Advertisement

Napoli Roma non poteva essere una partita come tutte le altre per I napoletani dopo la notizia  della perdita del D10S che ha trafitto  il cuore di milioni di tifosi. Ma il calcio e’ come la vita è bisogna andare avanti cercando di ricordare sempre le cose belle e cercare di  dimenticare quelle brutte per le persone che non ci  sono  più rispettando la loro memoria.Torniamo alla partita e al Maradona di Napoli I partenopei stracciano I giallorossi con un perentorio 4 a 0 che non ammette repliche. Il Napoli si presenta in campo con una maglia stile Argentina molto bella e con il Pibe a guardarla dall’alto e il risultato non poteva essere che questo. La partita inizia con una buona Roma ma poi il Napoli inizia a pressare alto e a prendere campo. Gli azzurri  si presentno con un 4231 atipico con Fabian Ruiz é Piotr Zielinsky che si alternano nel ruolo di sottopunta con Lozano a destra Insigne a sinistra e Mertens prima punta. Come arriva il primo goal??? Su punizione  quasi al limite dell’area spostata a sinistra da parte del napoletano e capitano Insigne con una pennellata che si insacca alla destra del portiere romanista Mirante, o fridd ncuoll pervade la schiena dei tifosi azzurri. Finisce il primo tempo con una Roma mai pericolosa. Il secondo tempo e’ un dominio azzurro con I giallorossi mai in partita, il Napoli passeggia su una Roma inguardabile e arriva il secondo goal  con Ruiz con un tiro dal limite su assist di Insigne, finita. Si finita,  perché non si vede come la Roma possa ribaltare il risultato,  infatti arriverà il goal di Mertens che insacca una respinta errata di Mirante su tiro di Elmas e quello di Politano con una serpentina in area superando anche il portiere.Il Napoli con questa vittoria omaggia Diego dopo che lui ci ha omaggiato per 7 anni mostrandoci come solo in paradiso si gioca  al calcio e ora lo sta facendo. AD10S Pibe de Oro…per sempre nei cuori partenopei…chi ama non dimentica!

Advertisement
Advertisement
Articolo precedenteGiornata internazionale delle persone con disabilità 2020
Articolo successivoViolenza e abusi su donne e minori: una pandemia silente dentro l’ Emergenza Covid

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui