Advertisement

COVID, CLIMA E CONFLITTI: IL MIX LETALE CHE AFFAMA IL CORNO D’AFRICA

LA DISPERAZIONE DELLE MADRI: «NON ABBIAMO CIBO PER I NOSTRI BAMBINI»

Advertisement

13 milioni le persone tra Kenya, Somalia e Etiopia in condizione di grave insicurezza alimentare. Le storie e le testimonianze dal campo raccolte da Cesvi, da anni attiva nella regione.

 Vaccini, l’appello in occasione del summit Ue-Ua: «Liberalizzare subito i brevetti per accelerare l’immunizzazione dei Paesi poveri»

 

Milano, 18 febbraio 2022«Siamo abituate a convivere con la fame, fin da piccole. Ma non avere nulla per sfamare tuo figlio è un’altra cosa». Ogni settimana, sfidando il caldo tipico della stagione secca, Ima, 20 anni da poco compiuti, percorre due ore di cammino per raggiungere il centro di salute materna e infantile di Burat, in Kenya, dove il suo bambino, gravemente malnutrito, riceve le cure dei medici. Jonathan, due anni appena, è uno dei piccoli pazienti del centro gestito da Cesvi nella Contea di Isiolo, nel Kenya centrale.

 

Il Paese, come il resto del Corno d’Africa, sta sperimentando una delle peggiori siccità degli ultimi decenni, dopo tre stagioni consecutive di piogge scarse. Si stima siano 13 milioni le persone tra Kenya, Somalia e Etiopia in condizione di grave insicurezza alimentare[1], 5.5 milioni i bambini affetti da malnutrizione acuta. La siccità ha decimato i raccolti (con perdite del 70%) e provocato una moria di capi di bestiame, a milioni, principale fonte di sostentamento delle famiglie[2].

 

Un mix letale ll Corno d’Africa è un caso emblematico dove si concentra quel mix letale – clima, Covid, conflitti – che sta affamando il mondo[3]. La siccità infatti è solo l’ultima emergenza in ordine di tempo a colpire popolazioni ancora alle prese con le conseguenze delle inondazioni del 2019, dell’invasione biblica delle locuste dello stesso anno, dei conflitti armati (Etiopia e Somalia), della pandemia da Covid-19.

 

Cesvi nel Corno d’Africa I programmi per la salute materna e infantile non sono gli unici che l’organizzazione umanitaria ha messo in campo nella regione. Dal 2009 porta avanti numerosi progetti che mirano a promuovere la sicurezza alimentare, soprattutto di donne e gruppi vulnerabili, l’igiene e l’accesso all’acqua potabile. Più di recente ha avviato programmi per rispondere all’emergenza Covid-19: da un lato con interventi per arginare la diffusione del virus (stazioni per il lavaggio delle mani, campagne di sensibilizzazione e distribuzione di dispositivi di protezione) dall’altro con programmi di sostegno (Cash Assistance) concepiti per mitigare le conseguenze economiche della pandemia.

 

La campagna di immunizzazione Il Covid-19 infatti ha ridotto drasticamente le fonti di reddito della popolazione. Solo in Kenya si stima siano 2 milioni le persone scivolate sotto la soglia di povertà a causa della pandemia[4]. Intanto la campagna di immunizzazione arranca, come nel resto del Continente. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità appena l’11% della popolazione in Africa ha ricevuto il vaccino[5].

 

 

 

 

 

La liberalizzazione dei vaccini In occasione del vertice Unione europea – Unione africana[6] in corso a Bruxelles, Cesvi ribadisce la necessità di fornire subito una risposta alla grave crisi che ha colpito quest’area dell’Africa Subsahariana: «È urgente adottare un approccio multidimensionale con interventi a 360 gradi per affrontare problemi endemici di questa area come il cambiamento climatico e le carestie che conseguono, la fame e la malnutrizione, i conflitti e il Covid. La liberalizzazione dei vaccini, auspicabile e necessaria, da sola non potrà essere sufficiente: tutti i diversi fattori che impattano negativamente su questi Paesi devono essere trattati di concerto per fornire una risposta che possa essere in grado di accrescere la resilienza, l’empowerment e la sicurezza alimentare di queste comunità», commenta il vice direttore generale di Cesvi Roberto Vignola.

 

 

Ufficio Stampa Atlantis Company

 

Federica Giovannetti: giovannetti.federica@atlantiscompany.it – 375 6654841

Martina Ripamonti: martina.ripamonti@atlantiscompany.it – 375.5268616

Maria Chiara Zilli: mariachiara.zilli@atlantiscompany.it – 375 5637748

Alessia De Rubeis:  alessia.derubeis@atlantiscompany.it – 334.9610869

 

 

 

 

 

 

Fondazione Cesvi da oltre 35 anni protegge in tutto il mondo l’infanzia e le categorie sociali più vulnerabili con le Case del Sorriso, offrendo loro opportunità di crescita e sviluppo, cure, accesso all’istruzione e alla formazione lavora­tiva, proteggendoli da ogni forma di violenza, abusi, sfruttamento e trascuratezza.  L’organizzazione ha scelto negli ultimi anni di portare l’esperienza maturata nei Paesi del sud del mondo anche in Italia intervenendo a Bergamo, Napoli e Bari, in collaborazione con partner locali, con un programma di prevenzione e con­trasto al maltrattamen­to infantile, e allo stesso tempo, di approfondire e studiare scientificamente il fenomeno attraverso l’Indice regionale sul maltrattamento all’infanzia, realizzato insieme ad esperti di settore e rappresentanti delle istituzioni. A oggi il programma di Fondazione Cesvi ha raggiunto in Italia oltre 1.380 bambini e ragazzi, che hanno usufruito di spazi di ascolto e/o percorsi di promozione del loro benessere; 660 genitori, che sono stati coinvolti in percorsi di genitorialità positiva e supportati con consulenze psico-pedagogiche e 559 professionisti (operatori e insegnanti), che sono stati formati per diventare ancora più efficaci nell’affrontare e prevenire il maltrattamento e la trascuratezza. Per info: www.cesvi.org

 

[1] 13 million people facing severe hunger as drought grips the Horn of Africa, Pam

[2] HORN OF AFRICA DROUGHT: HUMANITARIAN KEY MESSAGES, Unocha

[3] Indice globale della fame 2021, Cesvi

[4]  Kenya Economic Update: COVID-19 Erodes Progress in Poverty Reduction in Kenya, Increases Number of Poor Citizens, Banca mondiale

[5] Africa needs to ramp up COVID-19 vaccination rate six-fold, Oms

[6]  Vertice Unione europea-Unione africana, 17 e 18 febbraio 2022, Consiglio dell’Ue

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedentePiccoli e Grandi eroi dei nostri tempi – Concorso internazionale Amibitonoi – Io non ho paura
Articolo successivoCINESOFIA I GRANDI TEMI DELLA FILOSOFIA ATTRAVERSO IL CINEMA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui