Advertisement

Il 5×1000 di Pro Terra Sancta
Dalle piccole realtà imprenditoriali in Siria alle opere in Palestina. Con i fondi del 5xmille abbiamo contribuito a Betlemme alla conservazione del patrimonio culturale, al servizio alla comunità locale e all’empowerment femminile, i criteri orientativi del nostro impegno. Lo abbiamo concretizzato nella costruzione della Dar al-Majus Community Home e nel sostegno alle Bet-Women.
 

 

Advertisement

Gentili colleghi,

 

vi informiamo sulle realtà da noi finanziate con la campagna per il 5×1000 dal titolo La tua firma fa miracoli.

 

La storia di Ghadeer

 

Ghadeer è una donna siriana sulla quarantina, nata a Homs. Nel 2003, ancora molto giovane, impara l’arte del cucito e del ricamo, e comincia ad intraprendere un’attività di sartoria. È brava, tanto che comincia a pensare di mettersi in proprio.

 

Nel 2011, la Siria cade nel baratro della guerra che, dopo undici anni, ancora la sta interessando. Homs è tra le prime zone ad essere duramente colpite. Ghadeer è costretta a trasferirsi a Damasco. Giunge nella capitale senza più nulla, è costretta a lavorare con mezzi di fortuna, con una piccola macchina con cui non riesce a realizzare granché.

 

Poi, dice la donna, “ho letto un annuncio su internet su come iniziare dei piccoli progetti che mi ha molto incoraggiato. Ho fatto domanda per questa formazione e questo sostegno, sono stata accettata e ho cominciato un nuovo progetto di sartoria”.

 

L’iniziativa che Ghadeer ha conosciuto è offerta da Pro Terra Sancta ed è costituita da un ciclo di istruzione e da un concreto supporto economico per i piccoli imprenditori in Siria. Non si può superare una crisi se non aprendo strade inedite, intraprendenti. Quella di Ghadeer ne è un esempio.

 

È per fare spazio a storie come questa che noi impieghiamo i fondi ricevuti dal 5×1000.

 

L’impegno di Pro Terra Sancta nello scorso anno

 

Con il 5×1000 raccolto da Pro Terra Sancta sono tante le iniziative che si sono potute realizzare. Per il 2020-2021, abbiamo avuto a disposizione 186mila euro, spesi prevalentemente per la città di Betlemme.

 

Con la maggior parte dei fondi, abbiamo finanziato la costruzione della Dar al-Majus Community Home, che sarà inaugurata il prossimo 9 giugno. Si tratterà di un nuovo centro operativo per Pro Terra Sancta a Betlemme, che avrà un ruolo importante anche nel servizio alla comunità locale. Nei suoi spazi, accanto agli uffici dell’Associazione, alcuni giovani artisti palestinesi emergenti (fotografi, pittori, cantanti…) potranno esibire le loro opere, un’occasione davvero rara per il contesto culturale dei Territori, e ci sarà spazio anche per realtà di educazione all’imprenditoria, come il corso di co-kitchen già promosso da Pro Terra Sancta nel 2021. Sarà la casa della comunità di Betlemme, un luogo di lavoro e di bellezza, in cui potersi incontrare per dare vita a nuovi progetti e nuove idee.

 

A Betlemme, il 5×1000 è stato destinato anche all’empowerment femminile, con il sostegno alle Bet-women, cinque donne coinvolte in una nuova impresa di sartoria. Tutte e cinque provengono dal mondo del turismo, che a Betlemme è l’anima del tessuto economico e che è stato affossato dalla pandemia. Pro Terra Sancta è intervenuta in loro supporto garantendo non solo un aiuto emergenziale, ma una vera e propria strada di formazione e di riqualificazione professionale. Oggi i tessuti delle Bet-Women sono venduti in tutto lo Stato di Israele, da Gerusalemme a Tel Aviv.

 

E non è mancato, come sempre, l’impegno a vantaggio degli ultimi. Con parte dei fondi del 5×1000, abbiamo finanziato il centro d’ascolto della parrocchia di Betlemme e abbiamo così raggiunto 72 persone. 69 di loro sono state assistite da un punto di vista medico, e tre, invece, hanno ricevuto una formazione professionale.

 

Con i fondi ricevuti dai proventi del 5xmille vogliamo sempre impegnarci per la preservazione del patrimonio culturale dell’area israelo-palestinese, e vogliamo farlo attraverso la promozione di percorsi di educazione e di aiuto che siano duraturi e sostenibili.

 

Scoprite quello che stiamo facendo attraverso il nostro bilancio sociale appena pubblicato.

 

Per ogni necessità e dubbio non esitate a contattarci attraverso i recapiti presenti in calce a questa mail.

 

Andrea Avveduto

Ufficio stampa Pro Terra Sancta – 026572453

a.avveduto@proterrasancta.org

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteIl pianista Maurizio Mastrini presenta il suo nuovo album “Hugs”
Articolo successivo12esima edizione del WeWorld Festival

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui