La metà di tutti i bambini a rischio nel mondo vive in soli otto paesi, coinvolti nelle più grandi crisi umanitarie. L’Organizzazione lancia un piano globale per raggiungere 15,7 milioni di persone, inclusi 9,4 milioni di bambini in 37 paesi e chiede alla comunità internazionale un impegno per proteggere i bambini più a rischio, già colpiti da povertà, conflitti e cambiamenti climatici.

60 milioni[1] di bambini, la metà di tutti i bambini a rischio a livello globale, vivono in soli otto paesi nel mondo e nel 2021avranno bisogno di qualche forma di assistenza umanitaria per sopravvivere. Questa la denuncia di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro, che chiede per quest’anno, una risposta globale coordinata per fare in modo che le battute d’arresto del 2020 non abbiano un impatto permanente su un’intera generazione di minori.

La pandemia da COVID-19 ha compromesso decenni di progressi fatti per salvaguardare i bambini più vulnerabili. I sistemi sanitari deboli sono collassati e i bambini hanno visto i loro genitori o i loro insegnanti contagiati dal virus, portati in ospedale. Mentre le famiglie precipitavano nella povertà, i più piccoli hanno sofferto la fame perché i capifamiglia avevano perso le loro fonti di reddito.

La pandemia ha minato anche l’istruzione di oltre 300 milioni di alunni. Molte scuole hanno dovuto chiudere per cercare di contrastare i contagi, aumentando il rischio di abusi sui minori, di sfruttamento, di matrimoni precoci o abbandono scolastico, spesso definitivo, dei bambini.

Secondo le Nazioni Unite, più di 235 milioni di persone – circa la metà delle quali sono bambini – avranno bisogno di qualche forma di assistenza umanitaria quest’anno, rispetto ai 170 milioni del 2020. Un drammatico aumento del 40% in meno di un anno. Dei circa 117,7 milioni di bambini che avranno bisogno di un sostegno nel 2021, più della metà (60 milioni) vive in soli otto paesi, con lo Yemen, l’Etiopia e la Repubblica Democratica del Congo che contano oltre 10 milioni di bambini ciascuno.

“Per i bambini, il 2021 può essere un anno migliore, o di gran lunga peggiore, del 2020. Questo dipenderà esclusivamente dal modo in cui l’umanità intera si impegnerà affinché ogni bambino sopravviva, impari, prosperi e sia protetto dalle violenze. Non ci sono scuse che giustifichino il fatto che i bambini continuino a soffrire la fame giorno dopo giorno, o siano costretti a lavorare per mettere il cibo in tavola o vedano negato il diritto all’istruzione” ha detto Inger Ashing, Direttrice di Save the Children International. “Siamo particolarmente preoccupati per il numero di bambini a rischio di malnutrizione acuta e grave se non ci saranno azioni rapide. Non possiamo ignorare i chiari segnali di allarme di una pericolosa carenza di cibo e del rischio di carestia in molti paesi come lo Yemen, la RDC, il Sud Sudan e parti della Nigeria. Anche prima della pandemia, i bambini stavano affrontando una triplice minaccia ai loro diritti rappresentata da conflitti, cambiamenti climatici e fame. Se ritardiamo ora l’azione, rischiamo di perdere migliaia di bambini – potenzialmente decine di migliaia – per cause interamente prevenibili. Non possiamo lasciare che questo accada” ha concluso Inger Ashing.

Haifa* ha 11 mesi e vive in Yemen. Soffre di una grave malnutrizione acuta, la forma di fame estrema più pericolosa per la vita di una persona. Pesa solo 2,7 kg, meno della metà di quello che dovrebbe pesare alla sua età (6,4 kg). La sua famiglia sopravvive con solo due pasti al giorno, tè e pane per colazione e cena. “Mia figlia ha iniziato ad ammalarsi quando aveva 3 mesi. Quando l’ho portata in ospedale, mi hanno detto che è malnutrita. Ha ricevuto delle cure in passato, ma continuava a peggiorare. Da quando si è ammalata, non si è mai ripresa completamente, pensavo che non sarebbe mai stata meglio. Di solito prendiamo solo tè e pane per colazione e cena. A volte mangiamo uova a pranzo. L’unica cosa che spero per il futuro è che mia figlia si riprenda e sia in grado di camminare” ha raccontato sua madre, Roqea* agli operatori di Save the Children.

Save the Children sta lanciando un piano da 769 milioni di dollari[2] per affrontare la più grande minaccia della storia alla sopravvivenza dei bambini e ad ai loro diritti. Per raggiungere 15,7 milioni di persone, inclusi 9,4 milioni di bambini in 37 paesi, sta lavorando senza sosta per garantire che, nel 2021, i bambini colpiti dalle crisi possano accedere all’istruzione e siano protetti dalle violenze, dallo sfruttamento e da altre forme di abuso. Save the Children sta supportando le famiglie anche attraverso un sostegno finanziario, in modo che i loro figli possano continuare ad imparare e ad avere accesso a cure mediche, acqua pulita e cibo nutriente. Particolar attenzione, nei paesi in emergenza, è dedicata all’empowerment delle ragazze e delle donne, per assicurare che abbiano pari accesso a sostegno e servizi.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui