Advertisement

Roma, 4 mag. – “Una delle grandi opportunità offerta dal Recovery è il ribaltamento del punto di vista sull’ambiente che ci circonda. Con i fondi stanziati per la conversione green, potremo realizzare una nuova visione ecologica. Ma solo se li investiremo per rivoluzionare il ciclo dei rifiuti. Il consumo del suolo. Lo sfruttamento delle materie prime. E se realizzeremo nuove città intelligenti. Dove sia possibile abbattere l’inquinamento e innalzare la qualità della vita. Attualmente il 54 per cento della popolazione mondiale vive negli agglomerati urbani. Una percentuale destinata a salire. E un dato dal quale non si può prescindere, se vogliamo proteggere il pianeta dal cambiamento climatico. E inaugurare realmente un nuovo corso nell’approccio collettivo all’ambiente”. Lo ha dichiarato la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e componente commissione Ambiente, intervenendo alla presentazione del libro ‘Un breve viaggio chiamato Terra’ del fisico e visiting professore di Yale Antonio Ereditato.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Advertisement
Articolo precedenteIl Seminario CISAT è giunto alla sua XVIII edizione
Articolo successivoDissesto idrogeologico, Rotta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui