Advertisement

Il plagio psicologico durante lo sviluppo psico-fisico in età infantile. Uno sfogo, questa volta finale, di un padre verso la figlia ultra-cinquantenne !

 

Advertisement

Da oltre mezzo secolo sto subendo, anche ora a 87 anni,  le conseguenze di un plagio pregresso, ma  continuo, esercitato da parte della mia ex-moglie nei confronti della figlia, ora ultra-cinquantenne,  realtà conseguente ad un divorzio, che rifarei immediatamente e senza alcuna esitazione, al quale hanno fatto seguito forme di condizionamento psicologico e falsa persuasione perpetrate dalla madre  nei confronti della figlia a partire dalla sua prima infanzia, fino alla sua metabolizzazione in negativo delle  capacità di pensiero  e di giudizio da parte di quest’ultima nei confronti del padre.  Insomma, come  purtroppo succede spesso, certe madri sono solite strumentalizzare i figli per danneggiare il padre, specie nel caso di separazione o divorzio. E poi le conseguenze arrivano da “grandi”…nei confronti dei figli.

Voglio riferirmi ed “ espettorare”  (mi scuso per il verbo) un’esperienza personale più che dolorosa, da me vissuta e che sto tuttora vivendo,  tenuto conto che ho amato mia figlia fin dalla nascita ma che, malgrado il tanto amore e le tante ed ingenti  risorse datele che ora lei dimentica, tutto ciò veniva continuamente osteggiato con falsità ed atti mostruosi da parte della madre,  atti anche di gravissima efferatezza delinquenziale nei confronti della mia stessa  salute e della continuità del lavoro, realtà queste che, a furia di ripeterle, sono diventate “verità” per chi, naturalmente, in età infantile, le immagazzinava giorno dopo giorno  in una psiche  in via di sviluppo tanto da farle poi consolidare, mentre ora sta cercando inutilmente di combattere  una derivata palese frustrazione psicologica mischiata ad altri motivi familiari personali  riconducibili alla sua nuova famiglia, realtà che, nel caso di specie, la induce sempre alla ricerca di un capro espiatorio, identificabile nella figura del padre, bersaglio più importante ai fini di uno sfogo, così come si bestemmia Dio.  Cosa che dura da mezzo secolo, tanto da avermi indotto a scrivere due libri sull’argomento di cui a copertine qui riportate.

I fatti narrati, per molto e molto  difetto, mi hanno fatto capire, ma non certo a  giustificare, anzi vituperando la cosa  in toto, il perché nelle famiglie a volte purtroppo succedono tragedie, realtà che grazie alla mia razionalità, i miei nervi d’acciaio, la mia posizione e tanto senso cristiano, non mi hanno mai sfiorato.  E ciò succedeva proprio quando, prima di separarmi,  stavo profondendo tutte le mie energie nell’interesse della famiglia che invece remava contro, assolutamente priva di matura sensibilità anche nei confronti delle varie problematiche professionali che ognuno incontra in sede di avvio della carriera, del cui risultato  però hanno poi goduto  finanziariamente.

Io sono sereno e tranquillo sul mio operato: l’unica cosa di cui mia figlia  mi  potrà incolpare è di aver lasciato la mia ex-moglie  le cui  motivazioni, ma anche gli atti,  si sono ora  trasferiti pari pari, come ho ben capito,  nel bagaglio mentale di mia figlia, e quel che è peggio, consiste nel fatto che non sembra esserci nessuna aspettativa di guarigione. Dal plagio infatti non se ne esce !!!

Ora, dopo mezzo secolo abbondante,  non posso più contare in una forma di civile composizione in quanto, oltre alle delittuose nefandezze di cui sono stato oggetto per anni e che sono tuttora in fastidioso e doloroso itinere, mi pare giusto annunciare pubblicamente che, umanamente, il tempo è davvero scaduto essendo subentrata anche l’inaffidabilità più assoluta e conclamata dopo migliaia di tentativi andati a vuoto:  riaprire un capitolo, sarebbe come invocare la morte.  Anche un ultimo Buon Natale, peraltro via mail, auguratomi  da detta mia figlia, intriso sempre di  sottesa cattiveria accusatoria, a cui sono stato abituato per anni, io rispondo con un semplice grazie, ringraziando e ricambiando senza una sola parola aggiunta, in quanto, per esperienza di vari decenni, ogni sillaba da me proferita, viene sempre strumentalizzata con brutale acredine.

Un padre 87enne.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteSanremo: Radio Vaticana-Vatican News media ufficiale della prima edizione del Festival della canzone cristiana
Articolo successivoCari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e  più verità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui