1_Manifesto_20.11.2020

2_Codice_Etico

3_Statuto

BAULI IN PIAZZA (BIP)

Un Unico Settore, Un Unico Futuro

presenta

il Manifesto: https://bit.ly/35SKfnH

il Codice Etico: https://bit.ly/2J7a3DS

lo Statuto: https://bit.ly/2J0rFkz

la Campagna Adesioni: shorturl.at/tyDX8

#BAULIINPIAZZA #WEMAKEEVENTS #NOIFACCIAMOEVENTI

 

Il 10 ottobre 2020 in piazza Duomo a Milano si è svolto Bauli In Piazza (BIP), un evento storico: i lavoratori, per la prima volta insieme ai rappresentanti delle imprese del mondo dello spettacolo e degli eventi, hanno manifestato per chiedere alle istituzioni di essere ascoltati.

1300 operatori e 500 bauli schierati per denunciare la grave crisi che sta attraversando tutta l’industria e una specifica categoria di professionisti: coloro senza i quali non esisterebbe nessuna forma di intrattenimento, celebrazione, traguardo. Con lo slogan “Un Unico Settore, Un Unico Futuro”, lavorando in rete con la realtà internazionale We Make Events, quel giorno è nato un movimento che in meno di due mesi sta cercando di rendere riconoscibile e codificabile un settore eterogeneo, composto da liberi professionisti, agenzie e società di tecnici, fonici, luciai, direttori artistici, facchini, promoter, autori, etc.

 

Da associazione culturale, oggi BIP diventa Associazione di Promozione Sociale, presenta il suo Manifesto (vedi qui di seguito e allegato1) – una dichiarazione pubblica in 10 punti che espone i principi e gli obiettivi del movimento – e pubblica il Codice Etico (vedi allegato2), una definizione esplicita delle responsabilità etiche e sociali di questa organizzazione e lo Statuto (vedi allegato3).

 

“Siamo orgogliosi di presentare il nuovo manifesto di “Bauli In Piazza – We Make Events Italia” – dichiara il comitato fondatore di BIP e prosegue: “è il frutto della nostra esperienza e visione, però è incompleto ed inutile senza il sostegno di coloro che si riconoscono in esso, di chi ha voglia sostenere la causa, la battaglia, sentirsi rappresentato, desideroso di confronto con tutte le componenti della cosiddetta “filiera” del mondo dello spettacolo“. Il comitato BIP annuncia inoltre l’apertura della campagna di tesseramento per sostenere le future attività: “Siamo fieri di presentare la campagna di tesseramento che avrà inizio oggi sulla pagine del sito www.bauliinpiazza.it, dove è possibile trovare lo statuto della nuova APS,  il Codice Etico al quale aderire e il form di registrazione. La quota di iscrizione non é solo il modo di sostenere le attività dell’associazione, per le quali affiancheremo anche, di volta in volta, delle raccolte fondi “ad hoc”, ma soprattutto un riconoscimento della responsabilità degli iscritti, un gesto di autentica partecipazione, non occasionale, evidenza della propria volontà di ricostruire e riformare il nostro settore.”

 

Tra le tante attività, come prima cosa, verrà avviata una mappatura dei professionisti dello spettacolo, per ridefinire i contorni di questa complessa categoria di lavoratori. Il censimento è promosso da Squadra Live insieme a BIP e Chiamate noi è già attivo al seguente indirizzo: https://squadralive.org/censimento

 

Restano invariati gli obiettivi immediati e più urgenti individuati insieme alle altre realtà e al tavolo del Ministero:

  • sussidi: necessari al sostentamento degli operatori del settore, di qualunque categoria essi siano (lavoratori autonomi, intermittenti, imprese, etc)
  • riforma organica della previdenza e della contrattualistica dell’intero settore
  • nuovi modelli e protocolli di ripartenza, sia degli eventi all’aperto che al chiuso, che permettano di essere pronti ed organizzati quando sarà possibile riprendere l’attività

 

MANIFESTO: 

Bauli in Piazza. “Un Unico Settore, Un Unico Futuro”.

  1. BIP-WMEI nasce dalla manifestazione del 10 ottobre 2020 a Milano, da cui è emersa la necessità di creare un luogo che accolga le istanze di tutti i soggetti parte della filiera degli eventi, delle fiere, dei congressi e degli spettacoli dal vivo;
  2. Non è più il tempo delle divisioni: siamo un unico settore con un unico futuro. C’è bisogno di unità e forza per consolidare un settore troppo spesso frammentato e parcellizzato;
  3. Quella dello spettacolo e degli eventi è un’industria vera e propria, fatta da centinaia di migliaia di lavoratrici e lavoratori e decine di migliaia di imprese che amano il proprio lavoro e devono avere riconoscimento e dignità;
  4. Vogliamo, attraverso la partecipazione a tavoli e interlocuzioni con le istituzioni, sia a livello nazionale che locale, chiedere adeguati strumenti di tutela, regolamentazione e inquadramento di tutti i soggetti, lavoratori ed imprese, che operano nell’industria dello spettacolo e degli eventi, il cui contributo alla ricchezza del Paese è analogo a quello di altri importanti settori industriali.
  5. Vogliamo essere un soggetto attivo nelle decisioni che riguardano il nostro settore, mettendo in campo la nostra professionalità e la volontà di dialogo con altre realtà per collaborare con le istituzioni nel migliorare il futuro del nostro lavoro;
  6. Vogliamo trovare modalità di condivisione delle problematiche dei colleghi del settore, ai quali, insieme al fermo forzato del lavoro, è venuta a mancare la rete di relazioni, oltre a qualsiasi progettualità per il loro futuro, favorendo la creazione di progetti di innovazione culturale e di collaborazione reciproca.
  7. Vogliamo essere promotori di formazione riconosciuta alle persone che lavorano o desiderano lavorare nello spettacolo, affinché possano acquisire competenze, strumenti ed aggiornamenti in ambito tecnico, amministrativo, fiscale;
  8. Vogliamo operare sensibilizzazione nei confronti dell’opinione pubblica attraverso i mezzi di informazione, perché sia chiara l’importanza del nostro settore ed emergano complessità e problemi attualmente irrisolti;
  9. Vogliamo essere il luogo che raccoglie proposte, senza sostituire altri spazi di elaborazione, sostenendo e facendo proprie quelle consone all’obiettivo;
  10. Vogliamo che i singoli e le imprese possano elaborare sintesi, confrontandosi tra loro all’interno dell’associazione sia per categorie che intersettorialmente, e BIP-WMEI vuole essere il motore che si mette a disposizione di tutto il settore per sfondare il muro di indifferenza che ci circonda.

 

Perché siamo Un Unico Settore con Un Unico Futuro.

Bauli In Piazza

 

BIO

BAULI IN PIAZZA è un movimento che nasce il 10 ottobre 2020 in Piazza Duomo a Milano, in risposta alla grande crisi che vede protagonisti silenziosi lavoratori e imprese del mondo dello spettacolo. E’ stata la prima manifestazione “orizzontale” per chiedere alle istituzioni di essere ascoltati: ha radunato 1.300 persone tra lavoratori dello spettacolo e imprese del settore che in questo momento versano in grave difficoltà.

BIP quel giorno ha schierato 500 bauli neri, ben distanziati e altrettanti addetti ai lavori che hanno alternato momenti di silenzio ad applausi, al rumore delle mani che battevano sui loro flight case ed infine hanno compiuto una simbolica chiusura dei bauli vuoti per rimarcare la necessità di ricominciare a riempire i flight case con il proprio lavoro. Al centro è stato inoltre posizionato un baule rosso in rappresentanza di tutti i colleghi che non ci sono più.

 

Ufficio Stampa & PR / BIP – Bauli In Piazza

Mariagrazia Canu / +39 377 2941216 / press@bauliinpiazza.it

 

SITO: www.bauliinpiazza.it

PAGINA FACEBOOK: https://www.facebook.com/Bauliinpiazza/

PROFILO INSTAGRAM: https://www.instagram.com/bauliinpiazza/?hl=it

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui