Advertisement

Vaccini – Magrini, dir. Generale Aifa, a 24 Mattino su Radio 24: Verosimilmente si dovrà ripetere l’anno prossimo

Dovremo vaccinarci ogni anno, come per l’influenza? “Verosimilmente sì se le varianti daranno preoccupazione, sono in corso di sviluppo i vaccini di seconda generazione per il prossimo inverno, non una terza dose, ma vaccini attivi contro il virus”. Lo ha detto Nicola Magrini, direttore generale Aifa, a 24 Mattino su Radio 24.

Advertisement

 

Vaccini – Magrini, dir. Generale Aifa, a 24 Mattino su Radio 24: Seconda dose con altro siero? Attendiamo pubblicazione studi

“Di solito attendiamo la pubblicazione degli studi, ci pronunceremo nei prossimi giorni. La scelta di mantenere la seconda dose di AstraZeneca si basava sui dati e sul voler mantenere la fiducia anche su questo vaccino. Fare la seconda dose con un altro vaccino dà comunque una risposta anticorpale eccellente, come emerge da studi che quando abbiamo preso le precedenti decisioni non erano disponibili. Comunque cambiare la strategia dà sempre incertezza e titubanza”. Così Nicola Magrini, direttore generale Aifa, a 24 Mattino su Radio 24, a proposito della possibilità di ricevere la seconda dose con un altro vaccino.

 

Vaccini – Magrini, dir. Generale Aifa, a 24 Mattino su Radio 24: Anche in 12-15enni azzerano i contagi

I 12-15enni “in questo momento non sono la categoria prioritaria, ma anche in questa fascia d’età ci sono pazienti con fragilità. È un’ottima notizia vedere la risposta anticorpale. Anche i non fragili si dovrebbero vaccinare, con un vaccino che è sicuro anche per loro. Gli adolescenti sono robusti e sicuri anche di fronte a questo virus, ma il vaccino manda i contagi a zero e questo è importante. Lo devono fare anche per loro, non solo per non trasmetterlo ai grandi”. Lo afferma Nicola Magrini, direttore generale Aifa, a 24 Mattino su Radio 24. “I dati per i vaccini a mRna sono molto positivi e confortanti anche dal punto di vista della riduzione della circolazione virale, ma aggiungerei anche questo elemento di protezione individuale: vedere che anche in loro si passa a zero casi con il vaccino è un dato positivo, un ulteriore elemento di rassicurazione”, ha aggiunto Magrini a Radio 24.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedente5 Giugno – Giornata mondiale dell’Ambiente
Articolo successivoPer i giovani con patologie neuromuscolari nasce il progetto Express

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui