Advertisement

Vorranno le forze vive del Paese, sindacali e politiche, cogliere l’occasione del 1° maggio non solo per celebrare le glorie passate, ma per segnare e rivoluzionare il futuro?

La ricerca e le lotte per il miglioramento generalizzato delle condizioni di vita degli uomini, anima di quelle forze che vengono identificate come progressiste, è segno di speranza e l’energia per inseguire e costruire un mondo migliore. Al contrario, la pura celebrazione delle glorie passate è sintomo di rassegnazione e dell’incapacità di immaginare e perseguire un futuro che possa essere ancora più prospero.

Advertisement

La pandemia che ha afflitto il mondo ha segnato profondamente la nostra società, ricordandoci quanto gli uomini siano un unico popolo e quanto sia necessario essere uniti a prescindere dalle differenze religiose, culturali e dai confini geografici. Visto da questa prospettiva globale, il mondo del lavoro appare arcaico e disarticolato, con mille singole sfaccettature. Chi ha il dono di saper “guardare” il futuro sa che regole, doveri e diritti sempre più globali saranno la scommessa e la normalità di domani. Oggi è tempo di cogliere gli aspetti positivi di questa immensa tragedia per rivoluzionare il mondo del lavoro, affinchè possa divenire realmente il mezzo per consentire agli uomini di emanciparsi e di poter godere appieno dei piaceri e della “bellezza” della vita. Guardare lontano significa iniziare a costruire una strada senza perdere di vista la meta.

La scommessa nell’immediato è saper coniugare tre esigenze:

  • sicurezza socio-economica in un mercato del lavoro sempre più globale, precario e fragile;
  • miglior equilibrio tra tempi di lavoro e tempi per la propria vita e la propria famiglia;
  • necessità di ridurre gli spostamenti quotidiani di massa e l’inquinamento.

Le soluzioni vanno ricercate in:

  • UN UNICO AMMORTIZZATORE SOCIALE semplice e chiaro, che consenta di accompagnare i lavoratori da un’opportunità lavorativa ad un’altra e di erogare un’integrazione salariale in situazioni di difficoltà e crisi aziendale, garantendo un periodo di formazione e sicurezza economica che permetta di gestire al meglio anche eventi imprevisti come quello che ha segnato l’ultimo anno.
  • SMART WORKING (regolamentato) per tutte quelle attività lavorative che lo consentono, attraverso incentivi alla digitalizzazione e alle aziende (i costi sarebbero ripagati immediatamente da una riduzione dei costi per la gestione dei mezzi pubblici, degli immobili, dell’inquinamento ecc..).
  • RIDUZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO A PARITA’ DI RETRIBUZIONE con particolare riferimento a tutte quelle attività che non possono essere svolte da remoto (per approfondire: www.30orelavorative.it).
  • Il 1° maggio le forze del progresso battano un colpo!

 

Daniele Delbene

*già Presidente della Costituente Nazionale PSE e autore del libro “Siamo esseri umani non schiavi: c’è bisogno di un nuovo umanesimo socialista”.

 

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteIntervista all’avvocato Federico Tedeschini
Articolo successivoA Radio 24 domenica 2 maggio alle 10.05 ospite a Il Caffè della domenica di Maria Latella su Radio24, Enrico Letta, segretario Pd.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui