Advertisement

Quarta giornata dei campionati del mondo di judo a Budapest ed all’Italia sono stati consegnati altri due pass per Tokyo.

Dopo quelli ottenuti da Francesca Milani (48), Odette Giuffrida (52), Manuel Lombardo (66), Fabio Basile (73) nelle prime tre giornate, sono stati aggiunti oggi i pass di “promozione diretta” a Maria Centracchio (63) e Christian Parlati (81).

Advertisement

Quella particolare alchimia che regolamenta le classifiche per la qualificazione olimpica ha tenuto in sospeso Maria Centracchio fino alla definizione delle semifinali. Dopo la sconfitta patita dalla forte serba Anja Obradovic, l’azzurra è rimasta in attesa del risultato di chi la seguiva in classifica ed avrebbe potuto scavalcarla, spingendola così fuori dalla zona qualificazione.

Una dopo l’altra, come i petali di una margherita, queste ‘avversarie indirette’ sono cadute lasciando così a Maria Centracchio la gioia e la soddisfazione dell’accesso alle Olimpiadi.

“Mi è dispiaciuto molto per la gara -ha detto Maria Centracchio- anche perché a mio avviso l’arbitraggio non è stato limpidissimo. Oggi però, anche se è iniziata male, sono riuscita a sigillare la mia posizione per Tokyo e sono felicissima. Ho lavorato tanto per arrivare a questo punto, ho superato tanti ostacoli e davvero non vedo l’ora di combattere alle Olimpiadi”.

Si è fermata presto anche la gara di Antonio Esposito che, negli 81 kg, cercava soprattutto una prova d’orgoglio, utile a migliorare quel suo notevolissimo trentesimo posto, ma utile anche al gioco di squadra per Christian Parlati.

“È stato un lungo percorso finito così così -ha commentato Antonio Esposito al termine dell’incontro perso con l’ucraino Manukian- ora mi opero la spalla e mi ricarico mentalmente, poi torno”.

Al blocco delle finali degli 81 kg sono arrivati sostanzialmente i più forti e per Christian Parlati, attualmente undicesimo, il poco che potrebbe cambiare in classifica non è in grado di togliergli il pass per Tokyo.

Giovedì è la quinta giornata e l’Italia gioca due carte importanti. Non solo per la qualificazione individuale, che per Alice Bellandi (70) e Nicholas Mungai (90) è legata ad un risultato positivo, ma anche per la possibilità di qualificare l’Italia al torneo a squadre ‘mixed-teams’.

Classifiche 4^ giornata

-63 kg

1. Clarisse Agbegnenou (Fra)

2. Andreja Leski (Slo)

3. Anja Obradovic (Srb)

3. Sanne Vermeer (Ned)

-81 kg

1. Matthias Casse (Bel)

2. Tato Grigalashvili (Geo)

3. Frank De Wit (Ned)

3. Anri Egutidze (Por)
Al via il Torneo di Qualificazione Olimpica di Parigi, in diretta su Sky Sport, e la Coppa Italia U16
Roma, 9 giugno 2021 – È tutto pronto per il Torneo di Qualificazione Olimpica in programma a Parigi da venerdì 11 a domenica 13 giugno allo stadio De Coubertin. È l’ultima chance sul campo per i karateka di tutto il mondo per strappare un pass olimpico e realizzare il sogno della prima partecipazione in assoluto del karate ai Giochi Olimpici.

Sono già quattro gli azzurri qualificati, Viviana Bottaro, Mattia Busato, Luigi Busà e Angelo Crescenzo, e il sogno è arrivare a Tokyo con la squadra al completo. Mancano quattro categorie di peso del kumite, i -55, -61 e + 61 femminili e i +75 maschili. La nazionale italiana ha convocato Sara Cardin, Laura Pasqua, Silvia Semeraro e Michele Martina. Saranno loro gli azzurri che tenteranno di aggregarsi, in quest’ultima occasione, al team olimpico.

In totale saranno 500 karateka, provenienti da 98 Paesi differenti, a sfidarsi sui tatami del De Coubertin e tentare di strappare uno dei 24 pass a disposizione, 3 per ognuna delle otto categorie olimpiche tra kata e kumite.

Il torneo avrà, in ogni giornata, una fase eliminatoria la mattina che determinerà i migliori 4 atleti delle varie categorie, i quali, nel pomeriggio, si sfideranno in un Round Robin e soltanto i primi 3 conquisteranno il sogno olimpico.

Per quanto riguarda l’Italia, l’esordio sarà sulle spalle di Sara Cardin, che combatterà nei -55 kg venerdì, sabato vedremo invece Laura Pasqua nei -61 kg e domenica Michele Martina nei +75 kg e Silvia Semeraro nei +61 kg.

A completare la delegazione federale ci saranno i tecnici Vincenzo Figuccio, Claudio Guazzaroni, Salvatore Loria e Cristian Bruno Verrecchia; il personale sanitario composto da Angelo Angi e Fabio Fanton; gli arbitri Alessio Giraldi, Giuseppe Notarianni e Giuseppe Zaccaro, del quale è recente l’ufficializzazione della sua convocazione a Tokyo 2020.

C’è molto entusiasmo, la squadra nazionale è ripartita molto bene in questo 2021 conquistando ottimi risultati alle Premier League, specialmente in quella di Istanbul, e agli Europei di fine maggio. La preparazione, d’altro canto, era mirata a questo evento, almeno per gli azzurri ancora in cerca della qualificazione a cinque cerchi, e ci auguriamo, dunque, che possano dare il meglio in questo difficile torneo parigino.

Il Torneo di Qualificazione Olimpica di Parigi sarà trasmesso da Sky Sport con il commento di Chiara Soldi: venerdì 11 e sabato 12 in differita su Sky Sport Arena alle 22:00; domenica 13 in diretta su Sky Sport Collection alle 17:00. Inoltre, è possibile seguire la diretta streaming di tutte le giornate sul Canale YouTube della WKF.

Ma il karate azzurro del fine settimana non finisce qui. Al Palazzetto Fijlkam, infatti, andrà in scena la Coppa Italia di Kumite Under 16. 336 giovani atleti, nelle 8 categorie di peso tra maschile e femminile, si sfideranno sabato 12 e domenica 13 giugno sui tatami di Ostia per conquistare il titolo nazionale.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedente97° anniversario della morte di Giacomo Matteotti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui