Advertisement

Tokyo 2020: Italia ottava nella Mixed Relay. Alla Gran Bretagna il primo oro olimpico della staffetta

 

Emozioni azzurre nella prova conclusiva del programma del triathlon di Tokyo 2020, la staffetta mista. Il quartetto italiano composto da Verena Steinhauser (Fiamme Oro), Gianluca Pozzatti (707), Alice Betto (Fiamme Oro) e Delian Stateff (Fiamme Azzurre) centra un preziosissimo ottavo posto nella Mixed Relay, specialità che per la prima volta ha assegnato medaglie ai Giochi, che vale il diploma olimpico per l’Italia.

Advertisement

Medaglia d’oro alla Gran Bretagna (Jessica Learmonth, Jonathan Brownlee, Georgia Taylor-Brown, Alex Yee), argento agli Stati Uniti (Katie Zaferes, Kevin McDowell, Taylor Knibb, Morgan Pearson) e bronzo alla Francia (Leonie Periault, Dorian Coninx, Cassandre Beaugrand, Vincent Luis).

 

LE DICHIARAZIONI

Verena Steinhauser: “Sono contentissima della gara, abbiamo fatto un bellissimo gioco di squadra. Quattro debuttanti all’Olimpiade in occasione della prima della Mixed Relay ai Giochi: l’ottavo posto che abbiamo conquistato per l’Italia non può che lasciarci soddisfatti”.

Gianluca Pozzatti: “Un ottavo posto che ci lascia soddisfatti, era ciò a cui ambivamo e siamo contenti di aver disputato tutti una buona prova. Per quanto mi riguarda, ho spinto in acqua, volevo subito chiudere su Coninx, in bici siamo andati bene in tre (Italia, Belgio e Francia), ma di corsa ho fatto fatica. Ho preso un po’ di distacco, peccato per aver dato il cambio ad Alice indietro”.

Alice Betto: “Abbiamo centrato l’obiettivo ossia entrare tra le prime otto squadra al mondo nella prima staffetta olimpica. Siamo davvero felici di avercela fatta, stringendo i denti e dando il massimo. Non era facile, ma questo sicuramente ci dà motivazione per fare ancora meglio. E da qui si riparte”.

Delian Stateff: “Penso che abbiamo fatto il risultato migliore che potevamo, con la gara delineata sin da subito con quattro squadre davanti. Abbiamo combattuto con tutte le nostre forze, devo fare i complimenti a Verena, Gianluca e Alice per le loro frazioni. Ho pagato lo sforzo che ho compiuto nel nuoto per chiudere sulla Svizzera, ma sono riuscito poi a tenere bene e a difendere l’ottava piazza che vuol dire tanto per noi e per il nostro movimento: dobbiamo essere orgogliosi di ciò che abbiamo fatto”.

Riccardo Giubilei, presidente della Federazione Italiana Triathlon: “La Mixed Relay non ha tradito le aspettative: una gara avvincente, velocissima, coinvolgente. Dopo il diploma olimpico nell’individuale femminile, l’Italia ottiene questo prestigioso ottavo posto nella prima edizione della Mixed Relay ai Giochi, che ci proietta tra le migliori nazioni al mondo. Comincia un lavoro molto importante di riconnessione e in prospettiva futura: questa è la fotografia attuale del triathlon italiano, quello che saremo lo valuteremo da qui al 2024. Da parte mia, un ringraziamento ai ragazzi che hanno messo cuore e coraggio nelle gare individuali, agli staffettisti Verena Steinhauser, Gianluca Pozzatti, Alice Betto e Delian Stateff, ad Angelica Olmo, disponibile ad essere schierata in staffetta in caso di necessità, e ad Alessandro Fabian, che ci ha accompagnati in questa avventura dando la disponibilità ad essere la riserva dell’Italia che è scesa in campo. Grazie ad Alessandro Bottoni, Simone Mantolini e Fabio Rastelli che hanno supportato la delegazione qui a Tokyo e alle migliaia di appassionati di triathlon che hanno seguito la nostra Nazionale, dimostrando attaccamento alla Squadra Italia. In questi mesi abbiamo lavorato sullo spirito di squadra per avviare un percorso lungo ed entusiasmante: la prima bracciata è stata data nelle calde acque di Tokyo e l’ultimo passo di corsa sarà sul traguardo di Parigi 2024”.

Alessandro Bottoni, Direttore Tecnico: “Ci presentavamo qui come decima squadra sulla carta come ranking, c’erano inoltre altre nazionali temibili come la Spagna, che per la prima volta schierava tutti i migliori, e l’Olanda, che ha puntato solo sulla staffetta. Siamo arrivati ottavi: un buon risultato che ci consente di essere soddisfatti e chiudere con un buon piazzamento i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Abbiamo messo dietro nazioni decisamente competitive come Australia, Nuova Zelanda e Spagna. Per metà gara siamo stati anche agganciati alla quinta-sesta posizione: devo dire che i ragazzi sono stati davvero bravi a dare tutto quello che avevano oggi per cogliere ogni possibile occasione”.

 

LA CRONACA
16 le formazioni al via con ciascun frazionista impegnato sulle distanze di 300 metri di nuoto (giro unico), 6,8 km di ciclismo (due giri) e 2 km di corsa (due giri). Nelle prime fasi, si forma un quartetto in testa con Gran Bretagna, Usa, Paesi Bassi e Germania, ad inseguire un gruppo di 10 in cui è presente l’Italia con Steinhauser. Si arriva al primo passaggio di testimone con gli azzurri al 7° posto. Parte Pozzatti. Con i quattro team sempre al comando, l’azzurro prova a piazzare il break assieme a Belgio e Francia, ma Svizzera e Giappone non cedono. A metà gara, l’Italia è settima.
Nella terza frazione, davanti c’è la Gran Bretagna, Usa e la rientrante Francia a 25 secondi, poi Belgio e Paesi Bassi e, a poco meno di un minuto, l’Italia con la Betto che procede in solitaria. È un momento decisivo per la gara, con Alice che tiene duro seppur sia scavalcata dalla Svizzera che schiera la Spirig e cambia in ottava posizione.
Nell’avvio della quarta frazione, ancora Gran Bretagna davanti, Francia e Usa ad inseguire, Germania, Belgio e Paesi Bassi a 1 minuto, poi Svizzera e Italia. In bici Luis prova la fuga dopo essere rientrato sulla testa, ma Yee e Pearson rimangono agganciati. Nella corsa, Yee trascina la Gran Bretagna verso il successo, Pearson stacca Luis e regala l’argento agli Stati Uniti mentre la Francia iridata prende il bronzo. Il nostro Stateff difende l’ottava posizione dal rientro dell’Australia che vale il diploma olimpico per l’Italia.

 

RISULTATI
1 Gran Bretagna (LEARMONTH Jessica, BROWNLEE Jonathan, TAYLOR-BROWN Georgia, YEE Alex) – 1:23:41
2 Usa (ZAFERES Katie, McDOWELL Kevin, KNIBB Taylor, PEARSON Morgan) – 1:23:55
3 Francia (PERIAULT Leonie, CONINX Dorian, BEAUGRAND Cassandre, LUIS Vincent) – 1:24:04
4 Paesi Bassi (KINGMA Maya, van der STEL Marco, KLAMER Rachel, van EGDOM Jorik) – 1:24:34
5 Belgio (MICHEL Claire, van RIEL Marten, BARTHELEMY Valerie, GEENS Jelle) – 1:24:36
6 Germania (LINDEMANN Laura, SCHOMBURG Jonas, KNOLL Anabel, NIESCHLAG Justus) – 1:24:40
7 Svizzera (ANNEN Jolanda, SALVISBERG Andrea, SPIRIG Nicola, STUDER Max) 1:25:27
8 ITALIA (STEINHAUSER Verena, POZZATTI Gianluca, BETTO Alice, STATEFF Delian) – 1:26:23
9 Australia (JEFFCOAT Emma, HAUSER Matthew, GENTLE Ashleigh, BIRTWHISTLE Jacob) – 1:26:27
10 Spagna (GODOY CONTRERAS Anna, ALARZA Fernando, CASILLAS GARCIA Miriam, MOLA Mario) – 1:26:31

 

La pagina del Triathlon sul sito dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020

Notizie correlate:
Alice Betto nella storia: è 7^ a Tokyo 2020! Flora Duffy campionessa olimpica davanti a Taylor-Brown e Zaferes. Steinhauser 20^.
Tokyo 2020: Blummenfelt campione olimpico davanti a Yee e Wilde. 37° Pozzatti, 39° Stateff

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteTokyo 2020: Concorso Completo. Concluso il Dressage Test di Arianna Schivo
Articolo successivoGiochi di Tokyo: Migliozzi ci crede, il sogno medaglia è vivo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui