Advertisement

DL Milleproroghe. Bitti, UGL: “Urge proroga ammortizzatori sociali con causale Covid-19 e sblocco assunzioni nella p.a.”

“Preoccupa l’enorme mole di decreti attuativi richiesti per dare seguito alle disposizioni varate dal Parlamento, un aspetto che finisce per penalizzare il cittadino e in grado di compromettere l’efficacia di uno strumento come il ‘Dl Milleproroghe’. Fra le criticità presenti nel decreto, emerge la mancata proroga degli ammortizzatori sociali con causale Covid-19 e, conseguentemente, delle limitazioni ai licenziamenti collettivi e individuali, con riferimento specifico ai settori come turismo, ristorazione, trasporto pubblico e privato, compreso il trasporto aereo. E’ altrettanto fondamentale, inoltre, garantire la proroga dell’equiparazione fra malattia e quarantena o sorveglianza attiva nei casi di contatti con persone positive al Covid-19 e delle misure a tutela dei lavoratori agili, compreso lo smart working. Urge, infine, avviare uno sblocco effettivo delle assunzioni nella pubblica amministrazione e negli enti locali al fine di assicurare i livelli essenziali delle prestazioni, ad iniziare da quelle sociali e per la sicurezza delle città, attraverso il rafforzamento della polizia locale. La mancanza di organico, infatti, si riflette sulla capacità stessa della pubblica amministrazione di rispondere in tempi certi e, soprattutto, rapidi, in settori come la sanità, i servizi educativi, la scuola, i servizi sociali e la cultura.” Lo ha dichiarato Fiovo Bitti, Dirigente Confederale dell’UGL, in occasione dell’audizione sul ‘Dl Milleproroghe’ presso le Commissioni Affari costituzionali e Bilancio riunite.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Advertisement
Articolo precedenteÈ disponibile in digitale “THE IKIGAI SERIES”, l’album del cantautore urban PELIGRO.
Articolo successivo“UN FILO PREZIOSO”, AL VIA LA NUOVA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE DELLA LEGA DEL FILO D’ORO CON PROTAGONISTI I TESTIMONIAL STORICI RENZO ARBORE E NERI MARCORÈ

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui