Elettori di Tremestieri Etneo scrivono al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, al Commissario dello Stato(Sicilia) Giovanna Cagliostro e all’Assessore regionale alle Autonomie Locali Marco Zambuto.

In una lunga nota spiegano quello che sta accadendo nel piccolo comune etneo e chiedono di rivedere il decreto assessoriale.Si tratta di una richiesta legittima – spiega Santo Nicosia – che mira a ripristinare la democrazia. Abbiamo avviato una raccolta firme e nei prossimi giorni invieremo il documento”.

Ecco il testo della nota.

 Scriviamo in ordine al decreto di indizione dei comizi per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale di Tremestieri Etneo nei giorni 14 e 15 marzo 2021 ed eventuale ballottaggio nei giorni 28 e 29 marzo 2021. Il predetto decreto all’art. 2 prevede che siano “fatte salve le operazioni relativamente alla presentazione delle liste e delle candidature a sindaco e consigliere comunale già presentate in occasione del procedimento elettorale avviato, giusto decreto dell’Assessore alle Autonomie locali ed alla Funzione Pubblica n.329 del 06 ottobre 2020”.

Anche se la suddetta disposizione si fonda quasi letteralmente sul disposto dell’art. 1 della legge regionale 29 dicembre 2020 n. 34, non sfugge che, rispetto all’interpretazione che è stata data, finisce con l’essere palesemente illegittima. Impedisce, infatti, sia la modifica delle candidature presentate che la possibilità di presentarne delle nuove, cancellando così diritti pubblici soggettivi incomprimibili dei cittadini.

E’ palese la violazione dell’art. 51 della Costituzione: “𝑻𝒖𝒕𝒕𝒊 𝒊 𝒄𝒊𝒕𝒕𝒂𝒅𝒊𝒏𝒊 𝒅𝒆𝒍𝒍’𝒖𝒏𝒐 𝒐 𝒅𝒆𝒍𝒍’𝒂𝒍𝒕𝒓𝒐 𝒔𝒆𝒔𝒔𝒐 𝒑𝒐𝒔𝒔𝒐𝒏𝒐 𝒂𝒄𝒄𝒆𝒅𝒆𝒓𝒆 𝒂𝒈𝒍𝒊 𝒖𝒇𝒇𝒊𝒄𝒊 𝒑𝒖𝒃𝒃𝒍𝒊𝒄𝒊 𝒆 𝒂𝒍𝒍𝒆 𝒄𝒂𝒓𝒊𝒄𝒉𝒆 𝒆𝒍𝒆𝒕𝒕𝒊𝒗𝒆 𝒊𝒏 𝒄𝒐𝒏𝒅𝒊𝒛𝒊𝒐𝒏𝒊 𝒅𝒊 𝒆𝒈𝒖𝒂𝒈𝒍𝒊𝒂𝒏𝒛𝒂, 𝒔𝒆𝒄𝒐𝒏𝒅𝒐 𝒊 𝒓𝒆𝒒𝒖𝒊𝒔𝒊𝒕𝒊 𝒔𝒕𝒂𝒃𝒊𝒍𝒊𝒕𝒊 𝒅𝒂𝒍𝒍𝒂 𝒍𝒆𝒈𝒈𝒆”.

Tale esito, però, a parere degli scriventi, non è irreversibile. Basterebbe dare una diversa lettura della norma dell’art. 1 della legge 34/2020, nel senso che essa non restringe ma allarga le possibilità di candidarsi a coloro che non lo avevano fatto nei termini previsti dal decreto assessoriale 329 del 06 ottobre 2020 ed a quelli che nel frattempo ne avranno maturato i requisiti al momento della scadenza prevista dal nuovo procedimento elettorale.

Come cittadini elettori ci sentiamo “scippati” di un diritto, garantito dalla Costituzione. Le regole democratiche non possono essere calpestate. Eguaglianza significa che tutti devono avere le stesse possibilità. Al momento siamo di fronte ad un incomprensibile divieto a candidarsi.

Appare poi inspiegabile la proroga dell’attuale amministrazione, il cui mandato elettorale è scaduto lo scorso mese di maggio.

Sicuri dell’attenzione che presterete alle nostre considerazioni, cogliamo l’occasione per porgere cordiali saluti.

segreteria <segreterianicosiasindaco@gmail.com>

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui