Advertisement


“Le parole sono azioni e fanno accadere le cose” (Hanif Kureishi)

Dopo un lungo periodo di penitenza e di assenza, dovuto alle limitazioni imposte dal contagio, quest’anno sentiamo il bisogno di dare sfogo alla nostra inventiva e per celebrare degnamente l’incontro bioregionale del Solstizio Estivo e non lesiniamo pensieri, parole ed azioni.

Advertisement

“Il tempo passa e non aspetta” dice il saggio, e non sappiamo quando e come avverrà la chiamata finale. Dobbiamo perciò essere accorti e attenti a vivere il giorno per giorno, nella consapevolezza che domani è solo un’ipotesi.

Qualcuno dice “che senso ha programmare un qualcosa oltre l’oggi? Perché non lasciare che le cose avvengano senza il nostro intervento?”, ma questo laissez faire non è nello spirito “dell’agire senza agire”. Il non attaccamento ai risultati dimostra veramente il senso del distacco nel compiere le nostre azioni. Così quest’anno “programmiamo” un incontro bioregionale di ampio respiro.

La cosa è resa possibile dalla accoglienza e collaborazione del Circolo di Promozione Sociale Auser Treia, che promuove ed organizza un evento lungo una settimana. Ve lo racconto qui in breve…

 

 

Il 19 giugno 2021 giunge da Pescara il conoscitore di terre  e mastro costruttore in terra cruda, Ferdinando Renzetti, 

il quale inizierà una ricerca sul terreno in località Moje per accertarsi della buona qualità del suolo, al fine di costruire un forno in terra cruda sperimentale (che durerà alcuni giorni). 

Il 20 giugno giunge da Spilamberto la mia compagna Caterina Regazzi, assieme ad alcune amiche emiliane, che resteranno per tutta la durata dei festeggiamenti. 

Il 21 giugno, giorno astronomico del solstizio estivo, pensiamo di recarci in gita al piccolo borgo abbandonato di Elcito, e nella tranquillità e silenzio del luogo leggere alcuni brani del nuovo libro di Gloria Germani, Verità della Decrescita. 

Il  23 giugno a Moje inizia il contatto diretto  con la terra cruda. Inoltre  ricorre il mio compleanno, quest’anno festeggio per la 77a volta la mia presenza sulla Terra (se mi sarà concesso), magari una pizzata con alcuni amici intimi non ci starà male ed anche un canto serale. 

Il 24 giugno festeggiamo San Giovanni e il compleanno della mia sorella spirituale Gurumayi Chidvilasananda, ed anche in questo caso un canto serale non ci starà male. Il 25 giugno arrivano da varie parti d’Italia altri amici che resteranno a Treia durante gli ultimi giorni di festeggiamenti. 

Finalmente giungiamo al clou della manifestazione solstiziale. Il 26 giugno pomeriggio, ci troviamo in località Moje di Treia al 34, dove si svolge un programma molto nutrito. Alle 17 si comincia con il saluto del coordinatore regionale Marche dell’Auser, Antonio Marcucci, e la presentazione del Progetto Promozione Lettura a cura di Andrea Biondi.

La manifestazione continua con una Tavola Rotonda Letteraria Open Air, per presentare alcuni libri, a cui partecipano -in ordine alfabetico-: Maurizio Angeletti (Il Limite Cosciente), Marinella Correggia (Covid e le Saggezze Nascoste), Rossana De Paolis (Percorso Yoga e Fitness Yoga),  Dafne Perticarini (Il Sapore della Vittoria), Morena Oro (Il Sospiro di Medusa), Enrico Tassetti (L’Ultimo Canto).

Procediamo con uno spettacolino Kamishibai con narrazione di Chiara Teloni, poi Lucia Nardi annuncia una sua tecnica di scrittura creativa a cui segue l’inaugurazione del forno in terra cruda a cura di Ferdinando Renzetti. 

Dulcis in fundo il cantafavole Gianluca Lalli presenta “Le Favole al Telefono”, l’incontro si conclude con un picnic autogestito nel prato.

L’ultimo giorno dei festeggiamenti, il 27 giugno 2021, alle ore 10, appuntamento davanti alla sede di Auser Treia, in via Lanzi 20, per visionare in ordine sparso la piccola biblioteca.

Segue partenza per una esplorazione naturalistica e picnic autogestito sulle rive del fiume Potenza (in località Montecassiano) con narrazioni poetiche lungo il percorso (a cura di Marinella Correggia e Morena Oro).

L’intera manifestazione si tiene all’aperto nel rispetto delle normative anticovid.

Paolo D’Arpini – Presidente di Auser Treia e Coordinatore della Rete Bioregionale Italiana

Prenotazioni: auser.treia@gmail.com

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteNella terza giornata torna una delle classiche del baseball italian: San Marino-Grosseto
Articolo successivoLa vita è sogno di Lenz all’Abbazia di Valserena: il capolavoro barocco di Pedro Calderón de la Barca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui