Advertisement

SEMINARIO GRATUITO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Il prossimo martedì 2 marzo 2021, dalle 13,00 alle 15,30, si terrà l’ evento formativo, in fase di accreditamento presso il CNF, e con  prenotazione sulla piattaforma Webex del Sole 24 Ore dal titolo:

Le conseguenze della pandemia sulle locazioni, le pronunce sul tema e il blocco degli sfratti

Advertisement

Indirizzi di saluto
Avv. Antonino Galletti Presidente Ordine degli Avvocati di Roma – Presidente Associazione Azione Legale

Avv. Paolo Nesta – (Consigliere COA Roma – Coordinatore Commissione Locazione e Condominio COA Roma)

Introduce e conclude
Avv. Francesco Giglioni Componente Commissione Centro Studi COA  Roma – Responsabile della formazione Associazione Azione Legale

Modera
Avv. Federico Bocchini Componente Commissione COA Roma Covid19 – Responsabile della formazione Associazione Azione Legale

Programma e relatori

Recesso o risoluzione, quale strumento per il rilascio degli immobili in caso di mancata rinegoziazione dei canoni
Avv. Matteo Di Stefano (Commissione Locazione e Condominio COA Roma)

La mediazione come strumento di rinegoziazione dei canoni di locazione
Avv. Fabrizio Plagenza

Il principio della buona fede nella rinegoziazione dei canoni
Dott. Daniele D’Angelo (Giudice VI sezione del Tribunale di Roma)

Gli interventi giurisprudenziali e le diverse pronunce sul tema da parte dei vari Tribunali
Dott.ssa Roberta Nardone (Giudice VI sezione del Tribunale di Roma)

La proroga del blocco degli sfratti al 30 giugno 2021, conseguenze e riflessioni
Avv. Giorgio Spaziani Testa (Presidente Confedilizia)

Per prenotarsi cliccare sulla locandina qui di seguito scaricabile Locandina Webinar 2-3-2021

 L’INTERVENTO DEL PRESIDENTE
DEL COA DI ROMA GALLETTI

Il Presidente del COA di Roma, Antonino Galletti, ha scritto al neo Ministro della Giustizia Cartabia, al Ministro della Salute Speranza ed al Presidente della Regione Lazio Zingaretti, per sollecitare un intervento per dare finalmente l’abbrivio ad una campagna di vaccinazione volontaria contro il contagio da virus Covid-19 nei confronti di una categoria certamente a rischio come quella degli Avvocati, nonché di tutti gli operatori del settore della Giustizia (magistrati e personale amministrativo).

Per quanto riguarda l’Avvocatura è stata denunciata una vaccinazione “a macchia di leopardo” sul territorio nazionale, dove capita che gli Avvocati siano già considerati categoria a rischio nelle Regioni Sicilia e Toscana e non invece altrove come, ad esempio, a Roma e nel Lazio, nonostante fin da dicembre il COA di Roma e Unione degli Ordini Forensi del Lazio hanno chiesto di procedere alla vaccinazione degli iscritti quanto prima per assicurare continuità al servizio primario della Giustizia.

Del resto, sia a Palermo, sia a Firenze e sia a Roma, gli Avvocati svolgono le medesime attività professionali, frequentano aule d’udienza affollate, visitano i detenuti, incontrano una pluralità di assistiti, contribuiscono -come parte essenziale- a garantire la giurisdizione e il diritto di difesa oggetto di protezione finanche costituzionale.

E’ paradossale che un avvocato romano, che pure può essere chiamato a partecipare un’udienza in presenza a Palermo o a Firenze non sia vaccinato, a differenza dei colleghi di quel Foro.

Il punto dunque non è chi vaccinare prima e chi dopo fra le categorie a rischio e all’interno della medesima categoria fra le varie Regioni, ma procedere a un intervento organico che riguardi tutto in modo uniforme il territorio nazionale, per evitare che, almeno su temi delicati come questi, il diritto alla Salute e il diritto alla Giustizia, vi siano sperequazioni e si riproducano situazioni grottesche come quella già tante volte denunciata nei mesi scorsi relativa ai provvedimenti organizzativi ed alle linee guida assunte nei vari uffici giudiziari, dove ogni sezione, ufficio e finanche ogni singola cancelleria hanno dettato prescrizioni autonome e del tutto scollegate le une dalle altre.

In definitiva, il Presidente del COA Galletti, ha evidenziato la necessità di riportare con urgenza un minimo di razionalità in un procedere finora abbastanza schizofrenico.

Per leggere la nota di Galletti ai Ministri clicca qui sotto:
2021.2.23-Galletti-a-Ministro-1.pdf

LE SENTENZE DI MERITO
GRATUITE FINO A MARZO 2021

E’ possibile attivare un abbonamento gratuito fino alla fine di marzo 2021 che sblocca l’accesso alle sentenze di tutti i Fori Italiani e quindi rende possibile la consultazione e il download delle sentenze di merito nazionali (incluse quelle delle Corti d’Appello).

Occorre raggiungere il sito web da qualsiasi browser pc o smartphone e registrarsi da questo link: https://lesentenze.it/public/register-roma.  Clicca in alto a destra su “registrati” l’abbonamento gratuito si attiverà in automatico

Successivamente alla registrazione l’abbonamento si sbloccherà
automaticamente. Non sanno richiesti metodi di pagamento e nessun rinnovo automatico è previsto.

Assistenza telefonica prevista al al numero 351 786 3457.

SERVIZIO AVVISO SCADENZA
FIRMA DIGITALE

Per evitare di trovarsi improvvisamente con la chiavetta di Firma Digitale scaduta è attivo il servizio gratuito  SAS – SERVIZIO AVVISO SCADENZA. Maggiori dettagli ed iscrizioni al link: SAS – SERVIZIO AVVISO SCADENZA oppure chiamando lo 0639737539 – 0656556628.

E’ poi, sempre,  possibile richiedere nuove chiavette di Firma Digitale Lextel su appuntamento con ritiro ed emissione immediata (informazioni dettagliate al link: istruzioni rilascio per prenotare collegarsi al sito https://puntotelematico.reservio.com/).

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteGLI STATI STANNO MANCANDO GLI OBIETTIVI DELL’ACCORDO DI PARIGI
Articolo successivoContrastare ogni forma di criminalità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui