Advertisement

«Fatti del genere sono da censurare sempre e comunque, a prescindere dalla politica. Siamo solidali e vicini alla responsabile del settore Economico-Finanziario del Comune di San Giovanni in Fiore e respingiamo con forza qualsiasi tentativo di sostituire gli strumenti legali e democratici con altri non consentiti». Lo affermano, in una nota, il presidente del Consiglio comunale di San Giovanni in Fiore, Giuseppe Bitonti, e i capigruppo consiliari Cristian Bitonti, Cannizzaro, Cocchiero, Guarascio, Lacava, Mancina, Musardo Gracco e Silletta, a proposito della lettera anonima ricevuta dalla funzionaria del Comune silano, vicenda su cui la sindaca Rosaria Succurro ha sporto querela per intimidazione da parte di ignoti nei confronti della dipendente e il tentativo, ha spiegato lo stesso primo cittadino, «di perturbare in questo modo l’attività amministrativa». «Al di là delle legittime differenze politiche, continueremo a lavorare – sottolineano gli stessi capigruppo di maggioranza e opposizione – per garantire sempre l’autonomia e la libertà degli uffici del municipio». A seguito dell’episodio, dal lato dell’opposizione: Lacava preme per un incontro immediato dei capigruppo, mentre Silletta e Mancina chiedono un Consiglio comunale urgente sulla sicurezza e che «il sindaco contatti il prefetto perché questi riunisca il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica».

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Advertisement
Articolo precedenteQuali sono i luoghi dove si rischia di più il covid?
Articolo successivoLa richiesta di ADSI nell’anniversario del terremoto de L’Aquila

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui