Advertisement

CASSA FORENSE:
BANDO N° 7/2021
A cura degli Avv. Roberto Nicodemi e Giorgia Celletti
Cari colleghi,
Vi informiamo che  la Cassa Forense, con provvedimento pubblicato nei giorni scorsi, ha indetto per l’anno 2021 un bando per l’assegnazione di contributi per l’organizzazione degli studi legali, persone giuridiche.
Al fine di favorirne la massima diffusione, e rendere un servizio ai colleghi ed al nostro ente previdenziale, ve ne riportiamo il contenuto.
BANDO PER L’ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L’ORGANIZZAZIONE DEGLI
STUDI LEGALI – PERSONE GIURIDICHE
(Art. 14, lett. a7 del Regolamento per l’erogazione dell’assistenza)
N. 7/2021
Art. 1 – Oggetto
Cassa Forense, ai sensi dell’art. 14, lett. a7) del Regolamento per l’erogazione
dell’assistenza e giusta delibera adottata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta
del 23 giugno 2021, indice per l’anno 2021 un bando per l’assegnazione di contributi, fino allo stanziamento di € 500.000,00, per l’organizzazione degli studi legali per persone giuridiche.
Art. 2 – Destinatari
Sono destinatari coloro (avvocati, praticanti avvocati) che, alla data di pubblicazione del bando
– siano legali rappresentanti di uno studio per l’esercizio associato o in forma societaria della professione forense, iscritto alla Sezione speciale dell’Albo e
– siano iscritti alla Cassa o iscritti all’Albo/Registro con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso, non sospesi ai sensi dell’art. 20 della L. n° 247/12, né cancellati
dall’Albo/Registro e – siano in possesso dei requisiti di cui all’art. 4.
Per la medesima associazione/società può essere destinatario del contributo un solo legale rappresentante. Sono escluse le associazioni e le società interdisciplinari.

Art. 3 – Importo
Il contributo, pari al 50% della spesa complessiva, al netto dell’IVA, sostenuta nel
periodo dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2021, non può essere inferiore a €
1.000,00 e superiore a € 3.000,00.
Sono rimborsabili le spese per implementare l’organizzazione dello studio legale, solo per una delle seguenti tipologie:
a) certificazioni ISO atte a eliminare/limitare i rischi dell’attività professionale (a titolo esemplificativo e non esaustivo ISO 27001 per la sicurezza delle informazioni e dei dati);
b) adozione di modelli organizzativi per lo studio legale di cui al D. Lgs. n. 231/2001.
Art. 4 – Requisiti di partecipazione
Per la partecipazione al bando e l’ammissione in graduatoria di cui al successivo art. 6 sono richiesti i seguenti requisiti:
a) tutti i componenti iscritti alla Cassa dello studio per l’esercizio associato o in forma societaria della professione forense devono essere in regola, alla data di pubblicazione del bando, con le prescritte comunicazioni reddituali alla Cassa (Modello 5) per l’intero periodo di iscrizione alla Cassa, da data non antecedente al 1975 e per i pensionati dall’anno successivo al pensionamento;
b) l’associazione/società non ha beneficiato di rimborso, totale o parziale, per le
medesime causali, da parte di terzi.

Advertisement

Art. 5 – Modalità e termini della domanda
La domanda per l’assegnazione del contributo deve essere inviata, a pena di
inammissibilità, entro le ore 24:00 del 18 gennaio 2022 esclusivamente tramite
l’apposita procedura on-line attivata sul sito internet della Cassa www.cassaforense.it, utilizzando l’area riservata del legale rappresentante dell’associazione/società.
Sono inammissibili le domande presentate con modalità e/o canali diversi.
Unitamente alla domanda il richiedente deve produrre sempre con modalità
telematica:
1) copia della/e fattura/e quietanzata/e relativa/e copia della/e fattura/e quietanzata/e
relativa/e all’acquisto eseguito nel periodo dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2021
intestati allo studio associato.
2) copia dell’atto costitutivo della associazione/società con statuto ed eventuali
integrazioni o variazioni afferenti la rappresentanza legale.
Le domande prive o carenti degli elementi essenziali che consentano l’individuazione dell’istante o l’oggetto della richiesta si considerano come non presentate.
In caso di mancanza, incompletezza o irregolarità degli elementi formali della domanda e delle dichiarazioni rese, anche da terzi, l’istante deve produrre, nel termine perentorio di 15 giorni dalla relativa comunicazione e a pena di esclusione, le dichiarazioni, integrazioni o regolarizzazioni richieste da Cassa Forense.
Art. 6 – Graduatoria
I contributi sono erogati, fino a esaurimento dell’importo complessivo previsto dal
bando, secondo la priorità cronologica di presentazione della domanda.
Con la presentazione della domanda si autorizza Cassa Forense a pubblicare sul sito internet la graduatoria senza indicazione del nominativo, ma con codice
meccanografico/numero di protocollo della domanda, data ed orario di ricezione della domanda stessa, nonché a effettuare controlli, anche a campione, sulla veridicità della documentazione, delle dichiarazioni sostitutive e delle autocertificazioni prodotte dal richiedente.

Per ogni ulteriore informazione, Vi invitiamo a far riferimento al sito istituzionale del nostro ente previdenziale.
Con la speranza di svolgere nel migliore dei modi il nostro ruolo di rappresentanti di categoria e salvi eventuali errori, sempre compiuti in buona fede, rimaniamo a vostra disposizione per ogni eventuale, ulteriore info, anche al numero 3286928765.

Con l’impegno di sempre.

Roberto Nicodemi e Giorgia Celletti🥰🥰

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedentePadre Pier Luigi Maccalli pellegrino a Fatima ricorda Suor Gloria Narvaez Argoti, tuttora prigioniera
Articolo successivoVERTENZA ABRAMO CUSTOMER CARE, BARBUTO E ORRICO (M5S): “PROSEGUONO I LAVORI DEL TAVOLO MINISTERIALE, ASSENTE LA REGIONE CALABRIA”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui