Advertisement

Quella di semifinale contro la Spagna è stata una partita mai scontata, carica di tensione e gestita da Francesco Aluffi al solito modo: ovvero con sapienza e fiducia nel gruppo azzurro. La nazionale italiana di baseball U-18 si mantiene perfetta, batte la Spagna 7-5 ed in un colpo solo ottiene due obiettivi: l’accesso alla finale dell’Europeo (domenica 11 luglio alle ore 17 contro il Regno dei Paesi Bassi, diretta su FIBSTV.com) e la qualificazione alla Coppa del Mondo WBSC. Così Francesco Aluffi intervistato da Kevin Senatore di FIBSTV.com: “È una gioia indescrivibile. Quella con la Spagna era una partita difficile, loro sono una squadra molto aggressiva e che presentava un ottimo partente (Junior Bonilla) sul monte ed un rilievo (Jorge Mairal) che ci ha messo in difficoltà con lo slider, cambiando ritmo”, confida il manager azzurro: “Il lineup è rimasto abbastanza compatto e siamo riusciti a giocare bene in difesa”. “Abbiamo cambiato molti lanciatori e dato quasi fondo a tutto il lineup, ma questo era necessario per riuscire a portare a casa questo risultato. È una emozione incredibile”. Sul momento decisivo della partita, ovvero il cambio di lanciatore avversario (Diego Jimenez per Mairal) e la strategia che ha portato al vantaggio azzurro: “Sono quelle quattro o cinque giocate che fai in un torneo e alleni diverse volte. Era un safety squeeze, una giocata che abbiamo provato diverse volte e che presenta un poco margine di rischio se il battitore riesce a fare un buon bunt. A noi serviva un punto ed il punto è arrivato”. L’Italia è ora attesa dalla finale con il Regno dei Paesi Bassi, già affrontato (e battuto) mercoledì 7 luglio (qui l’articolo): “Dovremo fare la nostra partita così come abbiamo fatto mercoledì. Abbiamo a disposizione ancora due lanciatori che non abbiamo usato, quindi daremo fondo a tutto il bullpen. Inoltre abbiamo alcuni giocatori di posizione che possono essere efficaci anche sul monte. Così come abbiamo fatto oggi daremo tutto quello che abbiamo, e lo faremo fino in fondo”.

 

Advertisement

Tra i protagonisti della partita di semifinale contro la Spagna anche Alessandro Ercolani, che una giornata simile l’ha già vissuta, due anni fa, a Nettuno con Italia U-15. In quella occasione Ercolani lanciò 6 riprese contro il Regno dei Paesi Bassi, risultando il lanciatore vincente della semifinale: “Questa contro la Spagna è stata una vittoria che ci ha dato grandi emozioni perché è stata difficile”, racconta il lanciatore azzurro attualmente nell’organizzazione dei Pittsburgh Pirates. “La partita l’abbiamo giocata davvero bene e questa vittoria ci regala emozioni uniche, per me simili a quelle di due anni fa [vittoria in semifinale U-15 contro il Regno dei Paesi Bassi]. Vederla da fuori dal campo è stata molto dura, sono stati momenti pieni d’ansia e di grande gioia”. Sul gruppo squadra: “Siamo una grande squadra sul campo e non solo, questo perché siamo un gruppo unito. È questa la nostra forza”.

 

ARTICOLO COMPLETO

 

Foto: Alessandro Ercolani con il ricevitore Francesco Segreto (63). Credit: Lynx Productions

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteFEDERAZIONE ITALIANA TIRO CON L’ARCO World Ranking Tournament – Torneo di Qualificazione Paralimpica Nove Mesto (Cze), 6-10 luglio 2021
Articolo successivoCamec Collecchio a fatica sul Cagliari; San Marino e Nettuno allungano nel girone B

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui