La quiete dopo la tempesta, il Napoli e’ tornato ad allenarsi a Castel Volturno dopo il suicidio casalingo con lo Spezia. Una partita quella di mercoledì che ha portato solo carbone nelle calze dei tifosi azzurri amareggiati per una sconfitta assurda e imprevista. Il Napoli e’ a 5 sconfitte in campionato , un ruolino di marcia non consono ad una squadra che vuole competere per la vetta  ma il cammino e’ ancora lungo e la banda Gattuso potrà tranquillamente risalire la china. Ora bisognerà reagire immediatamente a Udine domenica con una prestazione degna, corredata dai tre punti della vittoria. Il mister azzurro dovrà fare a meno ancora di Mertens ed Osimhen mentre Koulibaly potrebbe andare in panchina e dovrà cercare di far capire alla squadra che in determinate partite non bisogna perdere la testa e la calma in caso di eventi negativi al  fine di raddrizzare il risultato. Tutto ciò non e’ avvenuto in determinate partite in quanto appena si è subito un goal la squadra si si e’ disunita  ed ognuno ha cercato  di fare di testa propria contribuendo alla crescita di ansia e confusione in campo. Su questo si batterà Ringhio, la grande squadra e’ quella che riesce ad ammortizzare I colpi ricevuti in maniera ottimale e vincere le partite con intelligenza ed organizzazione. A Napoli si passa facilmente da entusiasmo a depressione calcistica e un poco di equilibrio non guasterebbe tra I tifosi. Infine un appunto alla società Napoli per quanto riguarda I mancati rinnovi contrattuali ai calciatori, queste manfrine non devono essere fatte durante un campionato in quanto minano la serenità dello spogliatoio, i casi di Mertens e Callejon  dell’anno scorso non hanno insegnato nulla  ed oil  proverbio….sbagliando si impara forse non e’ conosciuto in casa Adl. Ora testa ad Udine, I tifosi azzurri si aspettano un Napoli con gli attributi per dimenticare in fretta la delusione con Lo Spezia.

Francesco Napolitano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui