Advertisement

 Metterli al centro di qualsiasi risposta nella provincia di Cabo Delgado

L’appello dell’Organizzazione in occasione del vertice dei leader della Sadc

Advertisement

 

“Mentre i leader della SADC oggi valutano la triste situazione a Cabo Delgado e decidono sui possibili interventi, li invitiamo a garantire che ogni risposta tenga conto dei bisogni immediati e della sicurezza dei bambini. I bambini vengono presi di mira in questo conflitto. Vengono uccisi e rapiti, perdono le loro case e la protezione di cui hanno bisogno. I bambini devono essere al centro di qualsiasi risposta a Cabo Delgado. I bambini devono essere protetti”.

Questo il commento di Chance Briggs, Direttore di Save the Children in Mozambico – l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro – in occasione del vertice straordinario della Comunità per lo sviluppo dell’Africa meridionale (SADC), i cui leader si riuniscono oggi per discutere le misure per contrastare il terrorismo in Mozambico.

“Tutte le parti coinvolte nel conflitto devono garantire che i bambini non siano mai bersagli. Devono rispettare le leggi internazionali sui diritti umani e intraprendere tutte le azioni necessarie per ridurre al minimo i danni accidentali ai civili. Centinaia di migliaia di bambini e le loro famiglie – oltre un terzo della popolazione della provincia – sono ora sfollati a Cabo Delgado. Ci sono 772 mila sfollati, compresi i bambini. La maggior parte vive con i loro familiari, mentre molti altri vivono in campi temporanei. In troppi casi, questi bambini e le loro famiglie vivono in condizioni squallide”, ha proseguito Chance Briggs.

“Questi bambini hanno bisogno di beni essenziali, come cibo e acqua pulita, riparo e assistenza sanitaria, e hanno anche bisogno di supporto psicosociale per aiutarli a elaborare gli orrori ai quali hanno assistito. Devono anche poter tornare a scuola, sia perché è fondamentale che continuino a studiare e apprendere sia per recuperare un senso di normalità nelle loro vite dopo tanta paura”.

Le organizzazioni umanitarie come Save the Children sono impegnate a fornire supporto ai bambini sfollati e alle loro famiglie nei campi temporanei e nelle comunità ospitanti, lavorando duramente per soddisfare i bisogni essenziali dei minori e delle loro famiglie.

“Ma le risorse non sono sufficienti – spiega ancora Chance Briggs – . Con il piano di risposta umanitaria del Mozambico finanziato solo all’1%, rimane un enorme gap di 250 milioni di dollari che deve essere urgentemente colmato. Chiediamo urgentemente ai governi donatori di intensificare i loro impegni di finanziamento per sostenere pienamente la risposta umanitaria a Cabo Delgado e per garantire, in particolare, che le esigenze di protezione dei bambini, come il supporto per la salute mentale, la ricerca dei dispersi e gli interventi di ricongiungimento familiare, siano coperte”.

“Allo stesso tempo, chiediamo ai partner di garantire risorse finanziarie per programmi volti a soddisfare le esigenze di sviluppo a lungo termine della popolazione di Cabo Delgado, senza le quali la crisi di nella provincia potrebbe aggravarsi ulteriormente”, ha concluso Briggs.

 

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteCalabria: Petrolmafie Spa, secondo Parentela (M5S) l’inchiesta conferma che “il futuro della regione dipenderà dalla volontà collettiva di sconfiggere l’antistato”
Articolo successivoIl cibo che ci salverà: la svolta ecologica a tavola per aiutare il pianeta e la salute

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui