Advertisement

PARTE A OTTOBRE NUOVO CORSO. OLDANI: RIVOLTO ANCHE A EDUCATORI E GENITORI

‘Roma, 21 lug. – “Procedere a una riflessione seria e composita su chi sono e come vivono i giovani, quali sono gli elementi di novità e le contraddizioni che si agitano dentro di loro”. È l’obiettivo principale del ‘Corso età evolutiva. Essere bambini e adolescenti oggi’, realizzato dalla scuola L.I.S.T.A. (Libera Scuola di Terapia Analitica) di Milano in collaborazione con l’Istituto di Ortofonologia (IdO). A spiegarlo è Michele Oldani, psicanalista junghiano, docente della scuola Li.S.T.A e responsabile del corso insieme a Magda Di Renzo, che dirige il servizio Terapie dell’IdO.

Advertisement

 

La necessità di una riflessione approfondita sui giovani nasce dalla constatazione che, chiarisce Oldani, “sono il paradigma di un cambiamento in atto. Attraverso loro vediamo come sarà il mondo tra un po’. Per portare avanti questa riflessione- chiarisce lo psicologo- nel corso partiamo da chi è il bambino e chi è l’adolescente, per poi immettere elementi di variazione, cioè gli aspetti dello sviluppo ‘normale’ e quelli problematici e successivamente notare le trasformazioni. Un secondo obiettivo- aggiunge- è aiutare i ragazzi a sviluppare le parti progressive del loro essere e a tamponare le problematiche connesse”. Il corso, il cui primo anno prenderà il via a metà ottobre e proseguirà fino a metà giugno del 2022, si terrà in modalità telematica ed è rivolto “a tutti gli operatori professionali che lavorano con i giovani a diverso titolo, senza escludere ad esempio i genitori e quanti sono coinvolti nel percorso educativo dei ragazzi”, chiarisce Oldani.

Cosa possono trovare di utile i genitori che scelgono di seguire una o più lezioni del corso? “I genitori, almeno alcuni di essi- illustra Oldani- cercano di entrare nelle competenze psicologiche dello sviluppo e forse, per questo, il corso cercherà di avere anche un doppio linguaggio: rivolto ai professionisti del settore, ma con delle semplificazioni che permettano a un genitore di avere un quadro un po’ più definito delle tematiche emotive e relazionali che fanno parte dello sviluppo dei loro figli”.”Il valore aggiunto- tiene a sottolineare il responsabile del corso- è la possibilità di approfondire, sia attraverso la riflessione dei relatori che attraverso domande e dibattito, tematiche che fanno parte della cura e della pedagogia ma anche della vita quotidiana, per saperne di più, per capire cosa avviene. Se, ad esempio, si riuscisse a comprendere meglio quale e quanta differenza c’è tra la percezione del mondo esterno dei genitori e quella dei figli, sarebbe più semplice anche entrare nelle questioni relative ai limiti, alle costrizioni o alle aperture che si danno”. Lo psicanalista junghiano pone quindi l’accento sul fatto che “sebbene questi figli siano come noi li abbiamo voluti, oltre che il risultato degli insegnamenti della società e della cultura, li vediamo spesso come dei marziani e siamo spaventati da quello che sono. Ad esempio, i ragazzi hanno una relazione diversa con il potere e l’autorità e non sono sottomessi come un tempo. Il mondo deve quindi comprendere cosa sta succedendo, rivedere i principi dell’autorità e della trasmissione della cultura e delle regole- aggiunge- per capire che i ragazzi parlano un linguaggio differente”.

Da cosa nasce l’esigenza dei genitori di comprendere i proprio figli oggi molto più che un tempo? “Questa esigenza- spiega Oldani- è l’espressione del desiderio dei genitori di valorizzare le sensibilità dei figli, andando loro incontro, permettendo che le sensibilità vengano a galla. Un tempo invece il percorso di crescita prevedeva che i ragazzi si adattassero e apprendessero ciò che la società proponeva. Oggi l’adolescente è un soggetto a cui è permesso di far emergere capacità e desideri autonomi e di esprimere la propria creatività. È un’opportunità importante per i giovani- constata lo psicologo- ma anche molto responsabilizzante, perché è più facile seguire una strada che inventarsene una. Sono generazioni esposte a una pressione individuativa molto alta”, conclude.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteAlberto Timossi – SEGNACOLIper | Inaugurazione primo trittico 24 luglio 2021 | Casa dei Mosaici – Mozia (TP)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui