Advertisement

Il 9 maggio è la Festa della Mamma, ma quale significato assume questa ricorrenza in un anno così particolare in cui l’isolamento e la convivenza forzata hanno evidenziato un aumento delle violenze e dei maltrattamenti in famiglia?

 

Advertisement

I dati parlano chiaro, per l’Istat in un’indagine condotta sulle chiamate al 1522 contro la violenza e lo stalking, nel 2020, durante il periodo del lockdown insieme alle violenze è aumentato anche il totale dei figli che hanno assistono alle aggressioni nei confronti delle loro madri (incremento dell’85,6%), sempre più donne per proteggere i figli hanno sopportato varie forme di discriminazione, soprusi e aggressioni fisiche e verbali.

 

“L’ambito giudiziario sembra faticare a riprendere il ritmo delle attività, di fatto resta ancora in emergenza, ovvero in trattazione scritta per la maggior parte degli incombenti, questo significa non poter andare a fondo di una materia che tratta di diritti personalissimi e che per sua natura ha necessità di udienze presidenziali, in presenza per far comprendere ai Giudici i veri disagi che stanno vivendo le donne e in generale i familiari coinvolti. Purtroppo – come spiega l’Avvocato Valentina Ruggiero, esperta in diritto di famiglia e da anni in prima linea nella lotta alla violenza sulle donne – in questi mesi è aumentata la richiesta di sostegno psicologico, circa del 10%, segno di un malessere generale che non può restare inascoltato”.

 

Oggi le madri hanno una maggiore consapevolezza del proprio valore in una famiglia, raggiunta sicuramente, anche grazie ad una propria indipendenza economica. Molti passi in avanti sono stati fatti, a cominciare dal referendum per il divorzio che ha sancito la libertà di scegliere o meno di restare in matrimonio e di poter sciogliere matrimoni infelici e spesso violenti; eppure il numero elevato di uxoricidi spesso compiuti anche dinanzi ai figli minori o adolescenti ci dice che la strada da percorrere è ancora molto lunga.

 

“I disagi familiari devono essere vissuti con giusti supporti, sia legali che psicologici, pur tra mille difficoltà, la macchina giudiziaria e di tutela legale non si è mai fermata, i Tribunali non hanno mai sospeso l’attività, tentando di dare risposte concrete alle problematiche complesse familiari. Questi sono giorni delle riprese delle attività e dobbiamo pensare in positivo” – Conclude l’Avv. Ruggiero.

 

Nella foto l’Avv. Valentina Ruggiero.

 

L’Avv. Ruggiero è disponibile per interviste ed approfondimenti.

 

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteMisura 4.0: misura a favore di chi?
Articolo successivoVaccini Aire: Nissoli (FI) scrive ancora al Gen. Figliuolo per avere informazioni certe su “come, dove e quando” vaccinarsi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui