Advertisement

CONFEDERCONTRIBUENTI. MANGANO: “NEGLI ULTIMI VENTI ANNI L’IMPRESA ITALIANA VIVE UN COSTANTE DECLINO, SOPRATTUTTO LA PMI. COLPA DI UN SISTEMA POLITICO CHE HA ABBANDONATO”

“L’impresa italiana negli ultimi venti anni vive un costante declino, soprattutto la piccola media impresa, sicuramente non va attribuita la colpa agli imprenditori che hanno creduto con il massimo impegno nella propria attività, ma ad un sistema politico che ha abbandonato quest’ultimi, propagandando prima delle elezioni promesse, e subito dopo millantando una luce in fondo al tunnel, propria questa ne è causa, perché chi ha creduto ed investito oggi si ritrova solo di fronte a un deserto istituzionale”. A dichiararlo è Giovanni Mangano che in seno alla Confedercontribuenti ricopre in Sicilia il ruolo di coordinatore regionale-, con alle spalle un’esperienza politica che lo ha visto e lo vede sempre in prima linea, interessato alle questioni che riguardano i problemi dei contribuenti e delle imprese, ma anche i problemi del territorio, soprattutto quelli da sempre irrisolti. Giovanni Mangano sostiene che “l’impresa oggi, dopo la pandemia, risulta una categoria praticamente assoggettata alle banche che risultano unico ‘cliente’, e come socio si ritrovano lo Stato, esponendo pressioni sempre più forti che hanno come unico risultato il fallimento. Non possiamo più accettare che la parte che sostiene il nostro Paese, un paese democratico e liberale, sia abbandonata. E mi riferisco soprattutto alle pmi che dal dopoguerra sono essenzialmente la struttura portante dell’intera economia nazionale.
Per cui –fa sapere il coordinatore regionale- noi della Confedercontribuenti chiediamo alle istituzioni una soluzione immediata ed efficace per far uscire dal sovraindebitamento con banche e stato, realizzando un decurtamento della pressione fiscale e una ristrutturazione del debito, accorpando quest’ultime con unica rata a tassi agevolati garantiti dallo stato, nel dettaglio chiediamo la ristrutturazione del debito al 40% escludendo interessi e sanzioni. Lo stato dal un lato potrebbe riscuotere cifre che oscillano tra i 200 e 300 miliardi e le banche finalmente riavere indietro ciò che hanno prestato senza svendere il titolo di credito, a cifre misere che oscillano dal 9 al 19 per cento. Una proposta –conclude Giovanni Mangano, coordinatore regionale Confedercontribuenti Sicilia- che non vuole essere un condono, ma bensì un vero rilancio economico e produttivo, riuscendo finalmente a dare un indirizzo di politica economica, ma soprattutto non abbandonando quel tessuto imprenditoriale che negli anni ha contribuito, con sacrificio e amore per questa nazione, alla crescita e benessere dell’Italia”.

Advertisement

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedentePresentazione del 3° Rapporto annuale sul Lavoro Domestico di DOMINA presso il Senato della Repubblica il giorno  08 aprile 2022.
Articolo successivoFONDAZIONE ANTONIO DALLE NOGARE presents Etel Adnan & Simone Fattal: Working Together | OPENING: 29 April at 6 PM, Bolzano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui