Tour, come nelle passate stagioni, ma i primi cinque della Road To Mallorca potranno partecipare nel 2021 ad alcuni particolari eventi  del circuito maggiore. Al momento occupano le prime cinque posizioni il tedesco Marcel Schneider seguito dallo spagnolo Pep Angles, vincitore domenica scorsa dell’Andalucía Challenge de Cádiz, dagli inglesi Richard Mansell e Matt Ford e dall’altro tedesco Hurly Long, a segno nell’Italian Challenge Open Eneos Motor Oil al GC Castelconturbia,

Il torneo ha un montepremi di 350.000 euro con una prima moneta di 62.000 euro, che si trasformeranno in punti per la graduatoria finale della Road To Mallorca e che permetteranno a tutti i partecipanti di poter entrare con un successo nella “Top Five”, compresi i due azzurri, ma non sarà matematico per tutti. Infatti molti dovranno contare anche su una serie di combinazioni favorevoli in merito al piazzamento di chi li precede, che diventano maggiori quanto più si è lontani dal vertice.

FINALE QS ALPS TOUR: VOLATA VERSO LE “CARTE” – Diciannove giocatori italiani, dei quali sei dilettanti, sono tra i 73 concorrenti rimasti in gara dopo il secondo giro della finale della Qualifying School dell’Alps Tour che si sta disputando sui due percorsi del Golf Nazionale, a Sutri (VT), e del Terre dei Consoli GC, a Monterosi (VT), entrambi par 72, e tutti avranno una ‘carta’ per la stagione 2021 del circuito, anche se di categorie diverse.

È salito in vetta alla classifica l’australiano Will Heffernan con 135 (70 65, -9) colpi, due lunghezze di vantaggio sullo statunitense Blaire McKeithen (137, -7) e tre sull’inglese Jack Trewhitt (138, -6). Primo tra gli italiani Giovanni Craviolo, nono con 142 (72 70, -2), quindi 12.i con 143 (-1) Edoardo Giletta, Federico Zucchetti, Cristiano Terragni e l’amateur Andrea Martini. Al 20° posto con 144 (par) Alessandro Notaro e Takayuki Matsui, al 28° con 146 (-2) Guglielmo Bravetti e il dilettante Adalberto Montini e al 33° con 147 (+3) Carlo Casalegno.

Il giro finale si svolgerà al Golf Nazionale al termine del quale i primi 35 classificati e i pari merito al 35° posto riceveranno una “carta” categoria 6, ossia a tempo pieno, e gli altri una “carta” categoria 8 con meno possibilità di gioco. Coloro che non hanno superato il taglio, tra cui 24 italiani, avranno la ‘carta’ categoria nove che consente alcune presenze.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui