L’attuale governo di centro di Draghi è una brutta copia di ciò che voleva fare Rotondi: esso  non potrà durare a lungo  perché è un’accozzaglia di partiti, disomogenea per visione politica, culturale e ideologica

 

di Simone Passanetti 

Ufficio Stampa Sudisti Italiani 

 

Napoli, 23 febbraio 2021 – “Ho partecipato con gioia, nello scorso  mese di ottobre, a Saint Vincent, al Convegno indetto dalla Fondazione DC, organizzato da Gianfranco Rotondi, dal titolo: ‘Laudato si’: la politica cristiana dal bianco al verde’ .

Si respirava già l’aria di un profondo cambiamento nell’ambito della politica italiana” ha dichiarato Biagio Maimone, fondatore del Movimento Sudisti Italiani e de lanuovademocrazia.it, il quale ha aggiunto: “Non per presunzione, ma per principio di realtà, sento la necessità di affermare che siamo stati quasi precursori dell’attuale cambiamento e lo attestano i temi che, nell’ambito del Convegno,  sono stati oggetto di trattazione.

Difatti, abbiamo parlato dell’importanza del ‘Laudato si’, relativamente alla salvaguardia dell’ecosistema, sulla scia di Francesco d’Assisi e di un nuovo modello di democrazia, alla luce dell’esigenze sorte dal piano dei processi economici e sociali.

Nell’ambito del suddetto Convegno si è affermato, altresì, che il populismo ha dimostrato di non essere un modello applicabile politicamente in quanto crea disordine sociale e rabbia, nonché odio  verso chi la pensa in modo diverso.

Si è parlato, inoltre, della necessità dell’adozione di una visione politica fondata sui valori propri della democrazia, rivalutata per quanto attiene i suoi principi universali. Altrettanto  rilievo è stato dato alla necessità della creazione di un nuovo sistema economico, che dia vita ad un’economia “Dal Volto Umano”,  imprescindibile per rilanciare i processi economici in ogni nazione del  mondo, messi a dura prova dalla globalizzazione ed, ancor più, dalla pandemia.

Saint Vincent ha dato il via al cambiamento che stiamo vivendo con il Governo Draghi, il quale sembra aver seguito il percorso tracciato dal  Convegno e la volontà di Gianfranco Rotondi di fondare un centro politico,  con l’intento precipuo di creare quell’unità necessaria per uscire dalla crisi. Non è utopico sostenere che  Rotondi è stato antesignano del processo politico a cui si è dato vita con il governo Draghi, in quanto ha intercettato la  necessità di una grande coalizione di centro.

Hanno capito tutti, anche Salvini, che bisognava dar corso ad un processo di natura democratica per riordinare quanto gli eventi drammatici legati alla pandemia avevano reso ormai confuso e disorganizzato a tal punto che sovrano  era solo il caos.

Dopo il Convegno di Saint Vincent, dopo  la vittoria di Joe Biden negli Stati Uniti e la transizione della politica italiana verso il centro, ossia  verso una nuova democrazia, che prende le mosse dalle orme dell’ex  democrazia cristiana, ci siamo stupiti nell’osservare che Mario Draghi, consapevolmente o inconsapevolmente, abbia messo in pratica proprio quei contenuti che hanno connotato la natura del Convegno  “Laudato Si”. Strano? Ma vero! Chissà, i contenuti validi spesso hanno il potere di contagiare.

Mi preme sottolineare, infine, che è intenzione di Gianfranco Rotondi creare un ponte tra il passato e il futuro,  mediante una concezione democratica della vita, che includa anche il tema dell’ambiente. Il prossimo passo, pertanto, sarà creare un grande Partito Popolare Italiano, sorretto da un grande movimento di unità nazionale, che segnerà l’avvio della “Nuova Democrazia”, che si prefigge l’intento di includere ogni essere umano nel contesto della società, la cui umanizzazione consentirà di ricostruire il tessuto socio-politico ed economico, ormai frantumato, dell’Italia e di ogni territorio che voglia realmente rinascere, dopo lo tsunami che ha devastato l’intera umanità.

Credo fermamente, alla luce delle suddette considerazioni, nella costituzione di un grande centro popolare, composto da forze politiche omogenee, legate da una visione unica della politica, quella espressa durante il Convegno “Laudato Sì”. Possiamo ancora sperare di creare con Gianfranco Rotondi e, molto probabilmente, con Giuseppe Conte, un’importante forza popolare democratica, tuttavia bisogna mettersi subito all’opera, senza titubanza alcuna”.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui