Advertisement

Pietro Gandetto torna a incantare il suo pubblico, con il nuovo singolo estivo “IN UN ISTANTE”, un pezzo fresco e orecchiabile che invita a partire per nuove mete ed esperienze.

Ascolta su Spotify e su youtube

Advertisement

Dopo il successo ottenuto con Lisbona, il 25 giugno Pietro Gandetto ha pubblicato un nuovo singolo, In un istante.

Per la seconda estate, il cantante dimostra la sua versatilità interpretativa inserendosi a pieno titolo fra il novero dei tormentoni estivi, con un pezzo fresco e orecchiabile che fa venire voglia di ballare.

In un istante, scritto dallo stesso Gandetto con Antonio Condello (anche arrangiatore del brano), è un invito a partire e uscire dalla propria comfort zone alla ricerca di una spensierata evasione. Un viaggio inteso non come semplice vacanza, ma come esperienza di vita.

Un brano che invita a spogliarsi di tutto e a eliminare il superfluo, “butto le cose che non metto, le tue menate non le accetto”.  Testo, visionario, che sottolinea l’importanza di avere “una passione” e lasciarsi andare “al proprio destino” senza menefreghismo, con la leggerezza di chi plana sulle cose dall’alto.  Ritornello killer che, nella sua semplicità, entra in testa e non ci esce più.  Ingredienti perfetti per un brano di successo che, uniti alla profondità e al leggero graffio della voce di Pietro Gandetto, creano un unicum nel panorama cantautorale italiano.

In un istante è il quinto singolo di Pietro Gandetto, un autore e interprete capace di attraversare generi musicali differenti senza mai rinunciare a un’identità cantautorale unica, frutto di ricchissime esperienze musicali. Tra ritmo, sottili allusioni e spessore interpretativo, In un istante traghetta l’ascoltatore in un’atmosfera sospesa, quella estiva, che ogni anno si ripete e che solo la musica di autori come Pietro Gandetto sanno davvero esprimere.

Di seguito, il testo di IN UN ISTANTE

 

 

In un istante

A volte mi alzo senza avere pensieri

Cancello subito tutti i vocali

Mi lascio andare al mio destino

Con un bicchiere di vino

A mezzogiorno faccio colazione

Non mi interessa aver ragione

Che la ragione non sempre serve

Serve avere una passione

 

Butto le cose che non metto

Le tue menate non le accetto

Avrei soltanto voglia di un bel viaggio

Ma senza volo dove trovo un passaggio

 

Partiremo in un istante

Partiremo a luci spente

Torneremo forse quando stanchi

Ora è meglio che ti fai avanti

Senti

Ci ameremo a luci spente

Non saremo mai dei santi

Resteremo sempre buoni amanti

Chi lo sa

 

Non mi ricordo che giorno era ieri

E non so bene che faro’ domani

Sopravvissuto anche ad uno tsunami

In una spiaggia di bali

Prendi due cose nel cassetto

Non fare tardi non ti aspetto

Avrei soltanto voglia di un bel viaggio

Mi sono fatto un altro tatuaggio

 

Partiremo in un istante

Partiremo a luci spente

Torneremo forse quando stanchi

Ora è meglio che ti fai avanti

Senti

Ci ameremo a luci spente

Non saremo mai dei santi

Resteremo sempre

Buoni amanti

Chi lo sa

Chi lo sa

Chi lo sa

Chi lo sa

 

L’estate non mente

Non mi interessa quel che dice la gente

Domani partiro’

 

Partiremo in un istante

Partiremo a luci spente

 

 

Partiremo in un istante

Partiremo a luci spente

Torneremo forse quando stanchi

Ora è meglio che ti fai avanti

 

 

Biografia.
Pietro Gandetto nasce ad Alessandria e si avvicina alla musica sin da piccolo. A sei anni inizia a studiare pianoforte e, successivamente, si dedica al canto. Nel corso degli anni collabora con svariati enti teatrali, esibendosi regolarmente in Italia e all’estero. Partecipa a diversi concorsi e manifestazioni nazionali, come il Tour Music Fest, per arrivare al debutto televisivo nel 2018, quando partecipa al Talent Show di Rai 2 “The Voice of Italy”, ottenendo ottimi riscontri da parte di giudici e pubblico. Le sue opere sono il frutto di dedizione, passione e di una continua crescita personale ed artistica che l’ha portato a collaborare con brillanti professionisti della musica italiana. L’anima del suo progetto artistico consiste nella fusione di sonorità e generi musicali differenti, con un linguaggio raffinato, ma al tempo stesso decisamente urban. Nel 2018 pubblica, in qualità di autore, la sua prima raccolta di poesie, “Nuvole sgangherate” (Booksprint Edizioni).  Attualmente Pietro vive a Milano, città che l’ha adottato nel 2008 ed in cui esercita, parallelamente alla professione artistica, quella di avvocato.

Instagram – Facebook.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteIn Romagna la chiamano “la truveda”, Berlusconi dice che il centrodestra unito “Può chiamarsi Cdu”
Articolo successivo“DAMMI UN MOTIVO”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui