Bologna, 25 Gennaio 2021 – “Siamo sicuri che un tessuto produttivo attento e partecipe come quello sanitario e farmaceutico accoglierà la nostra decisione come una scelta a tutela di tutti: operatori, pubblico, espositori, aziende e imprenditori. Per questo, abbiamo deciso di rinviare a giugno le manifestazioni Exposanità e Cosmofarma”. Così Francesca Ferilli, Direttrice generale di BOS, la società che organizza le due manifestazioni che, da aprile, slittano a giugno: Cosmofarma ed Exposanità sono infatti in calendario dal 22 al 25 giugno 2021, quando Bologna tornerà così ad essere “Capitale della Salute”.

Se è la sicurezza il criterio che la società ha voluto considerare come prioritario, non è però venuto meno l’entusiasmo nella progettazione delle due attese nuove edizioni di Cosmofarma e Exposanità che rappresentano il luogo di confronto strategico per il settore della farmacia e della sanità: “Stiamo lavorando con energia alle due nuove edizioni. A giugno potremo così realizzare il nostro obiettivo di riunire nello stesso luogo e nello stesso tempo tutto un comparto che ciascuno di noi ha sentito fondamentale durante i lunghi mesi di pandemia. Sarà l’occasione del confronto, del dibattito, della scoperta di nuovi traguardi possibili”, così Roberto Valente, Consigliere Delegato BOS.

Nella valutazione della società, ovviamente, ha giocato un ruolo molto significativo la consapevolezza che, per i comparti farmacia e sanità, i prossimi mesi coincideranno ancora con un periodo particolarmente intenso. “I settori sanitario e sociosanitario vengono da oltre un anno di emergenza; emergenza non ancora del tutto superata. Ci auguriamo che Exposanità di Giugno possa chiudere idealmente questa crisi e costituire il momento di apertura di una riflessione non più procrastinabile in fatto di politiche sanitarie ed organizzazione del nostro SSN” così commenta Marilena Pavarelli, project manager di Exposanità.
“Anche le farmacie hanno vissuto un anno di profondo impegno e grazie al grande lavoro dei professionisti del settore, sono state protagoniste attive. Per questo con Cosmofarma vogliamo offrire loro un appuntamento davvero straordinario in cui potersi incontrare e confrontare, per trovare nuovi spunti, soluzioni e capire come affrontare le prospettive future. Finalmente in presenza e in un luogo sicuro, quale è la fiera. Ci tengo infatti a precisare che il comparto fieristico si è adoperato per adottare tutte le norme necessarie al fine di far tornare le aziende e tutti gli operatori del settore a vivere questo momento in sicurezza” conclude Francesca Ferilli.
La prossima edizione di Exposanità e Cosmofarma rappresenta dunque un’occasione strategica per fare il punto sullo stato di salute del Servizio Sanitario Nazionale da un lato e dell’altro sul ruolo che le farmacie e i farmacisti hanno svolto durante i lunghi mesi di pandemia e lockdown. Saranno due eventi da non perdere per conoscere gli sviluppi e le strategie di due settori che sono stati coinvolti in modo radicale dalla pandemia da Covid-19. Già da ora gli organizzatori stanno lavorando a pieno ritmo per predisporre incontri, dibattiti, approfondimenti a cui non solo gli addetti ai lavori potranno partecipare, ma anche tutti coloro che vogliano conoscere quale sarà la sanità del futuro e quali saranno i nuovi scenari a cui si prepara il comparto farmacia.
“Che cosa ci ha insegnato questo periodo di emergenza?” sarà la domanda che guiderà una parte rilevante dei lavori e del dibattito che si svolgerà a Bologna dal 22 al 25 giugno prossimo.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui