Advertisement

Dopo il diploma? Riprendono quota le alternative all’università:
1 giovane su 5 baratterebbe la laurea per un lavoro
o una qualifica professionalizzante.
E 1 su 4 vorrebbe fondare un’azienda tutta sua

 

Advertisement

La ricerca di una laurea rimane il percorso principale dopo la scuola per circa 1 studente su 2, ma sempre più giovani si orientano verso valide alternative: 1 su 10 vorrebbe frequentare un corso non universitario per cercare presto un lavoro qualificato, altrettanti andrebbero subito alla ricerca di un lavoro. Ma molti ragazzi e ragazze progettano il proprio futuro sin dai banchi di scuola: tra chi si vede imprenditore (25%), 1 su 10 sta già costruendo la sua impresa. È quanto emerge da “Dopo il diploma”, una ricerca condotta da Skuola.net e ELIS su 3mila studenti delle scuole superiori

 

  • Circa 1 su 5, subito dopo la maturità punta a trovare presto un lavoro, cercando subito un impiego (8%) oppure seguendo un corso professionalizzante non universitario (10%) come gli ITS o gli IFTS.
  • Molti studenti già lavorano durante la scuola: il 26% lo fa nei periodi di pausa dalla didattica, il 19% anche durante i mesi di lezione. Nella maggioranza dei casi (86%), si tratta di lavori “tradizionali”, ma 1 su 7 sta puntando su lavori digitali, che sfruttano il web.
  • Una volta completato il ciclo di studi superiori, 1 su 4 vorrebbe costruire qualcosa di suo, diventando imprenditore. Tra loro, la maggior parte (59%) pensa di avere già in mano l’idea vincente. Mentre 1 su 10 sta già sviluppando la sua impresa insieme a un team
  • “La scuola italiana secondaria ha difficoltà a orientare i propri studenti – sottolinea Gianluca Sabatini, responsabile Marketing ELIS – Lo confermano i dati della ricerca che abbiamo condotto assieme a Skuola.net. È necessario quindi sviluppare una didattica che sia esperienza e relazione. Per farlo bisogna portare le aziende dentro le scuole e la scuola superiore dentro le aziende. Esattamente l’obiettivo che ELIS persegue da anni attraverso le attività del Sistema Scuola Impresa, tra le quali si inserisce la sua Open week”

 

La pandemia ci restituisce una generazione di giovani intenzionati a smentire le etichette affibbiate loro dagli adulti, che negli anni li hanno descritti con termini come “bamboccioni” o “choosy”. Senza peraltro restituirgli attività di orientamento scolastico degne di questo nome: basti pensare che, alle scuole superiori, il 45% degli studenti ancora non ha chiaro cosa fare dopo il diploma. Un dato che è preoccupante perché si manifesta in proporzioni simili anche tra le ragazze e i ragazzi che tra poco meno di cento giorni dovranno scegliere cosa fare dopo la Maturità. A segnalarlo è “Dopo il diploma”, la ricerca condotta da Skuola.net su un campione di 3mila alunni delle scuole superiori, in occasione della ELIS Open Week, l’evento organizzato da ELIS – realtà no profit che forma persone al lavoro –  per avvicinare le aziende leader nei settori tecnico-tecnologici agli studenti.

 

La Generazione Z, dunque, sembra non volersi rassegnare a ingrossare le file dei cosiddetti NEET, quei giovani che non studiano e non lavorano. La voglia di mettersi in gioco sin dai banchi di scuola è un elemento molto presente e da non sottovalutare. Pur essendo impegnati nella principale occupazione di studenti, infatti, quasi la metà (45%) dei ragazzi intercettati dall’indagine di Skuola.net e ELIS racconta che già sta facendo delle “prove tecniche di lavoro”, per crearsi un piccolo salvadanaio o togliersi qualche sfizio: il 26% lo fa nei periodi di pausa dalla didattica (vacanze estive, natalizie, ecc.), il 19% anche durante i mesi di scuola.

 

Certo, in 6 casi su 7 si tratta dei classici “lavoretti” (cameriere, baby-sitter, fattorino, ecc.). Ma è significativo che 1 su 7 guadagni puntando su lavori “digitali”, ovvero quelli che sfruttano il web e le nuove tecnologie informatiche. I più diffusi? In rigoroso ordine di preferenze riguardano ambiti come l’e-commerce, lo sviluppo e la gestione di app e servizi online, la gestione di pagine social, il fintech (acquisto/vendita di criptovalute, trading online), l’influencer marketing, il gaming e l’informazione online. Non è raro, quindi, imbattersi in adolescenti che acquistano prodotti griffati da rivendere online oppure in social media manager in erba o in gamer che coltivano account di gioco ricchi di punti esperienza e potenziamenti per poi venderli. Per non parlare dei visibili e molto ambiti influencer sulle varie piattaforme di social media e streaming.

 

Anche la complicata relazione tra formazione e mondo del lavoro sembra stia iniziando a cambiare, a oltre un anno dall’insediamento del Governo Draghi, che ha puntato molto sul rilancio della filiera di istruzione secondaria tecnico-professionale e sulla creazione di percorsi post diploma professionalizzanti, come gli ITS. Circa 1 su 5, subito dopo il diploma, punta proprio ad avere presto un’occupazione: l’8% immettendosi direttamente nel mercato del lavoro, il 10% seguendo un corso – ITS o similare – che gli permetta di specializzarsi ma accorciando il tragitto che porta dai banchi di scuola al lavoro. E, tra quanti hanno invece in programma di andare all’università, una quota simile – il 19%, che tra i maschi sale fino al 26% – cambierebbe idea se venisse a conoscenza di un percorso alternativo capace di garantire ampie possibilità di collocamento e opportunità di carriera. Non mancano poi quelli (il 7%) che sarebbero interessati ad entrare nelle forze armate o di polizia.

 

Di contro, complice forse anche l’incertezza in cui stiamo vivendo negli ultimi tempi, l’obiettivo laurea sembra registrare un calo di appeal. E’ vero che rimane la strada maestra per la metà degli studenti delle superiori, ma la flessione è sensibile: rispetto alla stessa indagine, svolta lo scorso anno, ben l’11% di studenti in meno è intenzionato a considerare solo ed esclusivamente l’opzione università dopo il diploma. Una ricerca di maggiore “praticità” dai percorsi di formazione che non sembra essere isolata tra i nostri adolescenti, visto che quest’anno per la prima volta i licei hanno registrato una flessione delle iscrizioni rispetto a dodici mesi fa: un fatto storico che non avveniva da una decade.

 

Tuttavia, emerge una preoccupante e diffusa incertezza su quello che accadrà dopo la scuola: 1 studente su 5 immagina che i mesi successivi al suo diploma saranno dedicati alla riflessione sul futuro o addirittura a un anno sabbatico. Mentre 1 su 10 si rifugia nella sempreverde prospettiva di “andare all’estero per tentare la fortuna”. Si tratta di un popolo composto potenzialmente da centinaia di migliaia di studenti, che rischiano di perdersi.

 

“La scuola italiana secondaria ha difficoltà a orientare i propri studenti – sottolinea Gianluca Sabatini, responsabile Marketing ELIS – Lo confermano i dati della ricerca che abbiamo condotto assieme a Skuola.net, soprattutto nel passaggio che vede quasi la metà dei ragazzi intervistati abbastanza o del tutto disorientati riguardo il proprio futuro professionale. Quando, invece, la formazione scolastica dovrebbe sostenere i giovani nel loro progetto di vita, valorizzando le loro propensioni culturali e professionali. È necessario quindi sviluppare una didattica che sia esperienza e relazione. Per farlo, bisogna portare le aziende dentro le scuole e la scuola superiore dentro le aziende. Esattamente l’obiettivo che ELIS persegue da anni attraverso le attività del Sistema Scuola Impresa, tra le quali si inserisce la sua Open week: una settimana ricca di appuntamenti finalizzati a orientare i ragazzi attraverso il confronto con professionisti aziendali, attività laboratoriali e incontri ispirativi con le role model delle imprese del Consorzio ELIS”.

 

Perché sarebbe un peccato disperdere un capitale umano che sembra pronto a guardare il mondo del lavoro in maniera diversa dai propri genitori e in linea con le prospettive attuali. Nel Paese dove il posto fisso è uno degli obiettivi principali delle mamme e dei papà per i propri figli, 1 ragazzo su 4 vorrebbe al contrario costruire qualcosa di suo, calandosi nei panni dell’imprenditore. Mentre il 23%, pur non osando aspirare a tanto, si immagina da grande come un lavoratore autonomo per avere più libertà. Solamente il 20% aspira ancora alla sicurezza del “tempo indeterminato”. Tuttavia, di nuovo, non tutti hanno pensato al proprio futuro professionale: il 32% degli intervistati ancora non l’ha fatto. A differenza degli aspiranti capitani d’azienda, la maggior parte dei quali (59%) pensa di avere già in mano l’idea vincente. Mentre 1 su 10 sta già sviluppando la sua impresa insieme a un team.

 

 

ELIS è una realtà no profit che forma persone al lavoro, sulla scia dei valori di San Josemaría, fondatore dell’Opus Dei. Nata più di 50 anni fa, si rivolge a giovani – specie quelli in difficoltà – a professionisti e imprese costruendo con loro percorsi formativi, progetti di innovazione e attività di sviluppo sostenibile. Opera in Italia e nel mondo, favorendo il lavoro come strumento di emancipazione personale, come opportunità di mettersi al servizio degli altri e come elemento fondante di ogni progetto di vita. In ELIS volontari, imprenditori, studenti, ricercatori, startupper, docenti, migranti e cooperatori lavorano fianco a fianco per estendere le opportunità e rendere ogni persona agente del cambiamento, operando senza pregiudizi religiosi o culturali e favorendo sempre la parità di genere.

Dal 2018 il Progetto Sistema Scuola Impresa (https://sistemascuolaimpresa.elis.org/) ha riunito le aziende del Consorzio ELIS con l’obiettivo comune di aiutare i giovani nella scoperta dei loro talenti e a riconoscere la loro vocazione professionale. La nuova edizione vede coinvolte oltre 280 role model, professioniste esemplari provenienti principalmente dai settori tecnici/tecnologici e che ispireranno gli studenti (inspirational talk), 30 imprese che daranno agli studenti delle 120 scuole del network occasione di sperimentarsi su progetti aziendali (Alternanza Scuola Lavoro) e si arricchisce di un palinsesto di incontri di orientamento (on line) in cui i CEO dialogheranno con gli studenti condividendo con loro i grandi investimenti infrastrutturali che attueranno per il Paese e che richiederanno nuove professionalità.

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteL’ Italia chieda chiarimenti sui bambini soldato a Tidunf
Articolo successivoCon a4GATE, Applied garantisce il massimo livello di cyber security oggi possibile per le industrie 4.0 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui