Advertisement

Covid/Sgarbi sulla senatrice Ferrero: “Lapidata come e peggio che in uno Stato totalitario”

E aggiunge: “Il covid è una malattia di Stato che presuppone silenzio e obbedienza”.

Advertisement

 

ROMA- Vittorio Sgarbi, deputato alla Camera, prende le difese della senatrice della Lega Roberta Ferrero, messa all’indice dalla stampa e dalla sinistra per aver promosso al Senato un convegno sulle cure del Covid.

  

“Perfetta interprete e seguace del pensiero di Massimo Cacciari e di Luca Ricolfi – spiega Sgarbi –  la senatrice Ferrero ,in uno Stato totalitario, viene lapidata per aver fatto un convegno, non in un campo per raduni Rave, ma al Senato. 

La pressione antidemocratica dei compagni di partito (o ex) di Cacciari, come Simona Malpezzi e Daniela Sbrollini (dello spirito del suo leader Matteo Renzi) costringono Salvini a dissociarsi da una senatrice che ha detto la verità su una malattia di gran lunga meno letale di altre dimenticate come il cancro”.

 

Attacca Sgarbi: “Il covid è una malattia di Stato che presuppone silenzio e obbedienza.

La senatrice Roberta Ferrrero ha semplicemente garantito non la libertà di verità, come protende lo Stato , ma la libertà di opinione come garantisce la Costituzione. Il covid ha ucciso la democrazia.

Parola di Cacciari, di Mario Vargas Llosa,Luca Ricolfi ,Giorgio Agamben, Paolo Becchi. Noti incoscienti fascisti”

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteDal 16 settembre 24 ORE Cultura lancia la nuova collana “Una vita per la musica”
Articolo successivoIl progetto “Sposa il Vintage”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui