Advertisement

Si è svolto questa mattina il primo incontro di approfondimento sul futuro della città in diretta streaming, programmato nell’ambito dei Meet Me di Alessandra Clemente, candidata a Sindaco della Città di Napoli.  

Un focus on a più voci per delineare azioni portanti per lo sviluppo di Napoli attraverso il Piano Strategico della Città Metropolitana e la proiezione sul Recovery Plan.

Advertisement

Le linee direttrici e gli assi del Piano Strategico perseguono l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita, di salute, di relazioni e di benessere dei cittadini garantendo lo sviluppo economico e sociale del territorio e la sostenibilità ambientale.

Un piano triennale attraverso il quale finanziare interventi nel medio e lungo termine e dare allo stesso tempo soluzione a criticità contingenti e urgenti.

Con Alessandra Clemente e il moderatore Marco Esposito sono intervenuti nel dibattito il Capo segreteria del Sindaco metropolitano Enrico Panini, il Vice Sindaco della Città Metropolitana Domenico Marrazzo, il consigliere metropolitano con delega all’ossigeno bene comune e polizia metropolitana Salvatore Pace, il consigliere metropolitano Elpidio Capasso.

Durante il confronto che ha toccato temi ambientali, sociali e politici, Alessandra Clemente ha affermato: “Il Recovery Plan deve vedere come prima linea gli enti locali ed i territori per dare risposte concrete alle esigenze contingenti e a medio e lungo periodo. Non un progetto calato dall’alto dai governi, ma un piano che segua il metodo di lavoro della pianificazione del Piano Strategico: la ripartizione del budget in modo chiaro e trasparente (i 400 milioni del piano strategico sono stati redistribuiti in base al numero di abitanti), su progettualità condivise dagli abitanti delle comunità stesse dando priorità al lavoro e a tutti i quartieri e comuni per superare le differenze tra centro e periferie.  É necessario pianificare per l’immediato futuro un sistema integrato di trasporti per l’intera area metropolitana, che consenta di mettere in rete, tanto Pompei con il Museo Archeologico Nazionale, Procida, prossima Capitale Europea della Cultura, e l’area flegrea con Capodichino, pensando alla vocazione turistica, quanto Casoria con piazza Municipio, pensando alle esigenze di pendolari, studenti e lavoratori. È fondamentale che le tematiche ambientali e di sostenibilità siano pianificate senza vincoli di bilancio, così da poter avere quell’orizzonte lungo che corrisponda a ciò che intendiamo consegnare ai nostri nipoti, progettando lo sviluppo delle nostre coste e parchi naturali quale inestimabile patrimonio che ci rende unici nel mondo.  Orientare la spesa pubblica facendo della trasparenza e della lotta alla corruzione le linee direttrici per il futuro, nella consapevolezza di drammatiche e attuali pagine di malaffare e malapolitica. È necessario – conclude Clemente – sconfiggere quella mafiosità che è anche dentro un modo di essere e soprattutto fare affari ogni volta che ci sono grandi piani di investimento e disponibilità di risorse.”

Il prossimo incontro in diretta streaming è programmato per sabato 13 marzo Focus on “Napoli una città Europea – Dal Piano strategico al Recovery Plan”. 

È sempre possibile partecipare agli incontri online con Alessandra Clemente per conoscerci, discutere e costruire insieme il programma dei prossimi anni, registrandosi al sito https://www.alessandraclemente.it/meet-me/

 

 

 

 

 

Press Office

pressoffice@italcommunications.it

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedente“Si ascolti Palamara”, il mondo della politica chiede chiarezza sul caos procure. E intanto il suo libro diventa un best-seller
Articolo successivoCovid/Sgarbi: “Non si vive di solo pane. Anticipare riaperture musei, cinema e teatri nelle zone gialle”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui