Advertisement

La separazione dei Musei dalle Soprintendenze imposta dalla riforma Franceschini del Ministero Beni Culturali ha prodotto, tra l’altro, l’improvvisa indisponibilità dei locali dove ricoverare il materiale archeologico ‘prodotto’ giornalmente dalle attività di scavo e di survey. I depositi annessi o comunque collegati ai Musei statali sono rimasti a quelli, mentre le Soprintendenze hanno dovuto da subito inventare soluzioni estemporanee per continuare ad accogliere reperti, in assenza di spazi e di fondi per procurarseli e per adeguarli alla bisogna. Non sempre le soluzioni adottate hanno risolto il problema, se di problema si può parlare, posto che il continuo incremento di reperti mobili, ex lege patrimonio indisponibile dello Stato, non solo è il risultato atteso di attività di ricerca e controllo del territorio garantite dalla Costituzione ma dovrebbe segnalare un obiettivo raggiunto ed essere motivo di soddisfazione.

Tra gli altri beni archeologici che continuano ad affluire alle Soprintendenze c’è anche il frutto delle operazioni delle forze dell’ordine a danno di scavatori clandestini e trafficanti di antichità. Se nell’immediatezza i reperti sequestrati trovano spesso alloggio negli stessi tribunali le cui procure sono coinvolte, o restano nelle stazioni dei Carabinieri/GdF, dopo la sentenza che li assegna in via definitiva allo Stato, vengono consegnati alle Soprintendenze. Ciò aggrava il dramma della carenza di depositi. Ritengo sia tempo di occuparsi di questi oggetti, non sempre ma spesso privi di qualsiasi dato di provenienza, per definirne la sorte nell’unica chiave soddisfacente: la didattica, capace di giustificare l’impegno (anche economico) profuso per acquisirli allo Stato e di trarre dal loro valore culturale il massimo risultato per la comunità mediante la musealizzazione. Ma dove? La maggior parte dei nostri musei sono vetrine parlanti del territorio in cui sorgono, legati cioè in modo inscindibile al contesto, non Wunderkammern traslabili ovunque che fanno della rarità e varietà dei manufatti esposti il loro obiettivo più alto. Se l’offerta al pubblico dei reperti privi di dati di contesto avvenisse nei primi, gli oggetti sarebbero sempre relegati in spazi marginali, ma neppure ha senso creare con essi copie anacronistiche delle stanze delle meraviglie o affidarli solo ad esposizioni specializzate di frutti di sequestri, moltiplicando le poche già esistenti. Credo che si debba accettare la sfida posta da questi materiali i cui legami con il sito di giacitura sono stati recisi, approfondirne la peculiare condizione e assumere al riguardo decisioni che assicurino ai cittadini la possibilità di crescere culturalmente anche attraverso di essi e proprio facendo leva sulla differenza incolmabile con i reperti contestualizzati.

Advertisement

Margherita Corrado (M5S Senato – Commissione Cultura)

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteDIGITAL HEALTH: COMPETENZE DI SISTEMA PER ASSICURARE APPROPRIATEZZA E SICUREZZA
Articolo successivoFondazione Golinelli e Fondazione di Sardegna: una partnership nel segno dell’innovazione. Nasce Utopia SIS, la prima Società ad Investimento Semplice in Italia dedicata alle Life Sciences

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui