Con le criminali  esecuzioni di due prigionieri, avvenute il  20 e 19 gennaio a Sanandaj e Zahedan, sono almeno 33 i prigionieri che sono stati giustiziati dalla dittatura religiosa al potere in Iran dal 21 dicembre al 20 gennaio.

Questo macabro numero non include i prigionieri giustiziati segretamente e la cui identità non può essere registrata. Queste esecuzioni hanno avuto luogo nelle prigioni di Ahvaz, Qom, Zahedan, Ardabil, Sanandaj, Karaj, Rasht, Mashhad, Meshkinshahr, Zabol, Tabriz, Yazd e Qazvin.

Tra i giustiziati, tre prigionieri politici della regione Baluch sono stati impiccati a Zahedan il 5 gennaio e tre prigionieri sunniti sono stati impiccati nella prigione di Vakilabad a Mashhad il 27 gennaio con l’accusa di essere ribelli armati contro il regime Nello stesso mese, una prigioniera a Sanandaj e Mohammad Hassan Rezaei, 16 anni al momento del suo arresto, sono stati giustiziati a Rasht dopo 13 anni di prigione.

Il fascismo religioso in Iran sta cercando di prevenire le rivolte popolari aumentando le esecuzioni criminali e arbitrarie, gli arresti diffusi e altre disperate misure repressive.

La resistenza iraniana chiede ancora una volta al Segretario generale, all’Alto Commissario, al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite e ad altri organismi per i diritti umani, nonché all’Unione europea e ai suoi Stati membri, di agire immediatamente per salvare i prigionieri nel braccio della morte. Il caso delle brutali e sistematiche violazioni dei diritti umani in Iran deve essere deferito al Consiglio di sicurezza dell’ONU, e i capi di questo regime devono essere assicurati alla giustizia per quattro decenni di crimini contro l’umanità.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

21 gennaio 2021

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui