Advertisement

BUILDINGBOX

presenta

Advertisement

 

Calendario – Nous

di Letizia Cariello

a cura di Annette Hofmann

 

21 gennaio – 23 dicembre 2022

 

 

BUILDINGBOX

via Monte di Pietà 23, Milano

www.building-gallery.com

Letizia Cariello, Calendario Michele, scrittura a inchiostro e ricamo su lenzuolo intelaiato con
inserti di piume, Ø 120 cm, 2017 © Mattia Gaido
BUILDINGBOX presenta dal 21 gennaio al 23 dicembre 2022 il progetto espositivo Calendario – Nous dell’artista Letizia Cariello, a cura di Annette Hofmann.

 

Dopo i precedenti episodi volti a indagare i temi della luce (5779, a cura di Nicola Trezzi, 2019) del vetro (Dalla sabbia – Opere in vetro, a cura di Jean Blanchaert, 2020) e dell’oro (La forma dell’oro, a cura di Melania Rossi, 2021) nell’arte contemporanea – attraverso una successione di installazioni di 12 artisti in 12 mesi – BUILDINGBOX rinnova la consueta modalità espositiva collettiva invitando questa volta un’unica artista a confrontarsi in maniera personale con lo spazio di via Monte di Pietà 23 a Milano, visibile al pubblico 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

 

Spazio indipendente dedicato alla sperimentazione, BUILDINGBOX diventerà nel corso dell’anno un punto di osservazione privilegiato sull’arte di Letizia Cariello e, insieme, uno spazio di dialogo con il visitatore, che dalla trasparenza di BUILDINGBOX potrà osservare lo svolgersi di una mostra che si dilata nel tempo anziché nello spazio: un susseguirsi ininterrotto di installazioni site-specific a cadenza irregolare, frutto di interventi imprevedibili e liberamente dettati dal tempo creativo dell’artista.

 

I temi del tempo e del confine sono centrali nella ricerca di Letizia Cariello, che da anni lavora con la pratica del ricamo e della tessitura per dare forma tangibile a legami invisibili, esplorando la relazione tra spazio interiore e mondo esterno. La volontà di intercettare la consistenza materiale del tempo si concretizza nella ricerca e nella raccolta delle sue tracce, rese visibili attraverso la scrittura di calendari e il ricorso a un filo rosso – un marchio della sua produzione – che unisce e cuce tra loro oggetti, materie e spazi. In questo processo di cucitura, l’artista avvicina mondi diversi relazionandoli tra loro, rinsalda dei legami persi, cura delle ferite. Dagli alberi alle teiere, dalle tazze alle fotografie, il suo segno attraversa gli oggetti e gli spazi quotidiani per materializzare il tempo in una forma percepibile.

 

Nella poetica di Letizia Cariello, I Calendari rappresentano una forma di meditazione sul tempo e sulla sua reale esistenza, un esercizio artistico di scrittura e concentrazione mentale sul tempo a venire, nel tentativo di dare una corporeità alla sua natura intangibile, renderla concreta, o quantomeno rincorrerla, dandole un nome e una data. Con Calendario – Nous l’artista esplora per BUILDINGBOX il concetto di Nous (νοῦς in greco antico) che indica, a partire da Omero, la facoltà interiore di comprendere un evento – l’intelletto – intesa come porta o passaggio verso una dimensione altra, che esula dal tempo lineare per aprirne uno circolare, spirituale. Il Nous si presenta quindi come una soglia che invita il pubblico ad attraversare metaforicamente i confini e a comprendere l’intreccio tra spazio, installazione e tempo, divenendo esso stesso parte integrante dell’opera e delle sue relazioni.

 

Calendario – Nous diventa quindi un invito, l’esortazione a ritornare, a non lasciarsi sfuggire il mutare dello spazio secondo un tempo vivo. Nelle parole di Letizia Cariello “BUILDINGBOX diventa carne, un cuore pulsante che, sia di giorno che di notte, pompa assottigliando i propri confini spaziali e materici, creando una Porta verso una nuova dimensione, uno spazio di connessione”. Proprio come un essere vivente, il progetto espositivo crescerà e si trasformerà nel corso dell’anno, con successive aggiunte e sottrazioni di alcuni elementi, seguendo un proprio percorso di vita irregolare e imprevedibile.

Letizia Cariello, Fratellini & Sorelline, serie di coppie di oggetti, porcellana e filo rosso, misure variabili, 2015-2021

Cenni biografici

 

Letizia Cariello nasce in una famiglia di origine napoletana dedita da più duecento anni alla scultura. Oggi vive e lavora a Milano. Si laurea in Storia dell’arte all’Università degli Studi di Milano e, dopo aver lavorato per il cinema in Italia e negli Stati Uniti, si diploma in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera.

Le opere dell’artista – disegni, installazioni, video, sculture – sono attualmente esposte in collezioni pubbliche e private internazionali, per citarne alcune: il National Museum of Women in the Arts, il Washington DC; il Mint Museum, Charlotte, NC; la collezione di Tony e Heather Podesta, Washington DC; la Collezione Farnesina – Experimenta, Ministero degli Esteri, Roma; il Museion / Ar-Ge Kunst, Bolzano; la collezione Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Torino; la collezione Etro, Venezia; la collezione Borromeo, Milano; la collezione Rusconi Art Project, Agrate Conturbia, Collezione Bag – Uni L. Bocconi, Fondazione Trussardi e molte altre. Ha partecipato a mostre personali e collettive promosse da autorevoli istituzioni museali, come La Triennale di Milano (2018), MART di Rovereto (2003, 2001), Kunstverein Ludvigsburg (2002). Altre importanti personali hanno dato risalto al lavoro di Letizia Cariello, tra cui “Il tuo cielo è verde” al Filatoio Rosso di Caraglio (2021), oltre ad altri group-exhibition come l’ottava edizione di BAG – Bocconi Art Gallery (2021).

Letizia Cariello

BUILDINGBOX è il progetto espositivo inaugurato nel settembre 2018, situato all’interno di una delle vetrine di BUILDING che affacciano su via Monte di Pietà, visibile 24 ore su 24, notte e giorno, senza dover entrare all’interno della palazzina, nonostante ne faccia effettivamente parte. Attraverso la sua collocazione riflette l’obiettivo per cui è stata creato: costruire un luogo indipendente caratterizzato da un progetto autonomo rispetto alla programmazione delle mostre che BUILDING ospiterà durante l’anno. BUILDINGBOX si basa su un’estensione temporale e ospiterà una serie di opere, legate fra loro da un fil rouge che si svilupperà nel tempo, invece che nello spazio. BUILDINGBOX è uno spazio fisico, non una semplice vetrina, è delimitato da muri bianchi e vetro, una soluzione espositiva inedita che rappresenta un’interruzione dell’ordinario concetto dell’esporre, in cui contenuto e contenitore sono strettamente connessi, dando vita a un dialogo costante fra forma e contenuto. Una relazione che si attua anche fra l’interno e l’esterno, essendo questo un luogo fruibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Questa vetrina ospiterà diversi artisti e designer, cicli di mostre e progetti temporanei, offrendo un approfondimento di tipo curatoriale su molteplici tematiche artistiche.

 

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteLa pizza unisce ancora Napoli e Baku, Italia e Azerbaigian
Articolo successivoI segreti del territorio viticolo del Livenza studiati da Tenute Tomasella

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui