Advertisement
CON L’IMPEGNO DI SEMPRE….
ROBERTO NICODEMI E GIORGIA CELLETTI 

CNF 2022: PARERE SU QUESITO COA ROMA

IL PARERE DI CONGRUITA’ NON PUO’ ESSERE RICHIESTO DALLA PARTE ASSISTITA CHE HA GIA’ CORRISPOSTO IL COMPENSO ALL’AVVOCATO

– INFO N° 385 –

A cura degli Avv. Roberto Nicodemi e Giorgia Celletti

Cari colleghi, vi informiamo che il C.N.F., con il parere n° 16 del 2022, richiesto dal COA ROMA, ha precisato che il parere di congruità – su onorari già corrisposti –  può essere richiesto solo dall’avvocato.

Il nostro COA aveva formulato un quesito che riguardava la possibilità, per la parte assistita che aveva già corrisposto il compenso all’avvocato, di richiedere il parere di congruità sul medesimo compenso al fine di ottenere il rimborso delle spese legali a seguito di sentenza di assoluzione.

Il C.N.F., richiamando il parere 57\2021, si è così espresso ” dalla lettera dell’art. 13, comma 9, della legge professionale ( 247\2012), si desume chiaramente che a chiedere il parere di congruità, peraltro solo in caso di mancato accordo, sia unicamente l’avvocato” .

Con la speranza di svolgere nel migliore dei modi il nostro ruolo di rappresentanti di categoria e salvi eventuali errori, sempre compiuti in buona fede, rimaniamo a vostra disposizione per ogni eventuale, ulteriore info, anche al numero 3286928765.

Con l’impegno di sempre.

Roberto Nicodemi e Giorgia Celletti🥰🥰

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteMalattie rare: Yuliya è arrivata da Kiev al Monaldi grazie alla rete di solidarietà coordinata da OMaR
Articolo successivoUNA RIFLESSIONE MATURATA IN…BANCA  NEGLI ANNI 50-60

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui