Advertisement

Migranti, Bielorussia: Save the Children, è vergognoso che l’UE discuta se proteggere o no le vite dei bambini intrappolati al confine, e pensi invece a costruire muri e usare cannoni ad acqua contro chi soffre

L’unico modo di soccorrere e proteggere i bambini disperati, piegati dal freddo e dalla fame, e le loro famiglie, è consentire l’accesso in Europa perché le organizzazioni umanitarie possano intervenire subito in loro aiuto. 

Advertisement

 

Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro, chiede all’UE di tenere fede ai suoi principi e porre fine alle drammatiche sofferenze sul confine tra Polonia e Bielorussia, dopo che l’Organizzazione internazionale per le Migrazioni e l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati hanno recentemente ottenuto l’accesso ai migranti sul lato bielorusso del confine.

L’uso di cannoni ad acqua, granate stordenti e gas lacrimogeni da parte delle guardie di confine polacche per disperdere i migranti ieri è l’ultimo di una catena di eventi brutali avvenuti al confine, dove migliaia di persone, compresi i bambini, sono intrappolati da agosto. Le forze di sicurezza stanno impedendo alle persone di attraversare il confine e chiedere asilo, che è un diritto umano fondamentale.

Nelle ultime settimane, la situazione è diventata sempre più disperata. La crisi umanitaria in corso si sta deteriorando, con almeno 11 vittime su entrambi i lati del confine dall’inizio dell’emergenza, secondo quando riportato, compresi due bambini, la cui morte è stata fortemente condannata da Save the Children. Con l’avvicinarsi dell’inverno, le condizioni di congelamento rischiano di aumentare le malattie e le vittime.

Come sottolinea l’Organizzazione, mentre l’Unione Europea ha aumentato le sanzioni sulla Bielorussia, c’è stata poca o nessuna discussione su come affrontare la situazione umanitaria, o permettere alle persone di entrare nell’UE, ha detto Save the Children. Invece, la Polonia ha deciso di costruire un muro permanente di cemento per prevenire i passaggi illegali in ingresso dalla Bielorussia, e l’UE ha detto che è disposta a considerare il finanziamento dell’opera.

“L’UE e la Polonia hanno l’opportunità di salvare le vite delle persone, compresi i bambini, bloccate ai suoi confini. È vergognoso che si discuta persino se farlo o meno, senza contare che l’attenzione è invece rivolta a respingere le persone disperate costruendo muri e usando cannoni ad acqua” ha dichiarato Inger Ashing, CEO di Save the Children International. “Il cinico sfruttamento e maltrattamento di migranti e richiedenti asilo da parte della Bielorussia è spregevole. Ma c’è un modo chiaro per la Polonia e l’UE di rispettare i loro valori morali più alti, ed è far entrare le persone al confine e consentire alle organizzazioni umanitarie di assisterli subito. La Bielorussia non è un paese sicuro per queste persone, come ha dimostrato chiaramente quello che è successo in questi giorni. Per aiutare i bambini affamati, infreddoliti e disperati intrappolati al confine dell’UE, prima di tutto bisogna offrire loro l’accesso al territorio europeo. In secondo luogo, invitiamo la Polonia a dare a noi e alle altre organizzazioni un accesso umanitario senza ostacoli per poter fornire ai bambini e alle famiglie cibo, riparo e protezione”.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteMassafra. Prima seduta Consiglio Comunale
Articolo successivoLa domanda sbagliata di Assuntina Morresi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui