Advertisement

Con quindici giorni di ritardo rispetto alla scadenza dell’ordinanza regionale

            “ Tanto tuonò che piovve! Finalmente, con quindici giorni di ritardo rispetto agli altri parchi cittadini, l’unico polmone a verde pubblico a disposizione dei circa cinquantamila residenti del quartiere Vomero, il parco della villa Floridiana, domani, mercoledì 21 aprile, verrà riaperto al pubblico, naturalmente con l’orario estivo, vale a dire dalle 8:30 alle 19:30, a eccezione del martedì, quando continuerà a rimanere chiuso, benché questa decisione di tenere i cancelli sbarrati per un giorno alla settimana appare del tutto immotivata. Dunque, dopo essere rimasto chiuso per ulteriori quindici giorni, dal momento che già dal 6 aprile scorso non era più in vigore l’ordinanza n. 10 del 21 marzo 2021, emanata dal presidente della Giunta regionale della Campania con la quale si disponeva, tra l’altro, la chiusura al pubblico, salvo che nella fascia oraria 7,30/8,30, di parchi urbani, ville comunali, giardini pubblici, lungomari e piazze, finalmente, dopo le numerose proteste dei giorni scorsi, un primo risultato è stato raggiunto “. A intervenire sulla vicenda è ancora una volta Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori, che è sceso in campo più volte, pure con la creazione di un gruppo sul social network Facebook, che conta oltre tremila iscritti, al fine di consentire la piena fruibilità del parco borbonico, all’interno del quale si trova anche il museo delle arti decorative Duca di Martina, anch’esso peraltro chiuso da mesi.

 

Advertisement

            ” Pare che il protrarsi della chiusura, rispetto ai termini fissati nella succitata ordinanza, sia stato determinato dalla necessità di eseguire alcuni non meglio precisati lavori di manutenzione – afferma Capodanno -. E qui la domanda nasce spontanea: ma tali lavori non potevano essere eseguiti durante il lungo periodo nel quale il parco è stato interdetto al pubblico a seguito delle disposizioni emanate in ottemperanza alle misure di contrasto e contenimento dell’emergenza pandemica? Una domanda che attende una risposta “.

 

            ” Domani comunque – annuncia Capodanno – effettuerò un sopralluogo per verificare personalmente il risultato di questi lavori e se finalmente, come ci si auspica da anni,  sono stati rimossi tutti i tronchi e i rami caduti nelle zone interdette in uno alla radice dell’albero caduto, rimasta recintata nell’aiuola centrale,  con il conseguente ripristino e la riapertura di tutti i viali e delle numerose aree, alcune delle quali precluse al pubblico dal lontano 2011, dieci anni fa, a partire dall’intero belvedere, dall’area dove insiste il tempio ionico e dalla zona dove si trova il teatrino della Verzura, per citare quelle più note “.

 

            ” Infine – puntualizza Capodanno – ci auguriamo che siano state installate anche le nuove giostrine che, in passato, si trovavano in un’area all’interno del parco, molto frequentata dai bambini, accompagnati da genitori e nonni. Tra i giochi si trovano un’altalena, uno scivolo e alcuni cavallucci a molla, distrutti dai vandali oltre due anni fa e mai più ripristinati “.

 

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteGGIORNAMENTO Nota informativa – Sessione straordinaria per l’attrazione degli investimenti esteri della Cabina di Regia per l’Internazionalizzazione (20 aprile 2021)
Articolo successivoNAVALNY, FERRARA (M5S): DIRITTI UMANI VANNO DIFESI SEMPRE E OVUNQUE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui