Al Mapei Stadium di Reggio Emilia va in onda la finale di Sipercoppa  Italiana tra Juventus e Napoli in un freddo polare  su un  manto erboso non degno di tale evento. Bianconeri e azzurri si presentano rispettivamente con un 442 e un 4231 con Cuadrado che recupera miracolosamente dal Covid. Squadre bloccate e titubanti  che cercano di studiarsi ma con una Juve più propositiva che ha maggior possesso palla alla quale il Napoli lascia l’iniziativa. Ma la partita ha ritmi blandi e di spettacolare ben poco e tutto  ciò  non é un bello spot per il calcio italiano in quanto si nota solo molto tatticismo e nulla più. Al 6’ Manolas gira di testa su un corner ma la palla é  lontana dallo specchio di porta juventina , niente di pericoloso. Al 7’ Ronaldo si libera di due azzurri ma poi il suo tiro viene deviato e finisce alto e Ospina lo guarda tranquillamente uscire. Al 17’ Petagna si scontra con il Chiellini colpendone il naso e giustamente lo juventino non si fa male e subito riprende il gioco. Al 20’ punizione pericolosa da circa 22 metri per gli azzurri in posizione centrale, Insigne colpisce in modo lento e prevedibile un pallone parato agevolmente da Szczesny che ringrazia. Al 25’ occasione  Juventus con Cuadrado che lancia Ronaldo che supera Koulibaly che poi recupera e libera in maniera pulita e spettacolare   Al 28’ azione partenopea con Demme che si libera a sinistra e crossa con Lozano che di testa colpisce violentemente anticipando Danilo ma Szcesny si supera e con reattività devia il pallone salvando il risultato. Al 40’ Ronaldo tira dalla sua mattonella ma il tiro di destro é  alto. Finisce la prima frazione di una partita molto bloccata  con le squadre intente a non allungarsi Parte la ripresa con Bernardeschi al 46’ che sbaglia un goal fatto su cross di McKennie  in quanto da solo a tre metri dalla porta non colpisce con  forza e il pallone viene bloccato da Ospina sulla linea. Al 55’ Manolas e Ospina la stanno per  combinare grossa con Ronaldo che anticipa entrambi ma il pallone termina fuori. E’ un Napoli molto rinunciatario che aspetta I bianconeri e non sfrutta le frecce del suo attacco, troppo rispetto per una vecchia signora che non è nulla di che. Al 64’ su cross di Ronaldo Manolas rischia l’autogoal con una svirgolata che manda il pallone in angolo. Dal corner arriva al 65’ il vantaggio bianconero, il pallone sbatte sulla spalla di Bakayoko ed arriva a Ronaldo che solo soletto insacca alle spalle di Ospina. Iniziano le sostituzioni entrano Elmas e Mertens per Bakayoko e Petagna con il Napoli che cerca di scuotersi e al 77’ il Napoli ha l’occasione di pareggiare, Mertens viene colpito da McKennie sulla caviglia sinistra ma Valeri lascia correre , non avevamo dubbi in merito ma poi richiamato da VAR non può fare a meno di concedere il rigore per la sua gioia…Sul dischetto va Insigne che incredibilmente tira al lato e sono tre su tre per Insigne di rigori sbagliati contro i bianconeri in tutte le competizioni. I rigori si sbagliano certo  ma un consiglio per Lorenzo, contro la Juve lascia tirare gli altri in quanto hai qualche problema e poi basta con il saltello alla Zaza i rigori si tirano decisi e di potenza. Dopo questo errore la partita sembra finita con il Napoli che si innervosisce. Gattuso inserisce altri attaccanti e gli azzurri attaccano e al 94’ sfiorano il pareggio con Lozano il cui tiro viene deviato da Chiellini ma il portiere bianconero salva incredibilmente. Al 95’ la Juventus raddoppia con Morata libero davanti ad Ospina con un Napoli tutto in avanti servito da Cuadrado. La Supercoppa viene vinta dalla Juventus dopo una partita bruttina con un Napoli che ha dimostrato poca  voglia di offendere e non sfruttando il proprio potenziale offensivo temendo troppo una Juventus che ha mostrato ancora limiti tattici e tecnici e lontana parente di quella vincente degli anni scorsi. Gattuso ha impostato una partita troppo tattica ma per segnare bisogna tirare o cercare di farlo, Ringhio da persona intelligente cercherà di capire dove la sua squadra e’ venuta meno e apporrà rimedio. Ora testa a domenica con il Napoli impegnato a Verona contro la brigata Juric per cercare di restare in alto in campionato.

Francesco Napolitano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui