Advertisement

Comprendere il funzionamento interno del bambino, quarto incontro pediatri sip, focus su processazione sensoriale e autismo

Roma – “Comprendere il funzionamento interno del bambino ci permette di affinare sempre piu’ gli strumenti di osservazione e quindi di trovare delle possibili risposte“.

Parte da qui Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), per introdurre la seconda parte del corso sulla ‘Individuazione dei disturbi del neurosviluppo 0-3 anni’, realizzato gratuitamente dalla Societa’ italiana di pediatria (Sip) in collaborazione con IdO, Fondazione Mite, Sindacato italiano specialisti pediatri (Sispe) e Societa’ italiana di neonatologia Lazio (Sin).

Advertisement

Un corso in sei sessioni, seguito da una platea di 2.000 pediatri, la cui prima parte e’ stata incentrata sull’individuazione precoce dei disordini neuroevolutivi, mentre la seconda si addentra piu’ specificatamente nel tema dei disturbi della processazione/integrazione sensoriale e i disturbi dello spettro autistico. Qui il link per rivedere la quarta lezione: https://www.youtube.com/watch?v=gvqQZ3HVMtw

Per inquadrare l’argomento Di Renzo ha innanzitutto presentato il manuale diagnostico DSM-5, spiegando come si sia passati “dalla distinzione tra disturbi dello spettro e disturbo autistico a un’unica grande categoria che e’ quella dei disturbi dello spettro autistico. Questo e’ avvenuto- ha sottolineato la psicoterapeuta- perche’ si e’ tentato di portare nel manuale diagnostico quella caratteristica di dimensionalita’ che era piuttosto assente nelle edizioni precedenti.

Il DSM- ha spiegato Di Renzo- e’ un manuale diagnostico partito per essere categoriale, ateoretico, con il grande vantaggio di poter universalizzare le diagnosi ma, perche’ cio’ accadesse, le valutazioni sono fatte sulla fotografia del momento attuale del bambino.   Questo ha avuto un grande vantaggio a livello internazionale, pero’- sottolinea Di Renzo- ha fatto un pochino perdere il senso dell’unicita’ di ciascun bambino. Dunque si e’ arrivati alla definizione di disturbi dello spettro autistico per voler dire che ci troviamo di fronte a un continuum che va dai minimi segni fino alle manifestazioni sintomatologiche severe”.

Di Renzo si e’ poi soffermata sulle stereotipie: “Sono state liquidate come movimenti non finalistici da tentare di eliminare. Invece- ha aggiunto- hanno un senso nel funzionamento del bambino, perche’ servono per scaricare il sovrappiu’ di energie  che non riescono a incanalare. Dunque- ha precisato Di Renzo- le stereotipie hanno la funzione di far ritrovare al bambino l’equilibrio attraverso la loro ritmicita’”. In particolare la responsabile del servizio Terapie IdO ha spiegato come “per molto tempo si sia pensato che i bambini autistici non provassero emozioni, ma e’ un pregiudizio che e’ stato sfatato. La verita’ e’ l’opposto- ha detto Di Renzo- i bambini autistici sono generalmente sopraffatti dalle emozioni ed e’ proprio questa sopraffazione che fa si’ che vengano messi in atto dei comportamenti come le stereotipie, che sono appunto funzionali a ristabilire gli equilibri”.

Dunque, la psicoterapeuta sottolinea che “quando ci si rivolge a dei comportamenti anomali questi non vanno visti solo nel loro aspetto disfunzionale, bisogna capire il valore di cura che quel comportamento puo’ avere nell’equilibrio generale del bambino”.

Nel corso della lezione Elena Vanadia, neuropsichiatra infantile dell’IdO, ha poi ricordato come “fino al 90% dei bambini autistici sembra avere problemi di processazione sensoriale, anche se non necessariamente e’ vero l’opposto. Cioe’- ha sottolineato l’esperta- molti bambini che manifestano disturbi legati all’elaborazione/integrazione degli stimoli sensoriali non sono autistici”. Da qui l’importanza di aiutare i pediatri a diventare competenti nel rilevare i campanelli di allarme di possibili disordini neuroevolutivi nei bambini, l’obiettivo principale del corso.

Gli ultimi due incontri in programma si svolgeranno mercoledi’ 24 febbraio (18-20) e sabato 27 febbraio 9:30 -12:30. Tutti I partecipanti riceveranno gratuitamente gli strumenti utili per gli aspetti operativi, quali software per la compilazione di schede di screening neuroevolutivo, kit con piccoli giochi da studio pediatrico per la rilevazione di competenze presenti nel bambino, articoli, libri. È possibile rivolgere delle domande ai relatori, anche durante i corsi, attraverso la mail corsosipfebbraio@gmail.com.

La consulenza/assistenza post corso (garantita tramite la mail corsosipfebbraio@gmail.com) e’ promossa per rispondere agli eventuali dubbi dei partecipanti riguardanti le loro attivita’ cliniche. Visto l’alto numero dei partecipanti (al momento 2.000 iscritti), le iscrizioni alla piattaforma online sono state chiuse, ma e’ comunque possibile seguire il corso sul canale YouTube della Sip.

Al fine di ottenere l’accreditamento dei 18 crediti formativi previsti, coloro che non sono riusciti ad iscriversi al corso tramite la piattaforma Biomedia sono invitati ad inviare una e-mail contenente i propri dati (nome, cognome, email, indirizzo) al seguente indirizzo: corsosipfebbraio@gmail.com.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteBNL E BNP PARIBAS CARDIF ANCORA AL FIANCO DI PICCOLE E MEDIE IMPRESE: AZZERATO IL PAGAMENTO DEL PREMIO DI FEBBRAIO AI CLIENTI “SMALL BUSINESS” E “IMPRESE”
Articolo successivoSabato 20 febbraio sui canali social del Mudec: TINA MODOTTI per la miniserie video “10 x 10”, dieci storie per dieci donne che hanno cambiato la storia della fotografia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui