Advertisement

 L’ultimo tentativo, sventato, in piazza Medaglie d’Oro

 

Advertisement

            “ Con l’arrivo della bella stagione e con la gran voglia di uscire di casa, dopo il lungo periodo di confinamento determinato dalla pandemia   – esordisce Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della circoscrizione Vomero – si moltiplicano, specialmente sui social network, gli allarmi per la presenza in molte zone di Napoli, e segnatamente nell’area collinare che comprende i quartieri del Vomero e dell’Arenella, di ladri dediti al furto negli appartamenti, approfittando della temporanea assenza degli occupanti e, come testimoniano anche alcuni episodi registratisi in un recente passato, nonostante la presenza di questi ultimi in casa, specialmente di persone anziane “.

 

            ” L’ultimo episodio, riportato dalle cronache, è di questi giorni –  continua Capodanno – Si è verificato nella centralissima piazza Medaglie d’oro, nel quartiere Arenella, dove una giovane ladra, approfittando della temporanea assenza degli occupanti, stava tentando di forzare una porta d’ingresso. Solo il pronto intervento di una pattuglia della Polizia di Stato, allertata telefonicamente da un cittadino, ha evitato che l’azione criminosa venisse portata a compimento, con l’arresto della giovane, di origine serba “.

 

            “ Cresce dunque la preoccupazione per un fenomeno che negli ultimi anni a Napoli e provincia sembra aver subito una notevole impennata, presumibilmente anche per la presenza di bande specializzate, ritenute molto abili  – sottolinea Capodanno -. Peraltro, nonostante l’impegno riconosciuto delle forze dell’ordine, il problema è ancora molto lontano dalla soluzione definitiva. Purtroppo i tentativi di furto negli appartamenti sono agevolati dal fatto che diversi  fabbricati sono privi di portierato, consentendo ai ladri di operare in piena tranquillità in ogni ora del giorno oltre che di notte “.

 

“ Molti oramai dormono sonni poco tranquilli da quando si sono diffuse notizie circa la possibilità, con particolari attrezzature, di aprire la porta di casa dall’esterno, anche laddove si lasciano le chiavi inserite nella toppa – prosegue Capodanno -. Diverse persone hanno pensato di correre ai ripari, avvalendosi dell’opera di un fabbro per inserire chiavistelli e lucchetti. Ma, si sa, i ladri ne sanno una più del diavolo ed escogitano sempre sistemi più innovativi per penetrare nelle abitazioni e mettere a segno i loro colpi. Insomma si vive sovente nell’angoscia e nella paura di trovarsi faccia a faccia con i ladri in casa “.

 

            “ Oltre agli appelli alla collaborazione  dei cittadini, che non possono certo fare i turni in casa per scoraggiare i malintenzionati –  puntualizza Capodanno -, è necessario che i vertici delle forze dell’ordine dispongano, specialmente nel periodo estivo, quando le famiglie si allontanano dalla propria abitazione per un periodo di meritate vacanze, l’intensificazione dell’attività preventiva e repressiva, attraverso un’azione coordinata e costante.

            ” Al riguardo – conclude Capodanno – è auspicabile che il prefetto di Napoli convochi un’apposita riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, con l’obiettivo di predisporre tutti gli interventi urgenti atti a debellare un fenomeno, che sta subendo un’impennata preoccupante, in particolare nell’ambito della municipalità collinare, che comprende i quartieri del Vomero e dell’Arenella, dove risiedono circa 120mila napoletani “.

 

Advertisement
Articolo precedenteNissoli (Forza Italia – Ripartizione Nord e Centro America): Congratulazioni al Neo Commendatore Quintino Cianfaglione
Articolo successivoISRAEL: WHICH IMPLICATIONS FOR THE POST-NETANYAHU ERA?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui