Advertisement

La guerra tra Sky, Tim e Dazn per il calcio in tv si celebra sulla pelle degli utenti

Lo scontro sui diritti della Serie A fra Sky da un lato e DAZN-Tim, dall’altro, è ormai una guerra senza quartiere: a farne le spese saranno gli utenti del calcio?Tim segnala Sky all’Autorità Antitrust per pubblicità ingannevole e l’emittente satellitare fa altrettanto con una denuncia ancor più pesante contro l’esclusiva, con il sostegno di altri player come WindTre, Open Fiber e Vodafone.

E sul ring finiscono le stesse tecnologie: streaming contro satellite: secondo Tim, un passaggio (dal satellite allo streaming)  che “permette di fare un salto in avanti non solo per quanto riguarda il mercato dei diritti televisivi, ma anche dal punto di vista dell’innovazione tecnologica e della digitalizzazione del Paese”.

Advertisement

Ma parlare di “contributo importante alla digitalizzazione del Paese”, mi sembra eccessivo: gli utenti ricordano ancora le partite di cartello oscurate su Dazn dai problemi di tenuta dell’app.

Nel video spiego cosa c’è all’origine di questa guerra commerciale e avanzo qualche preoccupazione sulla qualità del servizio. Ma soprattutto vi spiego perché detesto lo slogan “Fiber to the football”: siamo sicuri che faccia bene alla fibra e al percorso verso una migliore connettività nelle aree periferiche del paese?

Se avete bisogno di fare un reclamo potete contattare gli esperti dell’Unione Nazionale Consumatori ai nostri sportelli!

 

blank

GUARDA IL VIDEO DI MASSIMILIANO DONA “LA GUERRA TRA SKY, TIM E DAZN PER IL CALCIO IN TV SI CELEBRA SULLA PELLE DEGLI UTENTI”

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteUna piattaforma e learning unica per la formazione, al via progetto pilota ideato da Fòrema
Articolo successivoLGBTQ+: come essere se stessi superando il disagio legato all’identità di genere e all’orientamento sessuale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui