Advertisement

Roma, 3 giu. – “I Comuni di frontiera presentano forme di mobilità e turismo specifiche. Spesso legate a flussi di poche ore, proprio grazie alla loro posizione a cavallo tra più territori. La richiesta di tamponi o di una quarantena per chi fa ingresso in queste aree è inconciliabile con gli ingressi dalla Confederazione Elvetica e con lo shopping di confine o il turismo di giornata. Fenomeni che vanno favoriti in questo momento di ripartenza economica. Ecco perché sarebbe strategico estendere a tutti i territori di frontiera quanto già previsto dal Ministro Speranza con un’ordinanza per gli spostamenti transfrontalieri nelle Regioni a Statuto speciale e a Trento e Bolzano. Agevolando l’ingresso di flussi provenienti dalla Svizzera”. Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

 

Advertisement

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteIl British Council lancia la campagna globale The Climate Connection per affrontare l’emergenza climatica in vista del vertice COP26
Articolo successivoARTONAUTI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui