Advertisement

Siamo molto indignati,  scrive il coordinatore provinciale e membro esecutivo nazionale del partito  Domenico Capezzoli. Ieri la quarta sezione penale della Cassazione, tramite sentenza ha deciso che l’omicidio colposo plurimo è prescritto per tutti gli imputati e che il processo, per il solo disastro ferroviario,  riparte dalla corte di Appello. Constatiamo con rammarico prosegue l’esponente dell’Italia dei Valori, che giustizia non è stata fatta e si allungano le sorti del processo. Ricordiamo che nella notte del 29 giugno 2009, persero la vita 32 persone e un intero quartiere venne distrutto dalle fiamme sprigionate dalla cisterna carica di gpl che è esplosa dopo il deragliamento del treno merci. Questa sentenza è indegna e non rispetta le vittime ma soprattutto i familiari che giustamente vogliono giustizia. Questa è una ferita aperta che sarà difficile chiudere, perchè ce la ricorderemo per sempre. Attendiamo di leggere il dispositivo della Sentenza e poi insieme al nostro segretario nazionale Ignazio Messina, al  coordinatore regionale Paolo Fidanzi e la coordinatrice regionale delle donne Silvia Guidi, decideremo che iniziative intraprendere. Alla luce di ciò conclude Capezzoli, occorre una riforma della giustizia, che il Parlamento ha il dovere di fare, non è accettabile che un processo duri tanti anni per poi arrivare al nulla di fatto. Vergogna

Domenico Capezzoli  

Advertisement

Referente 

Italia dei Valori Provincia Lucca

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedentePGA TOUR: HARRIS ENGLISH SOLITARIO IN VETTA AL TOURNAMENT OF CHAMPIONS
Articolo successivoCLAMOROSO: IL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI NAPOLI SBUGIARDA L’AMBASCIATA AZERA CHE CONTINUA A PERSEGUIRE UNA POLITICA DI DISINFORMAZIONE, DI BUGIE E DI FAKE NEWS.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui