Advertisement

“Al Ministro Orlando abbiamo chiesto una riforma degli ammortizzatori sociali inclusiva, equa, all’insegna della semplificazione e che sappia finalmente coniugare sostegno al reddito e riqualificazione professionale. Abbiamo davanti una doppia sfida. Nell’immediato occorre mettere in sicurezza redditi e lavoro. Nel medio-breve periodo, comunque entro l’anno, è utile arrivare ad una revisione della normativa vigente. A distanza di quasi sei anni dal Jobs act, le criticità sono evidenti: dalla durata complessiva degli ammortizzatori alla complessità delle procedure, dalla esclusione di alcune categorie, compresi gli iscritti alla gestione separata, i lavoratori stagionali, gli ambulanti e quelli della pesca, alla mancanza di politiche attive. Apprezziamo il costante coinvolgimento delle parti sociali e la volontà di dialogo manifestata dal Ministro Orlando. Siamo fiduciosi che da un confronto serrato con il Governo possa arrivare un giusto equilibrio fra le diverse esigenze nell’interesse del Paese, nel solco tracciato dallo stesso Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, e tenendo conto delle opportunità che derivano dal Piano nazionale di ripresa e resilienza.” Così Luigi Ulgiati, Vice Segretario Generale UGL, e Fiovo Bitti, Dirigente Confederale UGL, presenti all’incontro con il Ministro del Lavoro Orlando.

 

Advertisement

 

Press Office

pressoffice@italcommunications.it

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteIeri Travaglio a Otto e Mezzo nel difendere il governo Conte 2 ha affermato che tra le cose pregevoli fatte c’é l’aver estromesso i Benetton da Autostrade.
Articolo successivoMI SEMBRA DI VIVERE PREVALENTEMENTE  IN UN MONDO DI MATTI  AD OGNI LIVELLO…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui