Advertisement

REFERENDUM CANNABIS 420.000 FIRME, CONTINUA LA CORSA 

 

Advertisement

A quattro giorni dal lancio del Referendum Cannabis, sono 420.000 le firme a sostegno del referendum. Da ieri la firma digitale – raccolta dal sito referendumcannabis.it – è possibile anche senza SPID o Carta d’Identità Elettronica grazie al servizio TrustPro.

Oltre alle firme, sono importantissime le donazioni che stanno arrivando: ogni firma, infatti, ha il costo di 1,05 euro al comitato promotore. A questo proposito gli organizzatori ringraziano Just Mary, l’azienda di delivery di cannabis legale che per prima ha risposto all’appello per il sostegno alla campagna.

 

I promotori del Referendum Cannabis rilanciano l’appello al Governo affinché, come per tutti gli altri quesiti su cui è attiva al momento la raccolta firme, venga esteso al 30 ottobre il termine ultimo per la consegna delle firme in Cassazione.

 

Un’ultima richiesta è in fine per il Servizio Rai: i promotori chiedono che venga fatta una corretta informazione sul quesito proposto e sulle modalità di firma, come da obbligo sancito con Delibera AGCOM dello scorso luglio (DELIBERA N. 257/21/CONS).

 

Il Referendum Cannabis è promosso dalle Associazioni Luca Coscioni, Meglio Legale, Forum Droghe, Società della Ragione e Antigone. Alla proposta hanno preso parte anche rappresentanti dei partiti +Europa, Possibile e Radicali italiani.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteFilosofia del camminare. Passeggiare, peregrinare, vagabondare. Il filosofo Duccio Demetrio racconta il pensiero filosofico legato al divenire venerdì 24 settembre al festival Pistoia – Dialoghi sull’uomo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui