Advertisement

Al via la Ranking Series di Varsavia con Chamizo e Conyedo
Roma, 7 giugno 2021 – Tutto pronto per l’ultima Ranking Series di questo 2021, i Poland Open in programma a Varsavia da martedì 8 fino a domenica 13 giugno, con 365 atleti provenienti da 44 nazioni differenti. Ultima competizione i cui punti saranno valevoli per la classifica delle teste di serie per Tokyo, i Poland Open determineranno anche il ranking relativo ai Campionati del Mondo di Oslo di ottobre.

Per l’Italia parteciperanno i due alfieri olimpici, Frank Chamizo Marquez (-74 kg) e Abraham Conyedo Ruano (-97 kg). La manifestazione inizierà proprio con lo stile libero: Conyedo gareggerà martedì 8, mentre Chamizo mercoledì 9. In entrambe le giornate si comincerà alle 11:00 con le fasi eliminatorie e si concluderà con le finali dalle 18:00.

Advertisement

La delegazione italiana si completa con i coaches Carmelo Lumia, Enrique Valdes Ysasi e Juan Carlo Rodriguez Perdomo, con il medico Roberto Zanghi e con i delegati Aron Caneva e Lucio Caneva.

È possibile seguire la diretta streaming dell’evento dal sito della UWW.
Shihan Sermoneta regina a Ostia nella finale nazionale cadette

Finale nazionale cadetti, seconda giornata di gare e sui tatami nel PalaPellicone a Ostia si sono confrontate le categorie femminili. Al termine delle gare la premiazione delle società ha registrato il successo del Judo Shihan Sermoneta, accompagnato sul podio dall’Hydra Villabate al secondo posto e dal Banzai Cortina Roma al terzo.

“È stata una grande soddisfazione ritornare a gareggiare dopo più di un anno e ritrovarsi al primo posto nella classifica delle società –ha detto Bruno Pecoraro, tecnico dello Shihan Sermoneta- e con due ragazze al primo posto. Ed anche se ieri non è andata allo stesso modo siamo pienamente soddisfatti della ripresa e speriamo che si possa proseguire così. Ritornare a sedersi a bordo tatami è stata un’emozione da far venire la pelle d’oca ed è stato ovviamente ancora più bello dato che Sofia e Gaia hanno conquistato due medaglie d’oro”.

“È stata un’emozione grande vivere questa gara perché si sentiva, si avvertiva nell’aria la volontà di riprendere, di ritornare a stare insieme con gli altri -ha detto Andrea Regis, nella sua nuova veste di consigliere federale- cose che ci sono mancate tanto in questo lungo periodo. Voglia di combattere, di vincere, di primeggiare, ma con grande rispetto ed è questa la vittoria più importante di questi due giorni. È stata la prima volta che mi sono ritrovato a premiare i ragazzi ed è stato un motivo di orgoglio, ma l’emozione che ho provato è stata per loro -ha aggiunto Regis- perché mi è venuto spontaneo immedesimarmi con la loro emozione. Ma ho premiato anche due grandi società, ieri Akiyama Settimo e oggi Shihan Sermoneta, ed anche questa è stata una prima volta che ha un significato particolare per questo periodo, che speriamo di poter lasciare alle spalle in fretta”.

Classifiche Femminili

40: 1. Sofia Santillo (Shihan Sermoneta)

2. Alessia Mazzoleni (Judo Club Clusone)

44: 1. Rebecca Valeriani (Cus Parma)

2. Ginevra Revelli (Budo Semmon Gakko)

3. Aurora Platania (Dynamic Center Gravina)

3. Alessandra Dispenza (Hydra Soc.Coop.)

48: 1. Sofia Mazzola (Hydra Soc.Coop)

2. Asia Sassi (Judo Shiai)

3. Anna Iovino (New Crazy Fitness)

3. Ilaria Finestrone ((Judo Team Iacovazzi)

52: 1. Micaela Sciacovelli (A.S.D.Kanku Dai)

2. Gaia Massimetti (Fitness Club Nuova Florida)

3. Emma Stoppari (Ginnastica Triestina)

3. Michela Terranova (Ischia Judo)

57: 1. Gaia Stella (Judo Shihan Sermoneta)

2. Angelica Demattè (A.S.D. Judo San)

3. Savita Russo (Koizumi Scicli)

3. Marina Foltran (Judo Tamai)

63: 1. Sara Corbo (Banzai Cortina Roma)

2. Chiara Castiello (Accademia Arti marziali Lamezia)

3. Giulia Rossolato (Pol. Montereale)

3. Simona Cirulli (Team Guerrazzi)

70: 1. Eleonora Giusti (Judo Hidenobu Yano)

2. Aurora Mengia (Centro Scuole Judo)

3. Sara Millauro (Titania Judo Club)

3. Serena Ondei (Judo Bergamo)

+70: 1. Morgana De Paoli (Pol. Riccione)

2. Lucia Magli (San Mamolo Judo)

3. Angelica Zanesco (Pro Patria Judo)

3. Giulia Telesca (Europaradise)

Società: 1. Judo Shihan Sermoneta, 20; 2. Hydra Soc. Coop. Villabate, 20; 3. Banzai Cortina Roma, 18

-> RISULTATI FEMMINILI COMPLETI
Budapest day 1 e Francesca Milani conquista il pass per Tokyo

Francesca Milani è qualificata per le Olimpiadi a Tokyo. È questo il primo riscontro importante riportato dalla squadra azzurra ai campionati mondiali iniziati oggi a Budapest. Nella prima delle otto giornate di gare sono salite sui tatami della Laszlo Papp Sports Arena gli atleti delle categorie più leggere, 60 maschili e 48 femminili, e per l’Italia hanno gareggiato nei 48 kg Francesca Milani, che ha ottenuto due vittorie su Senturk (Tur), Bedioui (Tun) ed è stata sconfitta da Wakana Koga (Jpn), poi argento, ecFrancesca Giorda, che è stata sconfitta dalla cilena Vargas Ley.

“Sono molto soddisfatta di tutto il percorso fatto negli ultimi mesi, dei risultati ottenuti e quindi di aver ottenuto il pass per Tokyo. -ha detto Francesca Milani- Se ripenso ai mesi scorsi non mi sarei mai aspettata tutto questo, non perché non credessi in me ma perché le possibilità erano ridotte e non c’era modo di sbagliare e tutto quello che avrei dovuto fare doveva essere fatto o bene o bene! Detto questo devo anche ringraziare chi ha creduto in me, permettendomi di partecipare ai Grand Slam fatti, senza questa possibilità adesso staremo parlando di altro. Oggi ho sentito un po’ di stanchezza fisica dovuta a tutto il percorso fatto fino ad ora e quindi sono consapevole degli errori commessi per distrazione e forse poca concentrazione! Adesso, come prima, l’unico obiettivo è l’Olimpiade, e darò tutta me stessa per concludere in bellezza questo quadriennio. Grazie a tutti quelli che ogni giorno mi sostengono e credono in me dandomi una forza pazzesca e niente…. ci vediamo a TOKYO!”.

“È stata una gara molto complicata a livello mentale per Francy Giorda -è stato invece il commento di Francesco Bruyere, che oggi ha seguito la gara di Francesca Giorda- il peso di dover arrivare in finale per sorpassare la sua compagna di squadra e ottenere il pass olimpico non l’ha sicuramente aiutata. Per quanto riguarda l’incontro era ovviamente alla sua portata, ma la cilena è stata brava a metterla sulla confusione e Francy non è riuscita ha trovare la chiave per chiudere a suo favore. Detto questo, Francesca ha avuto in questi anni grandissimi problemi alla schiena che è riuscita a tamponare grazie ad una grande costanza e professionalità nel lavoro, ha fatto un enorme salto di qualità ed essere qui oggi tra le qualificate olimpiche a giocarsi un pass è davvero qualcosa di eccezionale. Brava davvero e grazie”.

A seguire la gara di Francesca Milani invece, è stato coach Dario Romano, che l’ha commentata così: “Francesca è arrivata provata dalle numerose competizioni che ha dovuto affrontare in breve tempo ed era già da un po’ di giorni che lamentava affaticamento. Abbiamo anche adeguato il lavoro in corso per metterla in una condizione ottimale, ma nonostante oggi abbia dato tutta sé stessa, non è bastato. Sicuramente in questi ultimi mesi ha preso coscienza che a Tokyo potrà giocarcela con tutte indistintamente e sono certo che ci farà divertire. Grande rispetto merita il percorso di Francesca Giorda per la tenacia il coraggio e la lealtà con la quale si è battuta in questi mesi!”.

Si è conclusa dunque con un applauso unanime per le due Francesca dei 48 kg la prima giornata di questi campionati del mondo, ma anche con l’abbraccio fra le due atlete che è stato “catturato” dall’attenzione e dalla sensibilità di Odette Giuffrida, che a Budapest è presente per osservare i 52 kg, ma anche per supportare la squadra. “Sono speciali queste due ragazze -ha detto Odette spiegando perché ha scattato due foto- e per me questo gesto vale più di qualsiasi cosa. Finita la gara -ha spiegato Odette- stavo andando a pranzare assieme a Francesca Giorda e, ad un tratto, non la trovo più. Mi sono girata e stava abbracciando Francesca Milani. Non ho resistito e ho scattato una foto. Quando l’ho vista, con le lacrime agli occhi, mi ha detto: Ovviamente sto male perché non parto, ma comunque sono felice che dall’altra parte ci sia una persona come lei. Per me questo dice tutto e vale molto di più di ogni medaglia”. Lunedì a Budapest sarà il day 2 per questi campionati mondiali che attendono gli atleti dei 66 kg con Manuel Lombardo che parte da testa di serie numero 1 e le atlete dei 52 kg, con Odette Giuffrida che, viceversa, la gara se la guarda e se la studia dalla sua posizione privilegiata di numero 4 al mondo.

Classifiche prima giornata

48: 1. Natsumi Tsunoda (Jpn), 2. Wakana Koga (Jpn), 3. Julia Figueroa (Esp) e Urantsetseg Munkhbat (Mgl)

60: 1. Yago Abuladze (RJF), 2. Gusman Kyrgyzbayev (Kaz), 3. Francisco Garrigos (Esp) e Karamat Huseynov (Aze)

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteDiventare bioregionalisti non basta… se si continua a mangiare “veleno”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui